Hypnotisören

By

Förlag: Månpocket

3.3
(3216)

Language: Svenska | Number of Pages: | Format: Others | På andra språk: (andra språk) Italian , Spanish , Portuguese , Dutch , Catalan , French , Norwegian , English , Danish , German , Chi traditional , Czech , Greek

Isbn-10: 9170017581 | Isbn-13: 9789170017582 | Publish date: 

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like Hypnotisören ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Bokbeskrivning
Sorting by
  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    appassionante

    Appassionante
    Bello, questo thriller. Complicato, contorto, ma bello. Non riuscivo a staccarmi dalla lettura. I personaggi sono ben definiti, la storia credibile, nel suo orrore.
    E poi, mi sono innamo ...fortsätt

    Appassionante
    Bello, questo thriller. Complicato, contorto, ma bello. Non riuscivo a staccarmi dalla lettura. I personaggi sono ben definiti, la storia credibile, nel suo orrore.
    E poi, mi sono innamorata di Joona! Con il suo accento finlandese e la sua aria affascinante e sfuggente!
    La storia di questa famiglia viene raccontata in tutte le sue sfaccettature, dall'inizio, alla sua quasi fine, al suo re-inizio.
    Simone e Erik sono persone tormentate le cui vite vengono scosse da un trauma che finirà per rimettere a posto i loro sentimenti. Ma sono persone a cui per la testa passano frasi del tipo: "quel sorriso con i denti storti che le aveva sempre fatto tremare le ginocchia"
    Un uomo e una donna che non si comprendono più, si ritrovano ad affrontare parallelamente il dramma che li accomuna; e, ognuno per la sua strada, si ritroveranno di fronte al loro figlio.
    Certo, Erik è proprio lo stereotipo dell'uomo...."Mi ero sentito adulato. Bastava così poco? Avevo capito con mio grande stupore di aver scoperto un mio punto debole: ero vanitoso"...ma va?!?!?!? Strano!!!!
    Però, poi, quando parla del suo lavoro, "questa sensazione però non aveva tanto a che fare con la vanità, quanto piuttosto con l'esperienza estremamente gratificante di poter usare le mie competenze a vantaggio degli altri"
    "Aveva capito allora che voleva aiutare le persone rimaste ostaggio delle violenze subite, ancora tormentate dal ricordo nonostante i colpevoli fossero scomparsi da tempo".
    Non si può fare a meno di adorarlo. Sarà anche perché l'ipnosi è argomento davvero affascinante, almeno per me.
    E poi Simone, con la sua sensibilità, il suo romanticismo:
    "è difficile richiamare alla mente le emozioni che si provano quando si scopre di essere stati traditi. Dopo lungo tempo diventa solo un dolore e uno strano senso di vuoto allo stomaco, una volontà di evitare i pensieri che possono ferire. E tuttavia Simone ricorda che la prima reazione era stata la sorpresa."
    Insomma, un thriller consigliatissimo; con un'unica pecca: che Erik ci metta tipo 300 pagine a ricordarsi dei suoi pazienti di 10 anni prima, è un espediente narrativo un pochino irritante....
    4 stelle su 5.

    sagt den 

  • 4

    la moderna letteratura nordica ormai è garanzia di piacevoli letture, sia che siano gialli, noir o di altro genere. Pur se condizionato dal film tratto dal libro che avevo già visto, ho gustato comunq ...fortsätt

    la moderna letteratura nordica ormai è garanzia di piacevoli letture, sia che siano gialli, noir o di altro genere. Pur se condizionato dal film tratto dal libro che avevo già visto, ho gustato comunque la trama e il tentativo di creare suspense, a mio parere, ben riuscito.

    sagt den 

  • 3

    Dichiarato best seller clamoroso, parte alla grande con una strage familiare molto cruenta. L'assassino ha infierito sui corpi di padre, madre e i due figli (fratello e sorella) ma non si è accorto ch ...fortsätt

    Dichiarato best seller clamoroso, parte alla grande con una strage familiare molto cruenta. L'assassino ha infierito sui corpi di padre, madre e i due figli (fratello e sorella) ma non si è accorto che il bambino è miracolosamente sopravvissuto. All'appello manca la sorella maggiore e, temendo che possa essere in pericolo, l'ispettore Joona Linna, chiama il dottor Bark, famoso per le sue capacità ipnotiche: occorre riuscire a far parlare il ragazzo per ottenere indizi sull'assassino. Bark si rifiuta: nel suo passato c'è una brutta storia dovuta a questo suo lavoro così da 10 anni ha deciso di non ipnotizzare più. Ma dietro insistenza, cede. I risultati sono tremendi: l'assassino viene svelato (ed è una grande sorpresa), ma, più di tutto, la stampa gli si rivolta contro perché ha ipnotizzato un ragazzo in gravi condizioni. E a qualcuno questo suo atto non va per nulla bene. Così, una notte, entra in casa di Bark, droga la moglie e rapisce suo figlio. Ovviamente occorre ritrovarlo.
    C'è qualcosa che non va tra me e i thriller scandinavi. O sarà che in Svezia hanno un modo di vivere strano! La polizia costringe Bark a ipnotizzare il ragazzo poi quando il dottore è messo sotto accusa dalla stampa se ne sbatte e non prende le sue difese. Se ne sbatte abbastanza anche al momento della scomparsa del ragazzo ed è solo grazie all'insistenza di Linna se si muovono un pochino. Bark e la moglie non sono in un buon periodo: lui finge di tradirla, lei lo tradisce per davvero e quando Bark lo viene a sapere fa finta di niente. Altri personaggi strani si muovono qua e là con comportamenti semipsicopatici...
    Il finale è movimentato e interessante.

