Horcynus Orca

Voto medio di 198
| 76 contributi totali di cui 65 recensioni , 11 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
"'Horcynus Orca' è un mitico e epico poema della metamorfosi. La concezione del mondo come metamorfosi affonda le sue radici nella religiosità mediterranea... Per questo D'Arrigo ha potuto creare un epos moderno, riprendendo, come Joyce ... Continua
Ha scritto il 29/11/16
Lettura sospesa per impraticabilità del campo
  • 14 mi piace
  • 11 commenti
Ha scritto il 27/08/16
Il capolavoro mancato di un logorroico
Questo libro è fatto della sua lingua radiosa e possente, lingua che da sola costruisce un mondo e che quel mondo delinea e scontorna in margini sfrangiati e bellissimi. Però è un'opera completamente autoreferenziale, è una masturbazione ...Continua
  • 4 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 26/08/16
Talassocrazia Cetacea, ovvero della miseria e del mare come elemento di riscatto.
Leggi questo libro, mi hanno detto, è roba per quelli come te.Due mesi più tardi non so se ringraziare la persona che me lo ha consigliato o troncare ogni rapporto con lei.Horcynus Orca è il libro più difficile che abbia letto ...Continua
  • 6 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 28/03/16
“Allo scuro si sentiva lo scivolio rabbioso della barca e il singultare degli sbarbatelli come l’eco di un rimbombo tenero e profondo, caldo e spezzato, dentro i petti. La lancia saliva verso lo scill’e cariddi, fra i sospiri rotti e il ...Continua
  • 24 mi piace
  • 6 commenti
Ha scritto il 27/01/16
SPOILER ALERT
Difficile e ostico libro in cui si celebra la storia di Ndrja che, scampato alla guerra, ritorna all’isola in cui è nato, la Sicilia, per ritrovare la propria comunità di pescatori e la propria vita di sempre. Si tratta di un testo in cui il ...Continua
  • 6 mi piace

Ha scritto il Jul 31, 2010, 20:08
Era Ottobre e si aveva l’impressione d’essere in estate a quell’ora, col sole caldo e un gran silenzio per mare, che a lunghi intervalli regolari, era ribellionato dal rombo lontano dello zatterone inglese, che faceva vaeviene dall’una ...Continua
Pag. 904
Ha scritto il Jul 31, 2010, 20:08
Che succede a volte nelle tempeste, eh, ‘Ndrja, che succede? Succede che alla fine la chiumma si dichiara vinta, tutti piegano il collo e da quel momento, di momento in momento, aspettano solamente l’ondata che li annegherà. Però, quando ...Continua
Pag. 829
Ha scritto il Jul 31, 2010, 20:08
I pellisquadre, all’impiedi e come sull’attenti, per stare in nove dove sarebbero stati già stretti in quattro, incalcati, combacianti di petto, di spalle, di fianchi, l’uno pigliava e dava, invadeva o subiva parte della persona con ...Continua
Pag. 788
Ha scritto il Jul 31, 2010, 20:07
Il meglio sarebbe stato che quel Manuncularais non andasse mai più via dallo scill’e cariddi, che restasse lì davanti, fino alla fine dei suoi giorni: perché Caitanello Cambìa, ogni volta che ne sentiva il bisogno, e sinchè l’aiutava la ...Continua
Pag. 718
Ha scritto il Jul 31, 2010, 20:07
strisciando sulla rena sino in pizz’in pizzo, dalla spiaggetta si lasciò scivolare sotto, s’infilò in acqua liscio liscio, senza fare spruzzi né schiume, come un pesce, o come qualcuno, qualcosa più d’un pesce, perché sembrò che fosse il ...Continua
Pag. 708

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi