Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Homenaje a Cataluña

By

Publisher: Diario El País SL

4.3
(1168)

Language:Español | Number of Pages: 297 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) English , Italian , Catalan , Japanese

Isbn-10: 8489669686 | Isbn-13: 9788489669680 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others , Mass Market Paperback

Category: Biography , History , Political

Do you like Homenaje a Cataluña ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Cuando en 1936 se produjo el levantamiento armado contra la República Española y comenzó la Guerra Civil, Orwell llegó a España como periodista, pero las circunstancias le enrolaron en las milicias del POUM. Homenaje a Cataluña es la crónica de sus experiencias en el frente de Aragón y en las barricadas de la Barcelona revolucionaria.
Sorting by
  • 5

    Si chiude un cerchio

    Di Orwell avevo già letto 1984 e La fattoria degli animali. Leggendo questo autobiografico Omaggio alla Catalogna si comprende il suo fervore antitotalitario e la sua lotta contro le menzogne che calu ...continue

    Di Orwell avevo già letto 1984 e La fattoria degli animali. Leggendo questo autobiografico Omaggio alla Catalogna si comprende il suo fervore antitotalitario e la sua lotta contro le menzogne che calunniano e infamano i "nemici". Menzogne che ad essere ripetute diventano le verità ufficiali.

    Quanto mai necessario questo libro per capire Orwell fino in fondo. Nel mio caso, per rinfocolare ancor di più il mio spirito libertario.

    said on 

  • 4

    Della Spagna conservo pessimi ricordi, ma degli spagnoli ho pochissimi ricordi brutti.

    Era tantissimo tempo che non riprendevo in mano Orwell e devo dire che è stato come rincontrare un vecchio amico che non vedi e senti da tempo e scoprire che nonostante tutto c'è ancora feeling. Bello ...continue

    Era tantissimo tempo che non riprendevo in mano Orwell e devo dire che è stato come rincontrare un vecchio amico che non vedi e senti da tempo e scoprire che nonostante tutto c'è ancora feeling. Bello, bello, bello. Bello soprattutto perchè la guerra civile in Spagna è raccontata come un romanzo ma ha tutta la potenza evocativa di chi la trincea l'ha vissuta in prima persona e quel freddo gelido lo provi anche tu, troppo è vivido il racconto. Ho apprezzato anche l'obiettività di un giornalista che si arruola volontario convinto di rovesciare un totalitarismo dittatoriale e invece si scontra con una realtà confusa, dove gli stessi combattenti non sanno bene per cosa combattono, manca una coscienza politica precisa e una volontà effettiva di cambiare l'ordine delle cose. Ne viene fuori l'immagine di una Spagna dove non è tanto lo scenario bellico a colpire quanto l'umanità del popolo spagnolo, il considerarsi tutti fratelli, il non avere scadenze neanche su cose importanti come la rivoluzione, una fiducia cieca nel manana. Bravo Orwell.

    said on 

  • 4

    Ho molto esitato prima di iniziare questo libro, la delusione per 1984 era stata fortissima, e mi ci sono voluti anni per riprendere in mano qualcosa di Orwell, e forse solo la citazione in "La parola ...continue

    Ho molto esitato prima di iniziare questo libro, la delusione per 1984 era stata fortissima, e mi ci sono voluti anni per riprendere in mano qualcosa di Orwell, e forse solo la citazione in "La parola contraria" di DeLuca mi ci ha portato. Una volta arrivatoci però sono stato contento, perchè questo è un gran libro. Scritto per scagionare il POUM, nella cui milizia Orwell aveva militato, dall'accusa di tradimento e cospirazione con i fascisti di Franco, oltre a riuscire egregiamente nell'obiettivo va molto oltre descrivendo meccaniche che vanno molto oltre quel singolo episodio, o quel periodo storico, o i comprtamenti dei suoi protagonisti, anche intesi come partiti o nazioni. Rispetto a 1984 anche lo stile l'ho trovato migliore, più empatico, ed essendo una cronaca questo è un merito ancora più grande.
    Forse l'unico difetto è una certa tendenza di Orwell a ragionare un po' per stereotipi su quanto non è argomento centrale del discorso (il carattere degli spagnoli, l'organizzazione dei tedeschi...) ma è un difetto che affiora solo in pochi pun ti, e che vi resta circoscritto. Per tutto il resto un bel libro, in particolare per come riesce a togliere ogni fascino alla guerra, anche a quella combattuta con il più sincero slancio

    said on 

  • 5

    La migliore testimonianza sulla Guerra Civile spagnola

    Un resoconto lucido e preciso, ma allo stesso tempo appassionato e commovente, sulla Guerra Civile spagnola, vista con gli occhi di uno che l'ha vissuta in prima persona. Orwell, infatti, fu uno degli ...continue

    Un resoconto lucido e preciso, ma allo stesso tempo appassionato e commovente, sulla Guerra Civile spagnola, vista con gli occhi di uno che l'ha vissuta in prima persona. Orwell, infatti, fu uno degli uomini che a migliaia - da tutt'Europa e oltre - accorsero in Spagna per difendere la libertà contro "l'alzamiento", il golpe guidato da Francisco Franco.
    Uno sguardo lucido, dicevo, e imparziale (in quanto Orwell non era legato a uno dei partiti in campo), che descrive anche le terribili divisioni del campo antifascista, una delle cause primarie della sconfitta finale della Repubblica.
    Un libro imperdibile per chi (come il sottoscritto) non può fare a meno di provare tristezza pensando alla Guerra Civile spagnola ma, in generale, per tutti quelli che amano profondamente la libertà.

    said on 

  • 3

    Sempre voluto leggerlo, sempre esitato a farlo, finché qualcuno me l'ha regalato. È in effetti una cronaca, quasi un diario romanzato, dei mesi che George Orwell trascorse al fronte, nelle file dei re ...continue

    Sempre voluto leggerlo, sempre esitato a farlo, finché qualcuno me l'ha regalato. È in effetti una cronaca, quasi un diario romanzato, dei mesi che George Orwell trascorse al fronte, nelle file dei repubblicani, al tempo della guerra civile spagnola. Lo stile ne risente, il libro è sostenuto dal ritmo. La sola buona notizia dal macello franchista fu la sopravvivenza di Orwell stesso, che nel decennio successivo avrebbe scritto i suoi capolavori.

    said on 

  • 5

    Il libro più appassionato sulla guerra civile spagnola.

