Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Hunger Games

By

Editeur: Pocket Jeunesse

4.3
(13899)

Language:Français | Number of pages: 398 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , Catalan , Chi traditional , Italian , German , Chi simplified , Portuguese , Swedish , Dutch , Basque , Finnish , Korean , Danish , Polish , Turkish , Czech , Greek , Russian

Isbn-10: 2266182692 | Isbn-13: 9782266182690 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Aimez-vous Hunger Games ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 4

    se l'Isola dei famosi...

    il mio primo pensiero è stato: se L'Isola dei famosi prendesse spunto da questo libro, potrei perfino decidere di accendere la tv.
    Il secondo: la Collins si merita quattro stelline. La trama non è originale al 100% (l'associazione col Signore delle mosche si fa automaticamente), il finale è ...continuer

    il mio primo pensiero è stato: se L'Isola dei famosi prendesse spunto da questo libro, potrei perfino decidere di accendere la tv.
    Il secondo: la Collins si merita quattro stelline. La trama non è originale al 100% (l'associazione col Signore delle mosche si fa automaticamente), il finale è abbastanza scontato (ma non potrebbe essere altrimenti considerata la narrazione in prima persona) e i colpi di scena non accelerano il battito cardiaco. Eppure, la narrazione scorre fluida, l'interesse rimane alto fino all'ultima pagina, il carattere fantascientifico è rispettato e ci spinge a porci qualche interrogativo sui limiti del nostro voyeurismo: davvero nessuno prima o poi ci imporrà di assistere alla morte in diretta col naso incollato alla tv? Quanto il nostro comportamento in certe situazioni è dettato dal bisogno e dalla paura piuttosto che dalla nostra natura? E noi, al posto di Katniss, cosa avremmo fatto? Lo scopriremo solo leggendo. Arrivederci al tomo n.2!

    dit le 

  • 5

    Dittatura fantascientifica

    Come riporta il retro della copertina del libro, questo libro da assefuazione. L'ho quasi divorato, staccarsi dal libro richiede uno sforzo notevole.
    L'argomento principale della storia sono gli Hunger Games, uno strumento utilizzato da Capitol City per tenere sottomessi i 12 distretti di P ...continuer

    Come riporta il retro della copertina del libro, questo libro da assefuazione. L'ho quasi divorato, staccarsi dal libro richiede uno sforzo notevole.
    L'argomento principale della storia sono gli Hunger Games, uno strumento utilizzato da Capitol City per tenere sottomessi i 12 distretti di Panem. La possibilità di vincere questi giochi e poter vivere negli agi per il resto della propria vita, il ricordo del distretto 13 raso al suolo, la devastante potenza tecnologica della capitale, sono i mezzi utilizzati per sottomettere la popolazione. Katniss, la protagonista del romanzo, si offre come volontaria per proteggere la sorella dai pericoli dell'arena e degli altri tributi.
    Se la storia vi incuriosisce, ma desiderate una versione meno ricca di particolari, il film fa al caso vostro, aggiunge qualche fronzolo e lascia meno spazio alla riflessione, ma riprende appieno gli aspetti fondamentali della narrazione.

    dit le 

  • 4

    Non credo sia semplice raccontare una storia di crudeltà gratuita a cui sono costretti 24 ragazzi in un'arena mantenendo i personaggi principali così umani e così fedeli alla propria natura prima degli Hunger Games. Ottimo romanzo!

    dit le 

  • 4

    "Ma oggi c'è stato abbastanza sangue, forse riusciremo perfino a dormire".

    Il primo capitolo della trilogia si è dimostrato essere un' ottima lettura, caratterizzata da un' ambientazione distopica molto convincente, seppur ispirandosi (ed in maniera neanche tanto velata) a Battle Royale, ed una narrazione scorrevole che procede a ritmo serrato per tutto il libro. Certo, ...continuer

