Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Hunger Games

Di

Editore: Mondadori

4.3
(13898)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 369 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Catalano , Chi tradizionale , Tedesco , Chi semplificata , Portoghese , Svedese , Olandese , Basco , Francese , Finlandese , Coreano , Danese , Polacco , Turco , Ceco , Greco , Russo

Isbn-10: 8804594101 | Isbn-13: 9788804594109 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Fabio Paracchini , Simona Brogli

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace Hunger Games?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Quando Katniss urla "Mi offro volontaria, mi offro volontaria come tributo!" sa di aver appena firmato la sua condanna a morte. È il giorno dell'estrazione dei partecipanti agli Hunger Games, un reality show organizzato ogni anno da Capitol City con una sola regola: uccidi o muori. Ognuno dei Distretti deve sorteggiare un ragazzo e una ragazza tra i 12 e i 18 anni che verrà gettato nell'Arena a combattere fino alla morte. Ne sopravvive uno solo, il più bravo, il più forte, ma anche quello che si conquista il pubblico, gli sponsor, l'audience. Katniss appartiene al Distretto 12, quello dei minatori, quello che gli Hunger Games li ha vinti solo due volte in 73 edizioni, e sa di aver poche possibilità di farcela. Ma si è offerta al posto di sua sorella minore e farà di tutto per tornare da lei. Da quando è nata ha lottato per vivere e lo farà anche questa volta.
Nella sua squadra c'è anche Peeta, un ragazzo gentile che però non ha la stoffa per farcela. Lui è determinato a mantenere integri i propri sentimenti e dichiara davanti alle telecamere di essere innamorato di Katniss. Ma negli Hunger Games non esistono gli amici, non esistono gli affetti, non c'è spazio per l'amore. Bisogna saper scegliere e, soprattutto, per vincere bisogna saper perdere, rinunciare a tutto ciò che ti rende Uomo.
Ordina per
  • 5

    Dittatura fantascientifica

    Come riporta il retro della copertina del libro, questo libro da assefuazione. L'ho quasi divorato, staccarsi dal libro richiede uno sforzo notevole.
    L'argomento principale della storia sono gli Hunger Games, uno strumento utilizzato da Capitol City per tenere sottomessi i 12 distretti di P ...continua

    Come riporta il retro della copertina del libro, questo libro da assefuazione. L'ho quasi divorato, staccarsi dal libro richiede uno sforzo notevole.
    L'argomento principale della storia sono gli Hunger Games, uno strumento utilizzato da Capitol City per tenere sottomessi i 12 distretti di Panem. La possibilità di vincere questi giochi e poter vivere negli agi per il resto della propria vita, il ricordo del distretto 13 raso al suolo, la devastante potenza tecnologica della capitale, sono i mezzi utilizzati per sottomettere la popolazione. Katniss, la protagonista del romanzo, si offre come volontaria per proteggere la sorella dai pericoli dell'arena e degli altri tributi.
    Se la storia vi incuriosisce, ma desiderate una versione meno ricca di particolari, il film fa al caso vostro, aggiunge qualche fronzolo e lascia meno spazio alla riflessione, ma riprende appieno gli aspetti fondamentali della narrazione.

    ha scritto il 

  • 4

    Non credo sia semplice raccontare una storia di crudeltà gratuita a cui sono costretti 24 ragazzi in un'arena mantenendo i personaggi principali così umani e così fedeli alla propria natura prima degli Hunger Games. Ottimo romanzo!

    ha scritto il 

  • 4

    "Ma oggi c'è stato abbastanza sangue, forse riusciremo perfino a dormire".

    Il primo capitolo della trilogia si è dimostrato essere un' ottima lettura, caratterizzata da un' ambientazione distopica molto convincente, seppur ispirandosi (ed in maniera neanche tanto velata) a Battle Royale, ed una narrazione scorrevole che procede a ritmo serrato per tutto il libro. Certo, ...continua

