Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • 検索 Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Homage to Catalonia

By

4.3
(1119)

Language:日本語 | Number of Pages: 242 | Format: Others | In other languages: (other languages) English , Italian , Spanish , Catalan

Isbn-10: 4329020521 | Isbn-13: 9784329020529 | Publish date: 

Category: Biography , History , Political

Do you like Homage to Catalonia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    Sempre voluto leggerlo, sempre esitato a farlo, finché qualcuno me l'ha regalato. È in effetti una cronaca, quasi un diario romanzato, dei mesi che George Orwell trascorse al fronte, nelle file dei ...続く

    Sempre voluto leggerlo, sempre esitato a farlo, finché qualcuno me l'ha regalato. È in effetti una cronaca, quasi un diario romanzato, dei mesi che George Orwell trascorse al fronte, nelle file dei repubblicani, al tempo della guerra civile spagnola. Lo stile ne risente, il libro è sostenuto dal ritmo. La sola buona notizia dal macello franchista fu la sopravvivenza di Orwell stesso, che nel decennio successivo avrebbe scritto i suoi capolavori.

    said on 

  • 5

    Il libro più appassionato sulla guerra civile spagnola.

    La lettura di questo libro non fa altro se non confermare che George Orwell è un illustre membro del pantheon dei miei autori preferiti.

    Nel libro, descrive efficacemente il fallimento nella difesa ...続く

    La lettura di questo libro non fa altro se non confermare che George Orwell è un illustre membro del pantheon dei miei autori preferiti.

    Nel libro, descrive efficacemente il fallimento nella difesa della repubblica spagnola dal golpe franchista, sostenuto da una parte dell'esercito, dal clero e dall'aristocrazia; delinea in modo magistrale il cambiamento nella città di Barcellona, dove, in pochi mesi, si passa dall'atmosfera festosa dello slancio rivoluzionario che, per poco, ha portato alla creazione di una vera società operaia, al clima di odio politico e amarezza che porta alla "reconquista" del capitalismo e della società borghese.

    Tratteggia in maniera magistrale il fallimento del fronte repubblicano dovuto ai contrasti tra anarchici e POUM (partito comunista "alla sinistra della sinistra") da una parte e PSUC (partito socialista "alla destra della sinitra") dall'altra, sostenuto dall'URSS.

    Fondamentali, nel libro, sono i capitoli dedicati alle giornate di maggio a Barcellona, metafora della situazione dell'intera Spagna repubblicana.

    Al fronte sono dedicati solamente i capitoli iniziali del testo, perchè non è il cuore del libro; Orwell punta il dito contro il fallimento di una rivoluzione comunista passata da un "comunismo mondiale" al "socialismo in un solo paese", lasciando libera la strada al proliferare del fascismo.

    Molto interessanti anche la descrizione del cambiamento del pensiero politico di Orwell stesso e delle falsità riversate dalla stampa straniera e dal partito comunista sul POUM, accusato di complottare con i fascisti, che hanno contribuito al disfacimento della repubblica e alla vittoria di Franco.

    Per quanto mi riguarda, capolavoro assoluto, lucido e disincantato.

    Da leggere, se si ha un minimo di interesse per il periodo storico.

    said on 

  • 5

    alcune parti entrano molto in dettaglio di schieramenti politici lontani da noi, e possono risultare leggermente pesanti. Ma è bellissimo e importante. Una cosa che ho imparato: sapevo che i ...続く

    alcune parti entrano molto in dettaglio di schieramenti politici lontani da noi, e possono risultare leggermente pesanti. Ma è bellissimo e importante. Una cosa che ho imparato: sapevo che i comunisti in Spagna e altrove uccidevano socialisti, anarchici e altri, ma qui ho imparato altre cose, che rendono la storia più complicata e interessante. Avevo letto 1984 poco prima del 1984, peccato aver aspettato 30 anni per questo!

    said on 

  • 5

    ...続く

    Como son las cosas. Tuvo que venir un inglés a hacer la Guerra, contarla y que ese inglés acabara siendo George Orwell, para que yo me enterara bien de lo que aconteció de verdad en el bando

    Como son las cosas. Tuvo que venir un inglés a hacer la Guerra, contarla y que ese inglés acabara siendo George Orwell, para que yo me enterara bien de lo que aconteció de verdad en el bando rojo.

    He leído, no cientos, pero sí decenas de libros(en su mayoría novelas)sobre la Guerra Civil, y por supuesto siempre ha sido un tema sobre el que me ha gustado indagar. Pues, ha sido con Homenaje a Cataluña como más claras he visto las cosas. Quizás al ser extranjero no daba nada por supuesto al contarlo y entra en muchos detalles, pero sobretodo es esa forma divertidísima y eficaz que tiene Orwell de contar las cosas lo que hace de sus libros fuentes más que fiables de información.

