Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Hush, Hush

By

Publisher: Simon & Schuster

3.9
(2170)

Language:English | Number of Pages: 416 | Format: Hardcover | In other languages: (other languages) Chi traditional , Italian , Spanish , Portuguese , Catalan , German , Polish , French

Isbn-10: 1847386946 | Isbn-13: 9781847386946 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Softcover and Stapled , Audio CD , eBook , Others

Category: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Hush, Hush ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
For Nora Grey, romance was not part of the plan. She's never been particularly attracted to the boys at her school, no matter how much her best friend, Vee, pushes them at her. Not until Patch came along.

With his easy smile and eyes that seem to see inside her, Nora is drawn to him against her better judgment.

But after a series of terrifying encounters, Nora's not sure who to trust. Patch seems to be everywhere she is, and to know more about her than her closest friends. She can't decide whether she should fall into his arms or run and hide. And when she tries to seek some answers, she finds herself near a truth that is way more unsettling than anything Patch makes her feel.

For Nora is right in the middle of an ancient battle between the immortal and those that have fallen - and, when it comes to choosing sides, the wrong choice will cost her life.

Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    1

    Cos'ho letto?

    Mi è stato suggerito. Mi sono fidata e ho fatto male.
    Scrittura semplice, paratattica; completa assenza di descrizione introspettiva o paesaggistica; dominanza di dialoghi banali e assurdi.
    Una ragazz ...continue

    Mi è stato suggerito. Mi sono fidata e ho fatto male.
    Scrittura semplice, paratattica; completa assenza di descrizione introspettiva o paesaggistica; dominanza di dialoghi banali e assurdi.
    Una ragazza che realizza, dall'oggi al domani, di frequentare un angelo, come se fosse totalmente normale.
    I personaggi non hanno sviluppo, la trama è piatta.
    Dannati romanzi americani. Dannata generazione che legge unicamente questo schifo di roba, neanche definibile "libro". Dovrebbe esistere una categoria a sé per questi insulti alla letteratura.

    said on 

  • 5

    ¡¡Diferente!!

    La verdad es que me ha sorprendido la historia de los dos jóvenes protagonistas, me ha gustado mucho la mezcla del tema angelical con la maldad de algunos de éstos "ángeles", también los pensamientos ...continue

    La verdad es que me ha sorprendido la historia de los dos jóvenes protagonistas, me ha gustado mucho la mezcla del tema angelical con la maldad de algunos de éstos "ángeles", también los pensamientos contradictorios que tiene Nora respecto a ella misma y a Patch. Puesto que soy un poco romántica creo que al final triunfará el amor, como siempre, :).
    Recomiendo toda la saga Hush, Hush y a su autora en general me ha gustado mucho.

    said on 

  • 2

    http://lepazzebooklovers.blogspot.it/2015/02/il-bacio-dellangelo-caduto.html
    Il libro scorre questo non posso negarlo, la copertina è molto intrigante, il protagonista maschile non è male (anche se si ...continue