    Il primo capitolo della trilogia si è dimostrato essere un' ottima lettura, caratterizzata da un' ambientazione distopica molto convincente, seppur ispirandosi (ed in maniera neanche tanto velata) a Battle Royale, ed una narrazione scorrevole che procede a ritmo serrato per tutto il libro. Certo, va comunque detto, che il romanzo presenta difetti ed imprecisioni, dovuti molto probabilmente alla narrazione in prima persona. Hunger Games, concepito all' inizio dalla Collins come romanzo auto conclusivo, esprime attraverso un crudele e terrificante reality show l' agghiacciante determinazione di 24 adolescenti, che devono cercare di sopravvivere in un' arena ricca di pericoli e trappole mortali: tutto ciò per il puro piacere di una popolazione trasudante sfarzo ed ipocrisia, Capitol City.
    La protagonista, Katniss, cercherà di farsi strada tra amore, dolore e morte verso la vittoria.

    ha scritto il 

  • 4

    Ambientato in un dispotico futuro e situato in un’America che ormai porta il nome di Panem, Hunger Games narra le vicende della sedicenne Katniss Everdeen che, per salvare la sorella minore, si offre come volontaria per partecipare ai giochi.


    La recensione continua qui: http://lisa.forumco ...continua

    Ambientato in un dispotico futuro e situato in un’America che ormai porta il nome di Panem, Hunger Games narra le vicende della sedicenne Katniss Everdeen che, per salvare la sorella minore, si offre come volontaria per partecipare ai giochi.

    La recensione continua qui: http://lisa.forumcommunity.net/?t=57183584

    ha scritto il 

  • 5

    I giochi della fame

    Lo ammetto, appena uscita questa trilogia l’avevo snobbata e non avevo per niente voglia di mettermi a leggerla.
    Credevo non mi sarebbero mai piaciuti, anche se la trama sembrava interessante non riuscivo a trovare lo spirito giusto per iniziare questa lettura.
    Poi un giorno ho inizia ...continua

    Lo ammetto, appena uscita questa trilogia l’avevo snobbata e non avevo per niente voglia di mettermi a leggerla.
    Credevo non mi sarebbero mai piaciuti, anche se la trama sembrava interessante non riuscivo a trovare lo spirito giusto per iniziare questa lettura.
    Poi un giorno ho iniziato a sfogliarlo ed è scoccato subito l’amore.
    Lo stile di scrittura è estremamente semplice e scorrevole anche se il libro è pieno zeppo di descrizioni mentre ci sono pochissimi dialoghi.
    Una cosa che mi è piaciuta particolarmente è la narrazione in prima persona della protagonista soprattutto nelle parti più difficili che dovrà attraversare nella sua breve vita.

    Passiamo alla trama del libro.

    Anche quest’anno sono arrivati gli Hunger Games, il reality show di Capitol City.
    Si tratta di un evento dove vige la regola: o UCCIDI o MUORI.
    Katniss ha praticamente firmato la sua condanna a morte quando si è offerta come tributo al posto della sua amata sorella Prim.
    Katniss appartiene al 12° distretto quello dei minatori e qui in 73 anni di Hunger Games ci sono stati solo due vincitori per cui le sue speranze di vita sono davvero poche.
    Katniss non ha mai avuto vita facile, ha perso il padre in un terribile incidente che le causa diversi incubi, la madre è caduta in depressione ed anche se lei era ancora una ragazzina ha dovuto prendersi cura della sorella e riuscire a sfamare la famiglia.

    È una storia che fa molto riflettere anche se non è ambientata in un periodo preciso.
    I fatti narrati e la crudeltà di Capitol City ci fanno capire perfettamente che questo luogo riesce a tenere in pugno tutti e dodici i distretti, ma…

    Che dire?
    Sto già leggendo il secondo libro, per cui sì, senza esitazioni ve lo consiglio.

    Buona lettura!

    ha scritto il 

  • 5

    Bello bello.
    Avvincente, mai scontato e commovente.
    Leggero e scorrevole, avvolgente e toccante.
    Chi ci ha visto qualche richiamo a 1984 non sbaglia. Si sente quella tensione, quell'essere immersi in uno status quo non modificabile dove puoi solo farti trascinare dalla corrente. ...continua

    Bello bello.
    Avvincente, mai scontato e commovente.
    Leggero e scorrevole, avvolgente e toccante.
    Chi ci ha visto qualche richiamo a 1984 non sbaglia. Si sente quella tensione, quell'essere immersi in uno status quo non modificabile dove puoi solo farti trascinare dalla corrente. Dove se provi a sbattere un poco le braccia per evitare di annegare vieni subito notato e costretto a farmerti... anche se fermarti vuol dire morire o uccidere.