    Me ha encantado esa visión que tiene de lo que eramos y la honradez y nobleza que desprende su persona.

    said on 

  • 5

    Saggio/racconto /Reportage di 8 mesi vissuti pericolosamente; arrivati in mezzo alla rivoluzione e in fuga da una contro-rivoluzione guidata dai Comunisti che, per ragioni di potere (staliniano) fanno ...続く

    Saggio/racconto /Reportage di 8 mesi vissuti pericolosamente; arrivati in mezzo alla rivoluzione e in fuga da una contro-rivoluzione guidata dai Comunisti che, per ragioni di potere (staliniano) fanno fuori gli altri rappresentanti della sinistra. Orwell ci apre (e si apre) gli occhi su quell'infamia che fu lo stalinismo da esportazione in salsa spagnola Nota 1 - Causa allenza con Stalin questo libro usci nel resto del mondo solo negli anni '50 (In Italia nel 1948) solo in Inghilterra nel 1938 Nota 2 - Il responsabile della Politica di Terrore russo in Spagna era un certo Ercole Ercoli (alias Palmiro Togliatti...) Nota 3 - Correte a vedere/Rivedere Terra e Libertà di Ken Loach (che altro non è che la trasposizione filmica di questo libro)

    said on 

  • 4

    Già solo per l'appendice II vale la pena comprarlo. Forse l'unica pecca e' che andrebbe messa come introduzione, per fare chiarezza sul ginepraio di sigle sindacali e partitiche che hanno animato la ...続く

    Già solo per l'appendice II vale la pena comprarlo. Forse l'unica pecca e' che andrebbe messa come introduzione, per fare chiarezza sul ginepraio di sigle sindacali e partitiche che hanno animato la guerra civile spagnola (sulla quale è difficile trovare in una libreria italiana un resoconto esauriente)

    said on 

  • 4

    Le contraddizioni del socialismo reale

    Lucido resoconto della guerra civile spagnola, di cui sapevo ben poco. Nel racconto di Orwell, attore inconsapevole - almeno in principio - degli intrighi politici che interessavano il fronte ...続く

    Lucido resoconto della guerra civile spagnola, di cui sapevo ben poco. Nel racconto di Orwell, attore inconsapevole - almeno in principio - degli intrighi politici che interessavano il fronte antifranchista, emerge il mito del socialismo (con una bellissima "dichiarazione d'amore" dell'autore all'utopia) contrapposto ai giochini di partito del socialismo sovietico, che con ogni mezzo tolgono credibilità (ed infine eliminano) un partito antifascista perché non allineato con la politica staliniana. In tutto ciò, gioca un ruolo fondamentale la disinformazione fatta dai giornalisti, da coloro che, lontani dal fronte, «non combattevano e che comunque avrebbero preferito fuggire per centinaia di miglia anziché battersi», e che continuano a raccontare storie fasulle sul ruolo del P.O.U.M.

    said on 

  • 4

    Molto interessante e affascinante la guerra civile spagnola raccontata per esperienza diretta da George Orwell anche se egli stesso mette in guardia da quella che chiama alla fine del libro "la mia ...続く

    Molto interessante e affascinante la guerra civile spagnola raccontata per esperienza diretta da George Orwell anche se egli stesso mette in guardia da quella che chiama alla fine del libro "la mia partigianeria, i miei errori di fatto e la distorsione inevitabilmente causata dal mio aver visto solo un angolo degli avvenimenti." Orwell aderisce, come simpatizzante del Labour Party, alle milizie del POUM, piccolo partito marxista che si distingue dai comunisti, si fa i suoi duri mesi di trincea evidenziando la disorganizzazione e l'improvvisazione delle file repubblicane catalane, viene ferito gravemente ed è costretto a rimpatriare clandestinamente dopo che i comunisti avevano messo, nell'estate del 1937, ingiustamente fuori legge il POUM. I cosiddetti "fatti del maggio", cioè la repressione da parte comunista della componente anarchico catalana, sono quanto di più doloroso si possa apprendere di questa guerra nella quale i Catalani avevano riposto speranze che andavano ben oltre la sconfitta del fascismo. Eppure Orwell scrive alla fine "Fatto curioso, tutta l'esperienza spagnola non ha diminuito per nulla la mia fiducia nella dignità e nella bontà degli esseri umani".

    said on 

Sorting by