Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ho paura torero

Di

Editore: Marcos y Marcos

4.1
(394)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 218 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8871685032 | Isbn-13: 9788871685038 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: Giuseppe Mainolfi , Marzia Luppi Cortaldo

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , Gay & Lesbian , Political

Ti piace Ho paura torero?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Lei è la Fata dell’angolo, travestito passionale e canterino, sartina delle signore dei quartieri alti, anima d’artista. Carlos è un militante del Fronte patriottico Manuel Rodríguez, a caccia di un nascondiglio sicuro per le sue riunioni clandestine.
Per amore, la Fata offre al ragazzo la propria soffitta. Per amore, accetta le mezze verità di Carlos, gli incarichi rischiosi necessari per la Causa: le basta stargli accanto.
Assillato da una moglie logorroica, tormentato da incubi d’infanzia e paure di morte, Pinochet va e viene dal proprio “retiro” del Cajón del Maipo, residenza estiva che domina Santiago dall’alto. La sua bacchetta sempre più stanca di direttore d’orchestra si agita al di là dei vetri blindatissimi dell’auto, picchietta l’oblò dell’aereo presidenziale che a malapena lasciano atterrare in altri paesi.
Finché un giorno, lungo la strada rovente che scende verso la capitale, la sua pista si incrocia drammaticamente con quella di Carlos.
Finché un giorno, dopo l’imboscata a Pinochet, Carlos e la Fata si trovano ancora una volta di fronte. In tutt’altro scenario, tutt’altro attentato.
Scritto con linguaggio gioioso e barocco, meravigliosamente sovversivo, questo romanzo è una satira divertita della dittatura, ma soprattutto una splendida storia d’amore (impossibile), che celebra il trionfo dei sentimenti e dell’erotismo su pregiudizi, barriere, meschinità.
Adorato dai cileni, che l’hanno proclamato “Il libro del nuovo millennio”.
Ordina per
  • 5

    Bizzarra questa storia d'amore.
    Bizzarrissimo l'autore e i personaggi che sembrano tutti investiti da un'aura macchiettistica mentre sullo sfondo domina il realismo della dittatura cilena e del fallit ...continua

    Bizzarra questa storia d'amore.
    Bizzarrissimo l'autore e i personaggi che sembrano tutti investiti da un'aura macchiettistica mentre sullo sfondo domina il realismo della dittatura cilena e del fallito attentato a Pinochet.
    Indubbiamente cinque stelle sono esagerate, così come lo é, nei fatti, la storia che mi ha fatto sorridere e intenerire al tempo stesso. Un libro che ho trovato liberatorio nel ritmo frizzante, nella sottile ironia, nella garbata satira che investe Pinochet e signora, nello stile e nell'utilizzo di una prosa un pò pomposetta ma originale, nella definizione grottesca di alcuni personaggi, primo fra tutti la pittoresca e sgangherata Fata dell'angolo e poi la vacua e svampitissima moglie del dittatore. La trama è sostenuta da una scrittura colta e brillante che prosegue inarrestabile nelle descrizioni come una sequenza di fuochi d'artificio.
    Tra le pagine, in una macilenta casetta arredata come una torta nuziale, vive lei, la sentimentale e vegliarda con dentiera, Fata dell’angolo. In realtà é una lei che é anche un po’ un lui o viceversa, insomma il doppio di Lemebel, cappelli a falde larghe e vestiti a fiori variopinti. Si mostra come un personaggio picaresco uscito da un cartone animato e suscita simpatia per la dolcezza e l'ingenuità che l'accompagnano. Al mattino spolvera con il piumino in mano mentre volteggia e gracchia melodie di canzoni fuori moda e con "il talento da aracnide nelle mani " ricama angioletti e uccellini sulla biancheria per le signore dell’alta borghesia locale.
    Lei, con la "testa da uccellina ossigenata" è pazza d'amore. Riversa infatti un amore languido, puro e sconfinato sul giovane rivoluzionario Carlos, l'unico descritto in una dimensione più realistica, per il quale, oltre al cuore, apre la casetta alle sue riunioni clandestine dalle quali germoglierà l'attentato. La Fata di politica non sa nulla e non chiede mai a Carlos il perché di quel via vai, accettando tutto pur di averlo accanto. E mentre serve il mate ai rivoluzionari sembra non accorgersi che fuori dalla casetta infiocchettata a bomboniera c’è Santiago che fermenta, lotta e spara, fin quando, ahimé, sarà costretta a scappare abbandonando i suoi pizzi, merletti e volant.
    Alle vicenda amorose della variopinta Fata dell'angolo si contrappongono i monologhi inascoltati dell'altra lei del romanzo, molto più compassata e nota. Dalle sue parole da oca giuliva esplode una satira quantomai tagliente ed esilarante. Ed il suo Augusto, ridotto ad una salma di uomo, sempre sul punto di addormentarsi su sottofondi di marcette militari e destarsi all'improvviso in preda ad incubi presagi di morte in cui sogna il proprio funerale, ne esce ridicolizzato.
    Ringrazio Lemebel, poliedrico artista per avermi regalato ore di leggerezza (bhè insomma 15 euro per 200 pagine non è proprio regalato) e ringrazio la giovane commessa di una libreria del centro che si é esibita in una performance non prevista che per poco mi spaventa...
    “Bbbellissimo…bbellissimo…”mi risponde dondolando la testa e ammiccando con occhi da sognatrice appollaiata su un trespolo dietro alla cassa.
    “Ok, ho capito, è bellissimo, ma ce l’avete ? “ sembra non volermi ascoltare mentre cerco un varco nella nenia che ha impostato come fosse la Pizia in trance su quel trespolo " …bbellisssimo…bbellisssimo
    “No, non ce l'abbiamo. Perché è bbellissimo e l’abbiamo finito. Bisogna ordinarlo…ma è bbellissimo…bbellissimo...guardi che è proprio bbellissimo …veramente bbellissimo...lo legga perché é bbellissimo"