    Il primo capitolo della trilogia si è dimostrato essere un' ottima lettura, caratterizzata da un' ambientazione distopica molto convincente, seppur ispirandosi (ed in maniera neanche tanto velata) a Battle Royale, ed una narrazione scorrevole che procede a ritmo serrato per tutto il libro. Certo, va comunque detto, che il romanzo presenta difetti ed imprecisioni, dovuti molto probabilmente alla narrazione in prima persona. Hunger Games, concepito all' inizio dalla Collins come romanzo auto conclusivo, esprime attraverso un crudele e terrificante reality show l' agghiacciante determinazione di 24 adolescenti, che devono cercare di sopravvivere in un' arena ricca di pericoli e trappole mortali: tutto ciò per il puro piacere di una popolazione trasudante sfarzo ed ipocrisia, Capitol City.
    La protagonista, Katniss, cercherà di farsi strada tra amore, dolore e morte verso la vittoria.

    dit le 

  • 4

    Ambientato in un dispotico futuro e situato in un’America che ormai porta il nome di Panem, Hunger Games narra le vicende della sedicenne Katniss Everdeen che, per salvare la sorella minore, si offre come volontaria per partecipare ai giochi.


    La recensione continua qui: http://lisa.forumco ...continuer

    Ambientato in un dispotico futuro e situato in un’America che ormai porta il nome di Panem, Hunger Games narra le vicende della sedicenne Katniss Everdeen che, per salvare la sorella minore, si offre come volontaria per partecipare ai giochi.

    La recensione continua qui: http://lisa.forumcommunity.net/?t=57183584

    dit le 

  • 5

    I giochi della fame

    Lo ammetto, appena uscita questa trilogia l’avevo snobbata e non avevo per niente voglia di mettermi a leggerla.
    Credevo non mi sarebbero mai piaciuti, anche se la trama sembrava interessante non riuscivo a trovare lo spirito giusto per iniziare questa lettura.
    Poi un giorno ho inizia ...continuer

    Lo ammetto, appena uscita questa trilogia l’avevo snobbata e non avevo per niente voglia di mettermi a leggerla.
    Credevo non mi sarebbero mai piaciuti, anche se la trama sembrava interessante non riuscivo a trovare lo spirito giusto per iniziare questa lettura.
    Poi un giorno ho iniziato a sfogliarlo ed è scoccato subito l’amore.
    Lo stile di scrittura è estremamente semplice e scorrevole anche se il libro è pieno zeppo di descrizioni mentre ci sono pochissimi dialoghi.
    Una cosa che mi è piaciuta particolarmente è la narrazione in prima persona della protagonista soprattutto nelle parti più difficili che dovrà attraversare nella sua breve vita.

    Passiamo alla trama del libro.

    Anche quest’anno sono arrivati gli Hunger Games, il reality show di Capitol City.
    Si tratta di un evento dove vige la regola: o UCCIDI o MUORI.
    Katniss ha praticamente firmato la sua condanna a morte quando si è offerta come tributo al posto della sua amata sorella Prim.
    Katniss appartiene al 12° distretto quello dei minatori e qui in 73 anni di Hunger Games ci sono stati solo due vincitori per cui le sue speranze di vita sono davvero poche.
    Katniss non ha mai avuto vita facile, ha perso il padre in un terribile incidente che le causa diversi incubi, la madre è caduta in depressione ed anche se lei era ancora una ragazzina ha dovuto prendersi cura della sorella e riuscire a sfamare la famiglia.

    È una storia che fa molto riflettere anche se non è ambientata in un periodo preciso.
    I fatti narrati e la crudeltà di Capitol City ci fanno capire perfettamente che questo luogo riesce a tenere in pugno tutti e dodici i distretti, ma…

    Che dire?
    Sto già leggendo il secondo libro, per cui sì, senza esitazioni ve lo consiglio.

    Buona lettura!

    dit le 

  • 5

    Bello bello.
    Avvincente, mai scontato e commovente.
    Leggero e scorrevole, avvolgente e toccante.
    Chi ci ha visto qualche richiamo a 1984 non sbaglia. Si sente quella tensione, quell'essere immersi in uno status quo non modificabile dove puoi solo farti trascinare dalla corrente. ...continuer

    Bello bello.
    Avvincente, mai scontato e commovente.
    Leggero e scorrevole, avvolgente e toccante.
    Chi ci ha visto qualche richiamo a 1984 non sbaglia. Si sente quella tensione, quell'essere immersi in uno status quo non modificabile dove puoi solo farti trascinare dalla corrente. Dove se provi a sbattere un poco le braccia per evitare di annegare vieni subito notato e costretto a farmerti... anche se fermarti vuol dire morire o uccidere.

    dit le 

Sorting by