Hotel on the Corner of Bitter and Sweet

Average vote of 2127
| 24 total contributions of which 15 reviews , 7 quotes , 0 images , 2 notes , 0 video
1986, The Panama Hotel The old Seattle landmark has been boarded up for decades, but now the new owner has made a startling discovery in the basement: personal belongings stored away by Japanese families sent to interment camps during the Second ...Continua
Ha scritto il 17/03/17
SPOILER ALERT
Questo è uno dei rari libri che riescono davvero ad emozionarti e a farti riflettere. Prima di leggere questo romanzo non sapevo quasi nulla della situazione dei giapponesi in America durante la seconda guerra mondiale, nelle scuole non ti parlano ...Continua
Ha scritto il 12/01/15
Missed opportunity, but the fundamentals are there
Even though the book displays all the issues I usually like in books, such as displacement, inner, gender, generational and race conflicts, love and a strong focus on characters, this book, in my humble opinion, is not well written enough to support ...Continua
Ha scritto il 15/06/14
le 4 stelle sono perchè è un po' lento, una trentina di pagine di meno e sarebbe stato perfetto. L'argomento trattato invece è molto interessante, la nippofobia americana ai tempi della seconda guerra mondiale raggiunge livelli da paranoia. Bello ...Continua
Ha scritto il 18/02/14
http://therestlessreadersroom.blogspot.it/2014/02/recensione-il-gusto-proibito-dello.html
Ha scritto il 23/08/13
Henry es un chico de 12 años chino nacido en EEUU y Keiko, una niña americana de segunda generación, japonesa. Ambos son becarios en una escuela donde todos son blancos, y ayudan en la cocina. Estamos en la Segunda Guerra Mundial, y los ...Continua

Ha scritto il May 23, 2010, 14:06
E mentre ascolti questo disco, spero che ripenserai non alle cose brutte, ma alle belle. A ciò che è stato, non a quello che avrebbe potuto essere. Al tempo che trascorremmo insieme, non a quello in cui fummo separati. Ma, soprattutto, spero che ...Continua
Pag. 353
Ha scritto il May 23, 2010, 14:04
Se pensi che ci sia un modo per rimettere insieme i pezzi rotti e sentire di nuovo la musica, certo devi farlo per forza. Ma non parlavo del disco, Henry.
Pag. 345
Ha scritto il May 23, 2010, 13:56
Guardi quello che hai, non quello che ti manca, e vai avanti.
Pag. 341
  • 1 commento
Ha scritto il May 23, 2010, 13:54
Avrebbe fatto come faceva sempre, avrebbe cercati le cose dolci fra le amare.
Pag. 337
  • 1 commento
Ha scritto il May 23, 2010, 13:51
[...] il tempo della separazione finiva per creare distanza, più che le montagne e la differenza di fuso orario. Una distanza vera, quella che fa stare male e induce a smettere di farsi domande. Una nostalgia intensa al punto che il fatto di avere ...Continua
Pag. 313

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi