I'm Not Scared

By

Publisher: Anchor

4.0
(13476)

Language: English | Number of Pages: 208 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) Italian , Spanish , German , French , Finnish , Portuguese , Greek , Czech , Dutch

Isbn-10: 1400075637 | Isbn-13: 9781400075638 | Publish date: 

Translator: Jonathan Hunt

Also available as: Hardcover , eBook , Audio CD

Category: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Do you like I'm Not Scared ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
“Stop all this talk about monsters, Michele. Monsters don’t exist. It’s men you should be afraid of, not monsters.”A sweltering heat wave hits a tiny village in Southern Italy, sending the adults to seek shelter, while their children bicycle freely throughout the countryside, playing games and getting into trouble. On a dare, nine-year-old Michele Amitrano enters an old, abandoned farmhouse, where he stumbles upon a secret so terrible that he can’t tell anybody. As the truth emerges, Michele learns that the horror in the creepy old house is closer to home than he ever imagined.A widely acclaimed international bestseller, I’m Not Scared is a spine-tingling novel that combines a coming of age narrative with a satisfying, enthralling story of suspense.
Sorting by
  • 5

    Corri, Tiger, corri

    La canicola spietata che spacca la terra e inaridisce i cuori, in una minuscola contrada pugliese dimenticata da Dio, sarebbe stata lo sfondo perfetto per qualcosa di simile ad una succulenta pagina d ...continue

    La canicola spietata che spacca la terra e inaridisce i cuori, in una minuscola contrada pugliese dimenticata da Dio, sarebbe stata lo sfondo perfetto per qualcosa di simile ad una succulenta pagina di cronaca. Ma la felice penna di Ammaniti ne ha fatto qualcosa di più: un romanzo di struggente bellezza, dove cose e persone spiccano con un impatto quasi cinematografico, in un'atmosfera anni Settanta perfettamente riprodotta.
    Tra giochi in strada, corse in bicicletta tra campi di grano e schermaglie infantili, lo sguardo di Michele, un ragazzino di nove anni con le ginocchia perennemente sbucciate, registra i fatti senza malizia, con un'ironia involontaria che alleggerisce la narrazione, malgrado la miseria morale e
    materiale annidata nell'esistenza di persone “normali”.
    La fine delle illusioni, la scoperta che bisogna aver paura degli uomini e che i mostri non esistono (suo padre glielo diceva sempre), ha inizio dal ritrovamento di una pentola dall'aspetto familiare in un luogo sconosciuto e sinistro. Quell'utensile domestico fuori posto parla di bugie, le bugie abiette degli adulti, parla dei mostri veri, quelli che vivono da sempre accanto a te e a cui vuoi bene. Contrasto doloroso, amaro calice che il piccolo protagonista berrà fino in fondo, aggrappandosi a ciò che resta della sua infanzia incontaminata: Tiger Jack, l'eroe dei fumetti che non ha mai paura e che vince sempre sui cattivi. Ma valli a capire i buoni e i cattivi, quando attorno a te non resta che il vuoto di una vita priva di certezze.

    said on 

  • 4

    Una storia che parla di generosità, genuinità, quella che solo i bambini sono ancora in grado di elargire. Ammaniti ci coinvolge in un racconto che parte dalla suspense per poi giungere all'azione, co ...continue

    Una storia che parla di generosità, genuinità, quella che solo i bambini sono ancora in grado di elargire. Ammaniti ci coinvolge in un racconto che parte dalla suspense per poi giungere all'azione, con al centro un ragazzo che non si è ancora fatto corrompere dalla miseria e cattiveria degli adulti e che farà una scelta etica, seguendo il cuore. Sullo sfondo un sud bellissimo, che mi ha ricordato le mie scapicollate in bicicletta nelle campagne della mia Puglia.
    Lettura che mi ha catturata e distratta.