    ha scritto il 

  • 3

    Un volo troppo alto

    La prima volta in cui mi sono imbattuto in questo romanzo, è stato nella sezione "per ragazzi" della Mondadori. Classificazione più che sbagliata, a mio parere.
    Hunger Games è una parodia grottesca del nostro mondo. Uno sguardo ad un futuro prossimo, ad un ipotetico mondo che ci aspetta. In ...continua

    La prima volta in cui mi sono imbattuto in questo romanzo, è stato nella sezione "per ragazzi" della Mondadori. Classificazione più che sbagliata, a mio parere.
    Hunger Games è una parodia grottesca del nostro mondo. Uno sguardo ad un futuro prossimo, ad un ipotetico mondo che ci aspetta. In una realtà odierna dove le frivolezze, l'ipocrisia e la superiorità di un ceto sopraelevato alla popolazione, la saga della Collins non è altro che una denuncia sociale.
    Ci troviamo difronte ad un mondo post-apocalittico, dove i confini geografici sono stati ridisegnati completamente, e dove i potenti, in minoranza titanica rispetto al resto della popolazione, governano nello sfarzo. Siamo in un'epoca buia, dove il sapere passato si è perso, e dove la cultura viene affossata, a sfavore delle popolazioni sfruttate. Il nord America è il fulcro della storia, e non si hanno notizie del resto del mondo, caduto in disgrazie. Il mondo conosciuto è diviso in 12 distretti, 12 regione, suddivide in occupazioni e materie prime che sono in grado di produrre. Troveremo il distretto 4, terra ittica, il distretto 11, patria della coltivazione intensiva, e così via. La protagonista è Katniss Everdeen, un'umile ragazza, del più umile dei distretti, il numero 12, il distretto specializzato nella raccolta dei minerali e di carbone.
    Katniss è una ragazza forte e determinata. Orfana di padre, provvede da sola alla sua famiglia, procacciando cacciaggione segretamente, scavalcando le dure regole del distretto, che proibiscono la caccia e il commercio di selvaggina.
    Le regole di Panem sono dure, e non transigono. La ribellione viene pagata con la distruzione. La storia insegna che un distretto insorto, il distretto numero 13, abbia tentato di ribellarsi a Capitol City, il fulcro del potere. Tale distretto non esiste più nemmeno nelle carte geografie, raso al suolo dalla potenza distruttiva della rappresentanza del governo. E come monito a tutti gli altri distretti, ecco che vengono inaugurati gli Hunger Games.
    Reality moderni, allo scopo di mantenere vivo il monito di anti-ribellione. 24 ragazzi, 2 per distretto, un ragazzo e una ragazza in età compresa fra i 12 e i 19 anni, vengono sorteggiati ogni anno, per partecipare ai grandiosi giochi. 24 partecipanti, un'arena futuristica e piena zeppa di trappole letali, e un solo sopravvissuto.
    Sarà Katniss Everdeen la rappresentante del distretto 12 per gli Hunger Games, arrivati ormai alla settantaquattresima edizione. Ma quando Katniss sfida Capitol City difronte alle telecamere e agli occhi di tutta Panem, il destino comincerà a soffiare per una vela differente. La Ghiandaia Imitatrice diventa il simbolo della Ribellione, e il Canto dela Rivolta si leva dai 12 distretti.

    Hunger Games è crudo, e senza fronzoli. La morte è onnipresente, e non risparmia nessuno. Se c'è un concetto che è chiaro fin da subito è proprio questo. Non siamo in un favoletta moderna, dove il protagonista salva il mondo e i proprio amici. Saremo difronte ad una ragazza determinata, e pronta ad uccidere per difendere sè stessa e la propria famiglia. Non ci verranno risparmiati i dettagli e la sofferenza che ogni personaggio affronta, e come in un reality vero e proprio, vivremo i giochi nella propria interezza.
    Rimarremo incollati alle pagine, ansiosi di arrivare al finale degli Hunger Games, a volte tenendo conto delle risorse in possesso della protagonista, e contando quanti concorrenti si frappongono fra noi e la vittoria. E la Ribellione, la voglia di libertà, pervaderà i nostri cuori, ardendo, così come brucia nella Ragazza di Fuoco.

    ha scritto il 

Ordina per