Howards End

By

Publisher: Penguin Books Ltd

3.8
(1564)

Language: English | Number of Pages: 352 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) German , Italian , French , Spanish , Japanese , Portuguese , Catalan , Dutch

Isbn-10: 014018080X | Isbn-13: 9780140180800 | Publish date: 

Curator: Oliver Stallybrass

Also available as: Hardcover , Mass Market Paperback , School & Library Binding , Audio Cassette , Library Binding , Audio CD , Leather Bound , Others , eBook

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Romance

Do you like Howards End ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
In this story of two sisters and their very different paths in life Forster voiced many of his apprehensions about the future, and it has become more relevant than ever as a statement of humane, civilised values, while its subtle characterisation, its blend of irony and lyricism, its humour and its welath of unobtrusive symbols, make it one of the great English novels.
Sorting by
  • 3

    Non mi ha convinta

    Dal momento che si parla di Howards End come del capolavoro di Forster, mi aspettavo che il romanzo mi piacesse quanto o di più di Camera con vista o Maurice che avevo amato. In realtà, l'ho apprezzat ...continue

    Dal momento che si parla di Howards End come del capolavoro di Forster, mi aspettavo che il romanzo mi piacesse quanto o di più di Camera con vista o Maurice che avevo amato. In realtà, l'ho apprezzato molto di meno, in primo luogo perché a mio parere viene meno a quello che era il suo principale obiettivo (dichiarato nel sottotitolo), vale a dire il "connettere". Forster voleva collegare fra loro le vite di tre ceti sociali differenti: i ricchi arroganti Wilcox impegnati nel colonialismo britannico, le sorelle Shlegel anticonformiste e amanti delle arti, e i proletari Bast che vivono nei sobborghi di Londra. Tuttavia, non capisco proprio in che modo la "connessione" si possa essere verificata nel corso della storia, anche perché ai poveri Bast è lasciato ben poco spazio nel romanzo, divenendo vittime dei più influenti coprotagonisti. Che forse Forster volesse alludere al fatto che i ceti inferiori sono succubi e senza libertà di scelta se posti di fronte alle classi più agiate? Forse. Ma come si spiega poi la passione della raffinata Margaret Shlegel per un uomo privo di fantasia o sensibilità come Mr. Wilcox? Tutto sommato lo considero un buon romanzo, ma di certo non un capolavoro come viene spesso descritto, e in effetti preferisco il Forster passionale di Camera con vista a quello verboso e inconsistente di Howards End.

    said on 

  • 5

    Realtà differenti e lontane, contrapposte, essere ed apparire, culture diverse, città e campagna londinese, borghesia e proletariato, tradizione e progresso, sono i temi che compongono la storia del r ...continue

    Realtà differenti e lontane, contrapposte, essere ed apparire, culture diverse, città e campagna londinese, borghesia e proletariato, tradizione e progresso, sono i temi che compongono la storia del romanzo. Un popolo che per convivere deve trovare una qualche connessione, punto di contatto, per poter unire persone e classi sociali diverse, in un’Inghilterra che si avvia verso una nuova fase storica e sociale, Forster dice che il nuovo, coloro che si occupano di “fare”, deve essere coniugato alla tradizione per attecchire e sedimentare, la cultura non può sottrarsi e snobbare la logica economica di chi “fa le cose” e che produce il progresso di un paese. Insomma la cultura non deve essere astratta e il fare non deve essere arido.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    solo connettere

    si può essere legati ad un posto prima ancora di vederlo? si può trovare il senso di se stessi in una casa umida al confine tra la londra che avanza e la campagna? la risposta è sempre si. l'amore per ...continue

    si può essere legati ad un posto prima ancora di vederlo? si può trovare il senso di se stessi in una casa umida al confine tra la londra che avanza e la campagna? la risposta è sempre si. l'amore per la natura, per quella natura spontanea, non irregimentata dall'uomo, la natura che rispetta, che ama, che accoglie, è tutto qui, ed esplode sempre più, andando avanti nella lettura di questo romanzo pieno di emozioni. la sensazione che deriva, alla fine della lettura, è che tutto fosse connesso, con l'amore come legante. I sentimenti veri e puri tra le due sorelle, l'amore per la giustizia, l'onestà, e la bellezza della natura. Mi sono solo chiesta, alla fine, se fosse nello spirito del libro essersi dimenticati così della povera signora Bast, caduta nell'oblio, senza più il marito, senza soldi, senza casa.

    said on 

  • 4

    Il destino di Edward Forster è stato abbastanza strano: non ha avuto un grandissimo successo di pubblico, ma dai suoi libri sono stati tratti bellissimi film. Io sono stata tra gli entusiasti lettori ...continue

    Il destino di Edward Forster è stato abbastanza strano: non ha avuto un grandissimo successo di pubblico, ma dai suoi libri sono stati tratti bellissimi film. Io sono stata tra gli entusiasti lettori di questo romanzo, prima di vederne la versione cinematografica

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    2

    Margaret ed Helen Schlegel sono due sorelle londinesi di origine tedesca che fanno parte di quel ceto superiore che vive sulle proprie rassicuranti "isole di denaro", ben al di sopra di un'umanità pov ...continue