    said on 

  • 3

    Michele Amitrano è il giovane protagonista che si ritrova, casualmente, a essere testimone oculare di un terribile crimine realizzato dalla sua stessa famiglia.
    L'autore propone una storia intensa da ...continue

    Michele Amitrano è il giovane protagonista che si ritrova, casualmente, a essere testimone oculare di un terribile crimine realizzato dalla sua stessa famiglia.
    L'autore propone una storia intensa dal ritmo rapido, una trama avventurosa ma anche realistica, notevoli le descrizioni dei paesaggi del sud Italia. Personaggi sapientemente descritti .
    Il linguaggio dell’autore è sempre semplice ma efficace .

    said on 

  • 4

    Veramente coinvolgente, l'ho letto tutto d'un fiato. L'unica cosa che non mi è piaciuta è stata il finale. Bello il colpo di scena ma avrei anche voluto sapere cosa è successo in seguito ai protagonis ...continue

    Veramente coinvolgente, l'ho letto tutto d'un fiato. L'unica cosa che non mi è piaciuta è stata il finale. Bello il colpo di scena ma avrei anche voluto sapere cosa è successo in seguito ai protagonisti...

    said on 

  • 5

    Questo libro non contiene una parola di troppo e rende tutto il candore e la purezza dei protagonisti.
    E' una storia schematica e limpida che ha il tocco leggero di una favola. Da non perdere.
    Amman ...continue

    Questo libro non contiene una parola di troppo e rende tutto il candore e la purezza dei protagonisti.
    E' una storia schematica e limpida che ha il tocco leggero di una favola. Da non perdere.
    Ammaniti ci fornisce con il suo stile reale e crudo una descrizione ed una comprensione ,attraverso gli occhi di un bambino, di questo mondo misero e sfortunato che è semplicemente magnifica.
    Una storia che ti prende subito, fin dalle prime battute: il lettore gioca con il protagonista, corre attraverso campi di grano assolati,ed immensi.

    said on 

  • 4

    Devi avere paura degli uomini, non dei mostri

    Una lettura veloce in parte per il linguaggio semplice e diretto a volte anche sgrammaticato che ha il piccolo Michele di raccontarci i fatti di quella torrida estate del 1978 e in parte perché non si ...continue

    Una lettura veloce in parte per il linguaggio semplice e diretto a volte anche sgrammaticato che ha il piccolo Michele di raccontarci i fatti di quella torrida estate del 1978 e in parte perché non si può proprio fare a meno di andare avanti, la sua paura e la sua curiosità nell'affrontare qualcosa che è più grande di lui e con cui deve fare i conti sono coinvolgenti ed arrivare alla fine e sapere cosa accadrà sembra quasi una corsa contro il tempo. Ammaniti non mi delude mai

    said on 

  • 5

    Tante stelline.
    Molti anni fa avevo abbandonato la lettura di questo libro. Poi son finito nel gorgo del pregiudizio classificando Ammaniti come un sopravvalutato. In parte anche per colpa della sua s ...continue

    Tante stelline.
    Molti anni fa avevo abbandonato la lettura di questo libro. Poi son finito nel gorgo del pregiudizio classificando Ammaniti come un sopravvalutato. In parte anche per colpa della sua sovraesposizione sui giornali...
    Ma questo libro e' bello davvero. Reso immortale dalla fotografia del film.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    4

    Penso che questo libro sia molto bello e coinvolgente. Quando l'ho iniziato non riuscivo a smettere perché ero troppo presa. Però, devo dire che il finale mi ha lasciata abbastanza male perché lascia ...continue

    Penso che questo libro sia molto bello e coinvolgente. Quando l'ho iniziato non riuscivo a smettere perché ero troppo presa. Però, devo dire che il finale mi ha lasciata abbastanza male perché lascia tantissime domande delle quali volevo avere una risposta.
    Lo consiglio, comunque, a tutti.

    said on 

Sorting by
Sorting by