    La lettura di questo libro non fa altro se non confermare che George Orwell è un illustre membro del pantheon dei miei autori preferiti.

    Nel libro, descrive efficacemente il fallimento nella difesa de ...continue

    La lettura di questo libro non fa altro se non confermare che George Orwell è un illustre membro del pantheon dei miei autori preferiti.

    Nel libro, descrive efficacemente il fallimento nella difesa della repubblica spagnola dal golpe franchista, sostenuto da una parte dell'esercito, dal clero e dall'aristocrazia; delinea in modo magistrale il cambiamento nella città di Barcellona, dove, in pochi mesi, si passa dall'atmosfera festosa dello slancio rivoluzionario che, per poco, ha portato alla creazione di una vera società operaia, al clima di odio politico e amarezza che porta alla "reconquista" del capitalismo e della società borghese.

    Tratteggia in maniera magistrale il fallimento del fronte repubblicano dovuto ai contrasti tra anarchici e POUM (partito comunista "alla sinistra della sinistra") da una parte e PSUC (partito socialista "alla destra della sinitra") dall'altra, sostenuto dall'URSS.

    Fondamentali, nel libro, sono i capitoli dedicati alle giornate di maggio a Barcellona, metafora della situazione dell'intera Spagna repubblicana.

    Al fronte sono dedicati solamente i capitoli iniziali del testo, perchè non è il cuore del libro; Orwell punta il dito contro il fallimento di una rivoluzione comunista passata da un "comunismo mondiale" al "socialismo in un solo paese", lasciando libera la strada al proliferare del fascismo.

    Molto interessanti anche la descrizione del cambiamento del pensiero politico di Orwell stesso e delle falsità riversate dalla stampa straniera e dal partito comunista sul POUM, accusato di complottare con i fascisti, che hanno contribuito al disfacimento della repubblica e alla vittoria di Franco.

    Per quanto mi riguarda, capolavoro assoluto, lucido e disincantato.

    Da leggere, se si ha un minimo di interesse per il periodo storico.

    said on 

  • 5

    alcune parti entrano molto in dettaglio di schieramenti politici lontani da noi, e possono risultare leggermente pesanti. Ma è bellissimo e importante.
    Una cosa che ho imparato: sapevo che i comunisti ...continue

    alcune parti entrano molto in dettaglio di schieramenti politici lontani da noi, e possono risultare leggermente pesanti. Ma è bellissimo e importante.
    Una cosa che ho imparato: sapevo che i comunisti in Spagna e altrove uccidevano socialisti, anarchici e altri, ma qui ho imparato altre cose, che rendono la storia più complicata e interessante.
    Avevo letto 1984 poco prima del 1984, peccato aver aspettato 30 anni per questo!

    said on 

  • 5

    Como son las cosas. Tuvo que venir un inglés a hacer la Guerra, contarla y que ese inglés acabara siendo George Orwell, para que yo me enterara bien de lo que aconteció de verdad en el bando rojo.

    He ...continue

    Como son las cosas. Tuvo que venir un inglés a hacer la Guerra, contarla y que ese inglés acabara siendo George Orwell, para que yo me enterara bien de lo que aconteció de verdad en el bando rojo.

    He leído, no cientos, pero sí decenas de libros(en su mayoría novelas)sobre la Guerra Civil, y por supuesto siempre ha sido un tema sobre el que me ha gustado indagar. Pues, ha sido con Homenaje a Cataluña como más claras he visto las cosas. Quizás al ser extranjero no daba nada por supuesto al contarlo y entra en muchos detalles, pero sobretodo es esa forma divertidísima y eficaz que tiene Orwell de contar las cosas lo que hace de sus libros fuentes más que fiables de información.

    Me ha encantado esa visión que tiene de lo que eramos y la honradez y nobleza que desprende su persona.

    said on 

  • 5

    Saggio/racconto /Reportage di 8 mesi vissuti pericolosamente; arrivati in mezzo alla rivoluzione e in fuga da una contro-rivoluzione guidata dai Comunisti che, per ragioni di potere (staliniano) fanno ...continue

    Saggio/racconto /Reportage di 8 mesi vissuti pericolosamente; arrivati in mezzo alla rivoluzione e in fuga da una contro-rivoluzione guidata dai Comunisti che, per ragioni di potere (staliniano) fanno fuori gli altri rappresentanti della sinistra.
    Orwell ci apre (e si apre) gli occhi su quell'infamia che fu lo stalinismo da esportazione in salsa spagnola
    Nota 1 - Causa allenza con Stalin questo libro usci nel resto del mondo solo negli anni '50 (In Italia nel 1948) solo in Inghilterra nel 1938
    Nota 2 - Il responsabile della Politica di Terrore russo in Spagna era un certo Ercole Ercoli (alias Palmiro Togliatti...)
    Nota 3 - Correte a vedere/Rivedere Terra e Libertà di Ken Loach (che altro non è che la trasposizione filmica di questo libro)

    said on 

Sorting by