Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

How to be Good

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.4
(4620)

Language:English | Number of Pages: 256 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , Italian , Spanish , German , Swedish , Catalan , Chi traditional , Polish , Dutch , Portuguese , Greek

Isbn-10: 0140287019 | Isbn-13: 9780140287011 | Publish date:  | Edition New Ed

Also available as: Hardcover , Audio Cassette , Audio CD , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Humor

Do you like How to be Good ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
According to her own complex moral calculations, Katie Carr has earned her affair. She's a doctor, after all, and doctors are decent people, and on top of that, her husband David is the self-styled Angriest Man in Holloway. But when David suddenly becomes good - properly, maddeningly, give-away-all-his-money good - Katie's sums no longer add up, and she is forced to ask herself some very hard questions. Nick Hornby's brilliant new novel, a No. 1 bestseller in the UK and Ireland, offers a painfully funny account of modern marriage and parenthood, and asks that most difficult of questions: what does it mean to be good?
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Nick non mi delude mai. A differenza di altri suoi libri però, questo mi è piaciuto per il crescente odio che ho provato per i protagonisti. La protagonista femminile l'ho trovata odiosa fin da subito e fino alla fine per motivi diversi, suo marito ho iniziato ad odiarlo da quando ha iniziato la ...continue

    Nick non mi delude mai. A differenza di altri suoi libri però, questo mi è piaciuto per il crescente odio che ho provato per i protagonisti. La protagonista femminile l'ho trovata odiosa fin da subito e fino alla fine per motivi diversi, suo marito ho iniziato ad odiarlo da quando ha iniziato la sua "conversione" verso la bontà. Diciamo che in quella casa avrei dato due bei ceffoni a tutti! ;)

    said on 

  • 4

    Maybe not my favourite Hornby but still an amazing book!
    "How to be good" is exactly the novel I was looking for: bright and brilliant. A family that suddenly changes: no more anger, no more regret, just a peaceful sense of kindness. But is it possible to live a life without being bad and m ...continue

    Maybe not my favourite Hornby but still an amazing book!
    "How to be good" is exactly the novel I was looking for: bright and brilliant. A family that suddenly changes: no more anger, no more regret, just a peaceful sense of kindness. But is it possible to live a life without being bad and mean?
    Is it possible to love anyone?

    said on 

  • 5

    Sono ufficialmente innamorata pazza di Nick Hornby. Un uomo in grado di creare dei personaggi incredibilmente fastidiosi, dei condensati di egoismo, antipatia e superbia che nessuno vorrebbe incontrare sul proprio cammino, salvo poi accorgersi che persone così sono ovunque, persone così siamo noi ...continue

    Sono ufficialmente innamorata pazza di Nick Hornby. Un uomo in grado di creare dei personaggi incredibilmente fastidiosi, dei condensati di egoismo, antipatia e superbia che nessuno vorrebbe incontrare sul proprio cammino, salvo poi accorgersi che persone così sono ovunque, persone così siamo noi.
    Questa volta Hornby racconta di una coppia in crisi, di una moglie fedifraga e di un marito sempre di cattivo umore che per salvare il proprio matrimonio si affida ad un guaritore autodidatta che lo converte alla bontà assoluta.
    Detta così sembra una cosa fantastica, ma vivere con una persona che pensa sempre prima agli altri che alla propria famiglia, che fa sentire in colpa sempre per quel che si possiede mentre ad altri è negato, non è affatto semplice.
    Non so quantificare le risate che mi sono fatta con questo libro e neppure sto a spiegare quanto il mio essere si sia ribellato con forza contro la logica ferrea che guida le invettive del protagonista contro la proprietà e a favore dell'altruismo smodato, senza però trovare nulla di buono e logico con cui controbattere, a parte un bambinesco "Ma io lo voglio!".
    Ancora una volta Hornby non fornisce soluzioni, non dice cosa sia giusto o sbagliato e diventare buoni non solo non appare facile ma... sarà la soluzione migliore? Ad ogni lettore la sua sentenza.

    said on 

  • 5

    Il primo libro che mi ha fatto scoprire Nick Hornby. Di un umorismo sagace ed irresistibile. Ha una grandissima capacià di raccontare i rapporti moderni. Leggerlo in lingua originale forse fa perdere qualcosa ma fa imparare l'inglese moderno.

    said on 

  • 3

    PREMIO DELLA BATTAGLIA NAVALE LETTERARIA -GRAZIE SERY-AMENTE-!!!!-

    LETTURA COLLETTIVA (GRUPPO OMONIMO) DI OTTOBRE 2014 consigliato da POLLAPOLLINA

    said on 

  • 3

    Katie è una donna perbene abituata a comportarsi sempre nel modo giusto e pronta ad aiutare gli altri mentre il marito David è un uomo arrabbiato e cinico che per lavoro scrive articoli offensivi sul giornale.
    Quando lei decide di lasciarlo cambia tutto perché lui non reagisce affatto come ...continue

    Katie è una donna perbene abituata a comportarsi sempre nel modo giusto e pronta ad aiutare gli altri mentre il marito David è un uomo arrabbiato e cinico che per lavoro scrive articoli offensivi sul giornale.
    Quando lei decide di lasciarlo cambia tutto perché lui non reagisce affatto come si aspettava e Katie perde tutte le sue certezze, trovandosi a rivalutare le sue concezioni di buono e cattivo.

    La storia è interessante e permette di riflettere molto, ma lo stile è confusionario e prolisso (anche se non so quanto dipenda dall'autore e quanto dalla traduzione italiana).
    Nel complesso si tratta di un libro diverso dal solito e a tratti molto divertente, anche se a lungo andare la noia prende il sopravvento e per me è stato difficile arivare alla fine.

    said on 

  • 3

    Hornby è una donna?

    Leggendo ho pensato che solo una donna può descrivere e interpretare così bene i pensieri più intimi di una donna, pur nel paradosso del racconto.

    said on 

  • 4

    Chi crede di trovare una facile ricetta su "come diventare buoni" con questo libro, si sbaglia: Hornby ironizza tanto sulla "bontà" quanto sulla "cattiveria" dei due protagonisti, ribaltando continuamente la situazione. E' proprio questo ribaltamento che coglie di sopresa a far riflettere, capace ...continue

    Chi crede di trovare una facile ricetta su "come diventare buoni" con questo libro, si sbaglia: Hornby ironizza tanto sulla "bontà" quanto sulla "cattiveria" dei due protagonisti, ribaltando continuamente la situazione. E' proprio questo ribaltamento che coglie di sopresa a far riflettere, capace di far cambiare da un momento all'altro il senso comune di una persona in base ai pensieri e alle azioni dei personaggi. Cosa vuol dire essere buoni? Come lo si diventa? Se si compie anche una sola azione cattiva si sarà cattivi a vita? Il confine tra i due eccessi è molto sottile e per mantenere l'equilibrio bisogna pesare attentamente le proprie azioni, a volte forse troppo, rischiando così di rimanere confusi come quando il cervello entra in panne se sente caldo e freddo contemporaneamente. L'unica cosa da fare allora è scegliere, perché non c'è una scelta giusta o sbagliata in assoluto, è la scelta che si è presi e che bisogna portare avanti con fiducia, anche se per gli altri potrebbe essere folle e insensata. Credo che la chiave sia proprio questa: avere fiducia e credere con tutto il cuore nelle proprie scelte, e allora sarà la scelta giusta.

    said on 

Sorting by