    ha scritto il 

  • 4

    "Avrebbe voluto piangere, come tutte le volte che la vita bastarda le aveva restituito l'immagine del disincanto"."

    Mentre leggevo questo libro stupendo mi venivano i mente i film di Ozpetek, pieni di profumi, di travestiti colorati e ciarlieri, di amori folli e di persone meravigliose. Questa è la storia d'amore t ...continua

    Mentre leggevo questo libro stupendo mi venivano i mente i film di Ozpetek, pieni di profumi, di travestiti colorati e ciarlieri, di amori folli e di persone meravigliose. Questa è la storia d'amore tra la Fata, un travestito attempato amante delle ballate d'amore e Carlos, un militante del Fronte Patriottico Manuel Rodriguez. Il periodo è quello buio e terribile della dittatura di Pinochet. Per amore di Carlos, la Fata nasconde nella sua soffitta materiale e libri compromettenti, a rischio della sua vita e della sua serenità. Potrebbe sembrare una persona ridicola, questo travestito sentimentale, ormai vicino alla vecchiaia, che perde la testa per un ragazzo giovane, bello e "partigiano", ma qui il vero ridicolo, la vera macchietta è il dittatore, assillato dalle sue paure di essere ucciso e dalle chiacchiere di una moglie ingombrante e stupida. Un romanzo bellissimo e malinconico, pieno di amore e di libertà. Indimenticabile.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro che trasuda amore, all'interno di una pagina nera della storia contemporanea, quella della dittatura di Pinochet in Cile, che però Lemebel racconta in chiave grottesca. La Fata dell'angolo è ...continua

    Un libro che trasuda amore, all'interno di una pagina nera della storia contemporanea, quella della dittatura di Pinochet in Cile, che però Lemebel racconta in chiave grottesca. La Fata dell'angolo è un personaggio fantastico e indimenticabile, nel suo amore passionale, erotico e incondizionato per Carlos.

    ha scritto il 

  • 4

    "E avrebbe voluto piangere, come tutte le volte che la vita bastarda le aveva restituito l'immagine del disincanto"

    Siamo a Santiago del Cile, 1986. Lei è la Fata dell'angolo, travestito allegro e scanzonato, lui è Carlos, studente cubano militante del Fronte Patriottico Manuel Rodriguez. Lei ospita lui in casa sen ...continua

    Siamo a Santiago del Cile, 1986. Lei è la Fata dell'angolo, travestito allegro e scanzonato, lui è Carlos, studente cubano militante del Fronte Patriottico Manuel Rodriguez. Lei ospita lui in casa senza mai chiedere il motivo di tutte quelle riunioni segrete, lui sta preparando con i compagni l'attentato a Pinochet.
    Parallelamente, anche lo stesso Pinochet e l'insopportabile moglie sono protagonisti del romanzo, in una seconda storia che si intreccia alla prima in modo imprevedibile.
    Un bel romanzo, pieno di luce e di personaggi positivi, seppur in un contesto storico buio, di guerriglia e oppressione.

    ha scritto il 

  • 5

    L'amore oltre la dittatura

    E' l'amore autentico che lega le vicende tristi di una dittatura violenta. L'amore per Carlos è commovente, fa vibrare le corde dell'anima. L'amore impossibile che si dipana per tutto il libro, propri ...continua

    E' l'amore autentico che lega le vicende tristi di una dittatura violenta. L'amore per Carlos è commovente, fa vibrare le corde dell'anima. L'amore impossibile che si dipana per tutto il libro, proprio perché impossibile. Tutto il resto è contorno, amalgamato da una poesia dolce e struggente. Le storture, le crudezza di certe immagini si affievoliscono e si confondono con i sentimenti della fatina pronta a difendere il suo amore.
    "E con questo marchio di rispetto aveva imparato a convivere, come chi impara a viver con una belva, accarezzandola, ammansendo la sua ferocia, smussando il suo artiglio, abituandosi alle sue carezze violente, imparando a godere dei suoi graffi sessuali come unica fonte di affetto."
    Bellissimo.

    ha scritto il 

Ordina per