Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Ho sognato la cioccolata per anni

Di

Editore: Piemme

4.0
(810)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 210 | Formato: Altri

Isbn-10: 8838432856 | Isbn-13: 9788838432859 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Jeffrey M. Green , Cesa Bianchi M. L.

Disponibile anche come: Copertina rigida , Tascabile economico , Paperback

Genere: Biography , Fiction & Literature , History

Ti piace Ho sognato la cioccolata per anni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Trudi ha solo sedici anni quando viene deportata con la mamma nel campo diconcentramento di Stutthof. Questa è la sua storia, raccontata in primapersona: una storia di sofferenza, ma anche di coraggio, di incrollabilesperanza e di libertà.Età di lettura: da 10 anni.
Ordina per
  • 0

    Impossibile assegnare delle stelle

    Ho girato attorno a questo libro per parecchio tempo, sapevo che questo racconto sull'Olocausto mi avrebbe toccato profondamente come tutti i libri su questo argomento. Ed è stato così. Se è già talmente straziante leggere quel vissuto come sarà stato difficile doverlo raccontare... Ammiro la di ...continua

    Ho girato attorno a questo libro per parecchio tempo, sapevo che questo racconto sull'Olocausto mi avrebbe toccato profondamente come tutti i libri su questo argomento. Ed è stato così. Se è già talmente straziante leggere quel vissuto come sarà stato difficile doverlo raccontare... Ammiro la dignità che Trudi ha saputo mantenere nonostante le indicibili sofferenze e dolori che ha dovuto sopportare. Mi è piaciuto che il libro non si è fermato alla liberazione dei campi, ma che l'autrice ha raccontato anche la sua vita dopo. Quanta forza ci vuole per continuare una vita "normale" dopo aver attraversato l'inferno del ghetto e del campo. Una lettura che si deve alla memoria di tutte quelle persone che sono state vittime della follia e spietatezza nazista.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ho sognato la cioccolata per anni

    Mamma mia che angoscia ogni volta che leggo un libro sull'olocausto. Ogni volta sembra sempre la prima volta, è incredibile che tutto ciò è successo.. e in altri paesi succede ancora in forme diverse.
    Questa è la storia di Trudi, che da piccola viene deportata nel ghetto di Kovno con tutta la sua ...continua

    Mamma mia che angoscia ogni volta che leggo un libro sull'olocausto. Ogni volta sembra sempre la prima volta, è incredibile che tutto ciò è successo.. e in altri paesi succede ancora in forme diverse. Questa è la storia di Trudi, che da piccola viene deportata nel ghetto di Kovno con tutta la sua famiglia. Solo successivamente dovrà fare i conti con il campo di concentramento, con le ingiustizie e i maltrattamenti, con la paura di perdere sua mamma, con la tenacia e la forza di salvarla dai pericoli e sopratutto dovrà fare i conti tantissime volte con la morte, perchè tante volte è arrivata sul punto di essere ammazzata, ma forse grazie ad un angelo, ad un Dio, ad un miracolo, è sempre riuscita a cavarsela persino nei momenti più crudi, persino difronte alla bocca del crematorio e ancora di più quando va a trovare la mamma malata di tifo e la bomba scoppia dove poco prima si trovava lei. E' una storia di sopravvivenza e di amore tra mamma e figlia, che non ha limiti. Se una andava incontro alla morte, l'altra voleva seguirla..e viceversa. Veramente bello e toccante. Per fortuna riescono a salvarsi entrambe, la mamma morirà molto più avanti, dopo ben 35 anni, nella terra di Israele, il posto che sognavano sempre. Trudi dopo la guerra è stata una donna in gambissima e ha sempre aiutato il prossimo. Davvero una grande Donna.

    Sono indecisa se mettere quattro o cinque stelle. Per ora opto per quattro, magari piu' avanti, con una seconda rilettura, ne metterò cinque.

    ha scritto il 

  • 2

    Ho sognato il toblerone per anni

    Ennesimo testo sulla sensibilizzazione all'olocausto, proposto durante l'infanzia in ambito scolastico. Difficile da mandar giù, leggermente pesante ma nulla di che, lettura nel complesso non piacevole.

    ha scritto il 

  • 5

    QUANTO DOLORE

    Un libro tanto piccolo ma così doloroso, quanto ho sofferto nel leggerlo, incredibile come l'uomo abbia potuto essere così crudele ogni oltre limite ma la cosa che mi ha fatto veramente male e tutt'ora nonostante siano passati svariati mesi, ci sto ancora pensando, il ricordo è sempre lì a farmi ...continua