    sagt den 

  • 4

    Scorrevole ed accativante

    Una lettura per nulla pesante e che ti fa sempre stare col fiato sospeso.
    Interessante la trama, anche se a tratti non è facile capire quale sia la storia principale.
    Valutazione complessiva più che b ...fortsätt

    Una lettura per nulla pesante e che ti fa sempre stare col fiato sospeso.
    Interessante la trama, anche se a tratti non è facile capire quale sia la storia principale.
    Valutazione complessiva più che buona.

    sagt den 

  • 4

    L'ipnotista

    Thriller incalzante e mozzafiato.
    Inizio questo romanzo, e l'inizio non mi entusiasma...è un po' lento, un po' noioso...niente di così intrigante. Vado avanti ancora (a me non piace lasciare libri a m ...fortsätt

    Thriller incalzante e mozzafiato.
    Inizio questo romanzo, e l'inizio non mi entusiasma...è un po' lento, un po' noioso...niente di così intrigante. Vado avanti ancora (a me non piace lasciare libri a metà, non si sa mai) e la storia si dipana,e mi incatena al libro..non riesco a smettere di leggere, mi tiene con il fiato sospeso e non abbandono la lettura se non a libro finito. il protagonista, l'ipnotista, è una persona segnata dagli eventi passati da cui non riesce ad affrancarsi e inevitabilmente ci va di mezzo la famiglia, con una moglie che purtroppo non riesce a ritrovare la fiducia e la serenità e un figlio adolescente che, come tale, tende a credere a chiunque tranne che ai suoi genitori. Il protagonista vero, che ritroverò, spero, in altri romazni, è Joona, il polizziotto..acuto, caparbio, un po' saccente, che non si arrende mai..il bello di questo romanzo è che, nonostante la serie sia basata sulle indagini di Joona, lascia spazio al coprotagonista, che si trova al centro della vicenda. Leggerò senz'altro altro di quest'autore (o autori, visto che Lars Kepker è uno pseudmino dientro il quale si nascondono due persone), per godere delle nuove avventure di Joona.

    sagt den 

  • 0

    L’ipnotista, di Lars Kepler

    http://www.meloleggo.it/l-ipnotista-di-lars-kepler_940/

    "Il commissario Joona Linna si rivolge ad un ipnotista per scovare un astuto serial killer; una perla del thriller che ha contribuito alla cons ...fortsätt

    http://www.meloleggo.it/l-ipnotista-di-lars-kepler_940/

    "Il commissario Joona Linna si rivolge ad un ipnotista per scovare un astuto serial killer; una perla del thriller che ha contribuito alla consacrazione della scuola del giallo svedese."

    Dietro lo pseudonimo Lars Kepler si celano i due coniugi svedesi Alexander Ahndoril e Alexandra Coelho Ahndoril. Entrambi scrittori, nel 2009 decidono dedicarsi alla scrittura di un romanzo giallo a quattro mani. Il risultato è il bestseller mondiale L’ipnotista (Longanesi, con traduzione di Alessandro Bassini), il giallo che ha scalato le classifiche di vendita di tutta Europa scalzando dalla vetta anche la trilogia di Larsson. Dal romanzo è stato tratto anche il film omonimo del 2012, diretto dal regista Lasse Hallström.

    Ormai la tradizione del giallo svedese si può dire una delle più prolifiche al mondo: da quando la coppia di giallisti svedesi Maj Sjöwall e P... [continua a leggere su www.MeLoLeggo.it]

    sagt den 

  • 3

    erik maria bark = nicolas cage, è perchè ogni volta che prendevo il libro per leggerlo non so perchè la mia mente lo associava all'attore.
    forse perchè l'attore è proprio adatto a questo ruolo.
    lo ved ...fortsätt

    erik maria bark = nicolas cage, è perchè ogni volta che prendevo il libro per leggerlo non so perchè la mia mente lo associava all'attore.
    forse perchè l'attore è proprio adatto a questo ruolo.
    lo vedo nelle scene, da quando ipnotizza a quando cerca il figlio. è perfetto..
    cmq questo libro che mi è stato regalato non mi ha toccato più di tanto. non mi ha preso..
    avrei preferito che il libro iniziasse da metà, poi arrivare all'inzio per poche cose e viceversa..
    è un po cupo.
    ecco nemmeno poche pagine e si sa chi ha ucciso chi..
    solo chi rapisce beniamin è oscuro.. e qui mi piace..
    doveva avere in certi punti un po di mistero in più.
    questo gli mancava il mistero.
    però nicolas cage nn ci stava male...

    sagt den 

Sorting by