Hygiène de l'Assassin

By

Editeur: LGF

3.7
(3021)

Language: Français | Number of pages: 221 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) Spanish , Italian , German , Catalan , Dutch , English , Portuguese

Isbn-10: 225311118X | Isbn-13: 9782253111184 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Mass Market Paperback

Category: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Aimez-vous Hygiène de l'Assassin ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Prétextat Tach, prix Nobel de littérature, n'a plus que deux mois à vivre. Des journalistes du monde entier sollicitent des interviews de l'écrivain que sa misanthropie tient reclus depuis des années. Quatre seulement vont le rencontrer, dont il se jouera selon une dialectique où la mauvaise foi et la logique se télescopent. La cinquième lui tiendra tête, il se prendra au jeu. Si ce roman est presque entièrement dialogué, c'est qu'aucune forme ne s'apparente autant à la torture. Les échanges, de simples interviews, virent peu à peu à l'interrogatoire, à un duel sans merci. Dans ce premier roman d'une extraordinaire intensité, Amélie Nothomb manie la cruauté, le cynisme et l'ambiguïté avec un talent accompli.
Sorting by
  • 4

    Quattro stelle e mezzo

    Non do il massimo perché il finale è pretestuoso, tuttavia il romanzo è geniale.
    Più che un romanzo, sembra una pièce teatrale, in effetti, con dialoghi serrati ed estenuanti. I toni sono piuttosto ac ...continuer

    Non do il massimo perché il finale è pretestuoso, tuttavia il romanzo è geniale.
    Più che un romanzo, sembra una pièce teatrale, in effetti, con dialoghi serrati ed estenuanti. I toni sono piuttosto accesi e il linguaggio è crudo e spesso triviale. Quindi è comprensibile che possa non incontrare i gusti di tutti. Eppure, se ci si abbandona, non si può fare a meno di riconoscerne la genialità.
    Bravo.

    dit le 

  • 2

    Giungo all'opera d'esordio della dolce Amélie dopo oltre 20 libri suoi letti, e mi imbatto in un romanzo certamente ingegnoso ma anche macchinoso, e talmente irritante da diventare a tratti detestabil ...continuer

    Giungo all'opera d'esordio della dolce Amélie dopo oltre 20 libri suoi letti, e mi imbatto in un romanzo certamente ingegnoso ma anche macchinoso, e talmente irritante da diventare a tratti detestabile. Credo che se avessi iniziato a leggere da qui, forse non mi sarei spinto oltre.

    dit le 

  • 4

    Interessante per la forma, sviluppato in un continuo dialogo tra il protagonista, un premio Nobel per la letteratura, e quarto giornalisti a cui ha concesso di rilasciare un'intervista prima di morire ...continuer

    Interessante per la forma, sviluppato in un continuo dialogo tra il protagonista, un premio Nobel per la letteratura, e quarto giornalisti a cui ha concesso di rilasciare un'intervista prima di morire.

    dit le 

  • 3

    Prétextat Tach è uno dei personaggi più odiosi mail letti, lessico "gustoso", dalla trama mi aspettavo qualcosa di più.
    Ad ogni modo piacevole lettura per intervallare narrative più impegnate/impegnat ...continuer

    Prétextat Tach è uno dei personaggi più odiosi mail letti, lessico "gustoso", dalla trama mi aspettavo qualcosa di più.
    Ad ogni modo piacevole lettura per intervallare narrative più impegnate/impegnative.

    dit le 

  • *** Ce commentaire dévoile des détails importants de l\'intrigue ! ***

    3

    Inquietante

    Un lungo dialogo che non fa mai rimpiangere la mancanza, quasi totale, del narratore. Lo scambio di battute tra il protagonista, sofisticato dispensatore di farneticazioni sul piacere, sulla morte e s ...continuer

    Un lungo dialogo che non fa mai rimpiangere la mancanza, quasi totale, del narratore. Lo scambio di battute tra il protagonista, sofisticato dispensatore di farneticazioni sul piacere, sulla morte e sull'amore, e i suoi interlocutori è rapido, tagliente, sottile, profondo, mai banale sebbene spesso rasenti l'assurdo. Ed è sul dialogo serrato che si gioca tutto: il concetto di odio e di amore, di vita e di morte, di giusto e ingiusto, di libertà e costrizione, di possesso e di condivisione, di Bene e di Male.
    Sì, il Male, quello che ha davvero mille forme: nell'opera ha le fattezze flaccide, eteree ed imberbi di un uomo ossessionato da ciò che ha consapevolmente distrutto mentre creava (o che ha languidamente creato mentre distruggeva?) ma anche quelle di una donna bruttina e geniale, che diverrà, con sommo piacere, la sua inquietante e degnissima discepola.

    dit le 

  • 4

    Più che un romanzo è un lungo dialogo di impostazione teatrale, fatto di botta e risposta taglienti e affilatissimi, due personaggi stupendi, anche se il finale non mi ha convinto del tutto.

    dit le 

  • 4

    Sono sconvolta...

    Ho iniziato questo libro e sono andata avanti spedita; ma più mi addentravo nella storia più mi chiedevo come sarebbe potuta finire... ....e a quella fine ci arrivai!

    Mi ritrovo ancora incredula, ma ...continuer

    Ho iniziato questo libro e sono andata avanti spedita; ma più mi addentravo nella storia più mi chiedevo come sarebbe potuta finire... ....e a quella fine ci arrivai!

    Mi ritrovo ancora incredula, ma allo stesso tempo incantata da tale scrittura.

    Incredibilmente, LaFra.

    dit le 

  • 0

    Vale, un libro corto y entretenido pero bien pasable. Había leído críticas de gente que vamos, lo ponía por las nubes y nada más lejos de la realidad, calificar así este libro es de haber leído muy po ...continuer

    Vale, un libro corto y entretenido pero bien pasable. Había leído críticas de gente que vamos, lo ponía por las nubes y nada más lejos de la realidad, calificar así este libro es de haber leído muy poco.
    Lo dicho, un libro para pasar un ratillo pero que no te va a dejar marca.

    dit le 

Sorting by