    Un libro tanto piccolo ma così doloroso, quanto ho sofferto nel leggerlo, incredibile come l'uomo abbia potuto essere così crudele ogni oltre limite ma la cosa che mi ha fatto veramente male e tutt'ora nonostante siano passati svariati mesi, ci sto ancora pensando, il ricordo è sempre lì a farmi compagnia e non oso immaginare invece chi lo ha vissuto come possa stare, ebbene quello che più mi ha scioccato è stato leggere quanto sia difficile morire.......insomma in situazioni estreme come queste un essere umano ha sofferto veramente le pene dell'inferno augurandosi di morire nel più breve tempo possibile invece hanno continuato a patire le atrocità più brutte. La mia domanda è sempre una e solo una: "Dio dove stava"

    ha scritto il 

  • 4

    la sedicenne Trudy (autrice del libro) si ritrova con la madre in un campo di sterminio. coperte di insulti e battutine dei soldati, questa ragazza ci fa capire che il legame con sua mamma potrà salvarla e tenere ancora accesa la speranza. la risparmiano dai forni crematori, per miracolo. strappa ...continua

    la sedicenne Trudy (autrice del libro) si ritrova con la madre in un campo di sterminio. coperte di insulti e battutine dei soldati, questa ragazza ci fa capire che il legame con sua mamma potrà salvarla e tenere ancora accesa la speranza. la risparmiano dai forni crematori, per miracolo. strappa sua mamma dalla fila delle condannate e riesce anche a trovare un tedesco "buono" che le regala un orologio, che le da la voglia di vivere e di reagire anche nei momenti più terribili, anche quando si trova la fine davanti. p.s. ovviamente poi alla fine non muore...

    ha scritto il 

  • 4

    Come tutte le storie sull'olocausto è un pugno nello stomaco. Non so a voi, ma ho letto più di un libro sull'argomento e ognuno mi ha fatta vergognare della razza umana, la memoria è importante, per questo bisognerebbe far leggere questi testi a scuola, affinchè non si ripetano gli errori del pas ...continua

    Come tutte le storie sull'olocausto è un pugno nello stomaco. Non so a voi, ma ho letto più di un libro sull'argomento e ognuno mi ha fatta vergognare della razza umana, la memoria è importante, per questo bisognerebbe far leggere questi testi a scuola, affinchè non si ripetano gli errori del passato.

    ha scritto il 

  • 4

    Ogni libro che tratta di questo argomento stupisce e lascia increduli per le condizioni inumane di vita dei prigionieri. Quando poi si tratta di una giovane ragazza che non salva solo se stessa ma anche la madre c'è veramente di che rimanere colpiti e senza parole.

    ha scritto il 

  • 5

    Ho sognato la cioccolata per anni parla di una ragazzina di nome Trudi che si ritrova con la sua famiglia in un campo di concentramento più avanti il padre e lo zio morirann e rimaranno in salvo solo la madre e Trudi. Trudi cercherà di salvarla sempre sulle decisione tra vita e morte riuscirà a s ...continua

    Ho sognato la cioccolata per anni parla di una ragazzina di nome Trudi che si ritrova con la sua famiglia in un campo di concentramento più avanti il padre e lo zio morirann e rimaranno in salvo solo la madre e Trudi. Trudi cercherà di salvarla sempre sulle decisione tra vita e morte riuscirà a salvarsi sempre ocn sua madre e alla fine del libro si salva in una barca e ricomincia la sua vita normale. Trudi si sposa con Zeev e avrà due figlie. Alla fine Trudi fa anche volontariato. Il libro è stato bellissimo da leggere anche se un pò crudo.

    ha scritto il 

  • 4

    Quando si toccano certe tematiche è impossibile non lasciarsi toccare il cuore, specialmente quando il libro è intriso di esperienze personali. Questo libro è molto bello, dà la possibilità al lettore di riflettere su quello che è stato uno dei periodi più bui d ...continua

    Quando si toccano certe tematiche è impossibile non lasciarsi toccare il cuore, specialmente quando il libro è intriso di esperienze personali. Questo libro è molto bello, dà la possibilità al lettore di riflettere su quello che è stato uno dei periodi più bui della storia dell'umanità.
    Scritto in modo semplice e scorrevole è sicuramente da leggere.

    ha scritto il 

Ordina per