    Margaret ed Helen Schlegel sono due sorelle londinesi di origine tedesca che fanno parte di quel ceto superiore che vive sulle proprie rassicuranti "isole di denaro", ben al di sopra di un'umanità povera e spesso derelitta la cui preoccupazione principale è la sopravvivenza.
    Le Schlegel sono ben consapevoli della propria fortuna, e del fatto che grazie ad essa possano occuparsi delle problematiche e dell'approfondimento della conoscenza della vita interiore. Alle due si contrappongono i Wilcox, numerosi membri di una famiglia benestante, ma dalla mentalità ottusa e dall'indole ipocrita.
    L'incontro tra le due famiglie, tra due facce così diverse della stessa medaglia, cambierà inesorabilmente la vita di Helen e Margaret: la prima, vivacissima e solare, sarà per sempre colpita dal panico e dal vuoto che vede una mattina negli occhi di uno dei Wilcox, la seconda, meno attraente e più riflessiva, vi troverà invece l'amore, e con esso i compromessi per raggiungere la felicità.
    Helen rappresenta quindi la frattura insanabile, il rifiuto verso qualcosa di inaccettabile e non condivisibile, e a lei è sovrapponibile quella Londra delle grandi case patronali che non può far altro che soccombere all'avanzata del progresso ed ai palazzoni condominiali che prendono il posto delle case unifamiliari; Margaret è invece l'accettazione fiduciosa del cambiamento -pur se non sempre positivo-, che comunque non le fa perdere mai davvero se stessa, come la capitale britannica, che, se dal un lato si piega al grigiore e a quelle che possono essere le brutture portate dal progresso, non perde mai davvero la sua anima.
    Aleggia su tutti il personaggio della signora Wilcox, che forse si tende a sottovalutare, ma che in realtà riesce, sola, a comprendere cosa alberghi nel cuore di coloro che la circondano, e che sceglie -e la vita, con i suoi strani ed imprevedibili rivolgimenti le darà ragione-, come erede della sua amata casa Howard, l'unica persona che saprà amarla altrettanto e riporre in essa la propria anima.

    http://iltesorodicarta.blogspot.it/

    said on 

  • 5

    Se non è arte questa...

    Immanente e senza tempo, sublime e subliminale.
    Forster riesce non solo a descrivere i flussi di coscienza dei suoi personaggi dall'esterno, ma anche le connessioni che si creano quando questi attrave ...continue

    Immanente e senza tempo, sublime e subliminale.
    Forster riesce non solo a descrivere i flussi di coscienza dei suoi personaggi dall'esterno, ma anche le connessioni che si creano quando questi attraversano altre persone, luoghi o cose. Se non è arte questa...

    said on 

  • 2

    dal blog Giramenti

    Chi mi conosce non si stupirà di sapere che a pagina 67 ho urlato “Basta!”, ho anche aggiunto eccheccazzo ma non sta bene dirlo qui.
    Anzi, chi mi conosce sarà piuttosto stupito di sapere che ho tentat ...continue

    Chi mi conosce non si stupirà di sapere che a pagina 67 ho urlato “Basta!”, ho anche aggiunto eccheccazzo ma non sta bene dirlo qui.
    Anzi, chi mi conosce sarà piuttosto stupito di sapere che ho tentato di leggere Casa Howard, io che mi sono sempre rifiutata di vedere il film. Nonostante la pellicola sia piena di grandi nomi, nomi che gradisco moltissimo, attori che sicuramente mi avrebbero messa prudentemente in guardia: questo film non fa per te… figuriamoci il libro.

    SEGUE su http://gaialodovica.wordpress.com/2014/01/29/casa-howard-di-edward-morgan-forster/

    said on 

  • 4

    "Sono quelli che non sono in grado di connettere che scagliano la prima pietra"
    Con Casa Howard, dopo Monteriano e Camera con vista, chiudo in bellezza l' approccio a Forster.
    Il libro mi è piaciuto m ...continue

    "Sono quelli che non sono in grado di connettere che scagliano la prima pietra"
    Con Casa Howard, dopo Monteriano e Camera con vista, chiudo in bellezza l' approccio a Forster.
    Il libro mi è piaciuto molto,la psicologia dei personaggi è analizzata a fondo, i luoghi descritti nei dettagli. Il romanzo non è di quelli che si leggono tutto d' un fiato; ha una scrittura densa, complessa che "costringe" il lettore ad andare oltre la superficie,a ricercare le vie nascoste districandoci nella ragnatela del linguaggio simbolico.
    Casa Howard, presenza costante dall' inizio alla fine, non è la semplice dimora di campagna; rappresenta le radici profonde, la tradizione da custodire e amare; è "uno spirito" destinato ad "un erede spirituale".
    Casa Howard è un crocevia di stili di vita, di mentalità in contrasto, di mondi in opposizione, secondo la tecnica collaudata da Forster. Qui l' idealità della cultura, l' anticonformismo rappresentati dai fratelli Schlegel si scontra con la borghesia affaristica, con l' esigenza economica del progresso che ha l' emblema nei Wilcox, Herry in testa.
    Forster tenta la mediazione, scioglie il nodo affidando il compito a Margaret, la più concreta degli Schlegel. A lei tocca sistemare i tasselli, creare una connessione tra gli opposti perché l' uno non abbia il sopravvento sull' altro, sperare in una civiltà, ancora bambina, capace di "cogliere le grandi possibilità di bellezza e avventura che il mondo offre"; sperare in "una vita, oscura, tuttavia dorata di tranquillità."

    said on 

Sorting by
Sorting by