    http://lepazzebooklovers.blogspot.it/2015/02/il-bacio-dellangelo-caduto.html
    Il libro scorre questo non posso negarlo, la copertina è molto intrigante, il protagonista maschile non è male (anche se si vede poco), ma la storia è piuttosto banale. Anche lo stile, nonostante sia molto semplice, a volte lo risulta fin troppo, finendo per sminuire ancora di più la trama.
    Con un vago ricordo di Twilight, anche se neanche troppo, cosa di cui avevo sinceramente paura, non ha avuto la capacità di attirarmi appieno. Cioè mi ha incuriosita, ma molto spesso anche irritata e in alcuni passi fatta ridere, anche se non era richiesto.
    L’idea degli angeli caduti non mi è dispiaciuta e nemmeno quella che possano mandare delle visioni ai mortali (stavo per scrivere mondani… la Clare mi ha sabotato il cervello. Ricordo che domani esce la prima novella di Welcome to Shadowhunter Academy in inglese… yeahhh!!!), inoltre mi intriga che possano redimersi facendo qualcosa di buono o uccidendo la discendente del loro vassallo, che loro stessi hanno designato come tale. Questi vassalli di solito sono Nephilim, metà umani e metà angeli.
    Parliamo dei personaggi: Nora, la protagonista, all’inizio non mi dispiaceva, ma dopo aver dato il suo giaccone a una barbona (in una serata temporalesca e fredda) per avere informazioni, diciamo che ha perso totalmente i punti che aveva acquistato. Le ha dato anche il cappello, per perdere qualche punto in più… L’amica non mi è piaciuta proprio, infatti ho persino pensato – potete leggere anche sperato- che fosse cattiva. Vee dovrebbe far ridere, essere una di quelle amiche che convince la protagonista a buttarsi con il primo che capita, che la smuove da “io-non-sto-con nessuno”, ma non riesce a essere un personaggio interessante. Che poi io mi chiedo: hanno davvero bisogno di essere smossi questi personaggi femminili? Non credo, dato che vedono un ragazzo, lo trovano interessante e se ne innamorano così in un nanosecondo. Certo fisicamente sono interessanti, non si può dire di no, ma c’è anche altro…
    Che poi questi personaggi femminili non hanno mai voluto nessuno fino a quel momento, tutti i maschi della loro scuola sono orrendi, poi arrivano due o tre ragazzi nuovi e questi sono splendidi come il Dio Apollo… ma non sanno che gallina vecchia fa buon brodo. Ahhh, la saggezza popolare.
    Comunque Vee non ha reso niente, si è fatta solo rapire, per fare ancora più casino e far quasi uccidere la sua amica.
    Patch, ecco lui non è male, ma non credo che la Fitzpatrick abbia giocato tutte le sue carte con questo personaggio, che rimane in qualche modo marginale, nonostante sia intrigante, misterioso e sexy, oltre che un angelo caduto (lo si sa dall’inizio, ma la protagonista lo capisce quasi alla fine). So che questo libro è il primo di una quadrilogia, quindi c’è tempo per dare una caratterizzazione maggiore ai personaggi, però insomma a me piace che abbiano subito un’identità. Patch è sicuramente il più inquadrabile, mentre gli altri proprio no.
    Soprattutto la grande incognita è la madre di Nora. Non capisco, perché la Fitzpatrick non abbia fatto in modo che Nora fosse orfana, per quanto si vede quella donna, era meglio che non ci fosse proprio.
    Perché è stata inserita? Per far vedere che Nora fa quello che vuole ed è indipendente, quando sua madre tanto non c’è mai? Sinceramente non l’ho capito, so solo che è una madre con poca testa, dato che sua figlia sta da sola in una landa sperduta di notte. Ha la tata praticamente fino alle dieci e poi questa se ne torna a casa propria. Non sarebbe meglio fosse il contrario? Ma certo che no, perché Patch può stare lì con lei e pastrugnarla in modo poco soddisfacente (le premesse sembravano molto più erotiche… tutto quel parlare di sesso in classe e poi un misero bacio?) senza che nessuno stia a rompere (Meyer impara: Charlie era sempre in mezzo a Bella e Edward) o perché altri personaggi, che vogliono ucciderla, possano apparire e farle paura.
    Ho dato un due su Anobii, in realtà è un due e mezzo, perché voglio dare una seconda possibiltà.
    Sì, leggerò il secondo. So che vi stupisce, che state per chiamare il reparto di psichiatria più vicino, ma lo leggerò. Perché? Perché voglio vedere dove la Becca andrà a parare. Inoltre mi sono chiesta se sono stata un po’ cattiva e se nella mia ricerca del “Bel libro” non sia un po’ troppo dura con quelli che non lo sono… forse un pizzico sì e questa è un’altra ragione per provare il secondo.
    Inoltre ho letto pareri positivissimi e recensione a quattro/cinque stelle per questi romanzi, oltre che la Fitzpatrick per molti è la miglior scrittrice venuta sulla Terra, quindi diamole questa seconda possibilità.
    Una terza no, perché non sono Dio, sono solo Miss D e D non sta per Dio, l’unico D è quello di Mirya in Trentatré e io non posso competere.

    said on 

  • 3

    Delusa delusa delusa
    Patch e Nora due personaggi che potevano dare molto di più,
    Non apprezzo il modo di scrivere di questa autrice non mi da alcuna emozione.

    said on 

  • 3

    Mi aspettavo di più

    Non mi ha coinvolto come speravo ma non è un brutto libro, il resto lo trovate qui http://labibliotecadieika.blogspot.it/2014/09/mini-recensione-il-bacio-dellangelo.html

    said on 

  • 0

    Così cosi

    Il libro non è malvagio, la narrativa scorre...però non mi ha convinto tantissimo. Spero che nei prossimi capitoli la situazione migliori....ma ad oggi posso dire di Aver letto di meglio

    said on 

  • 3

    Libro carino e nell'insieme ben riuscito per essere uno Young. Sono miscelate nelle giuste dosi mistero, ironia e romanticismo e nell'insieme mi è piaciuto.
    All'inizio ero andata in acidità perché sto ...continue

    Libro carino e nell'insieme ben riuscito per essere uno Young. Sono miscelate nelle giuste dosi mistero, ironia e romanticismo e nell'insieme mi è piaciuto.
    All'inizio ero andata in acidità perché sto Patch che la seguiva e faceva lo spaccone mi urtava. Mi domando perché in tutti i libri del genere piacciono tanto i maschi oppressivi, forse sono io la strana?
    Se non si ha voglia di letture complesse lo consiglio.

    said on 

  • 2

    En definitiva es un libro que llevaba años queriendo leer y que ha sido decepcionante, esperaba otra cosa y me he topado con una historia en la que la mayor diversión será ir a comprar braguitas, no s ...continue

    En definitiva es un libro que llevaba años queriendo leer y que ha sido decepcionante, esperaba otra cosa y me he topado con una historia en la que la mayor diversión será ir a comprar braguitas, no se, me esperaba otra cosa y pese a que el final me ha gustado me ha dejado con un sabor agridulce por el conjunto de todo.
    http://www.atrapadaenunashojasdepapel.com/2014/07/hush-hush-becca-fitzpatrick.html

    said on 

  • 4

    Ho trovato "il bacio dell'angelo caduto" un libro piuttosto scorrevole e avvincente. Il rapporto dei personaggi mi è sembrato un po' banale e scontato ma in fondo il libro si è dimostrato una lettura ...continue

    Ho trovato "il bacio dell'angelo caduto" un libro piuttosto scorrevole e avvincente. Il rapporto dei personaggi mi è sembrato un po' banale e scontato ma in fondo il libro si è dimostrato una lettura piacevole e leggera.

    said on 

Sorting by