Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I Buddenbrook

Decadenza di una famiglia

By Thomas Mann

(160)

| Hardcover

Like I Buddenbrook ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

371 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Meravigliosa saga familiare, ambientata nella Lubecca dell'Ottocento. I Buddenbrook sono una famiglia dell'alta borghesia, e la loro vita privata si mescola con quella lavorativa: infatti l'obiettivo di ogni generazione è quello di aumentare il capit ...(continue)

    Meravigliosa saga familiare, ambientata nella Lubecca dell'Ottocento. I Buddenbrook sono una famiglia dell'alta borghesia, e la loro vita privata si mescola con quella lavorativa: infatti l'obiettivo di ogni generazione è quello di aumentare il capitale della ditta grazie agli affari ma anche ad oculati matrimoni.

    L'atmosfera del romanzo mi ha ricordato moltissimo la Amsterdam dei grandi palazzi signorili (sto pensando soprattutto a questa bellissima casa-museo http://www.willetholthuysen.nl/en/node/43) e mi ha permesso di entrare davvero nella storia, anche se ovviamente qui siamo in un'altra città.

    Quello che non sapevo è che il romanzo ha un'ispirazione autobiografica, e che Hanno Buddenbrook (l'ultimo erede della famiglia) corrisponderebbe proprio alla figura dell'autore. Il romanzo doveva essere inizialmente scritto da Thomas Mann a quattro mani insieme al fratello Heinrich, che alla fine però collaborò solamente nella fase di ricerca.

    Nell'arco di quattro generazioni vediamo la famiglia dei Buddenbrook assurgere alla massima gloria per poi velocemente decadere (non è un spoiler, il sottotitolo stesso del romanzo recita 'Decadenza di una famiglia'). Nonostante il crollo economico, il fallimento, per la ditta Buddenbrook non si verifichi mai, nonostante le difficoltà dopo il periodo d'oro, è nella psicologia dei personaggi, nella loro crisi percepita, che si definisce il vero declino della famiglia (soprattutto nella figura di Thomas Buddenbrook).

    Nonostante la lunghezza, il romanzo si legge davvero velocemente e piacevolmente, è molto più scorrevole de La montagna incantata, che, per quanto bello, richiede molta più pazienza.

    Is this helpful?

    ζ Roberta said on Aug 14, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Un bellissimo e avvincente romanzo.
    Il pranzo iniziale, pieno di dettagli e di personaggi può scoraggiare la lettura (a me è successo di averlo iniziato e poi abbandonato un paio di volte) ma, appunto, superato lo scoglio dello sfarzoso pranzo con c ...(continue)

    Un bellissimo e avvincente romanzo.
    Il pranzo iniziale, pieno di dettagli e di personaggi può scoraggiare la lettura (a me è successo di averlo iniziato e poi abbandonato un paio di volte) ma, appunto, superato lo scoglio dello sfarzoso pranzo con cui si apre il romanzo, la lettura si fa avvincente.
    Appasionanti le vicende familiari di questa ricca famiglia alto borghese della quale si racconta il lento e drammatico declino.

    Is this helpful?

    Daikin said on Aug 3, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pur con alcuni difetti, dalla mole all'eccesso di dettagli a mio avviso inutili, il libro si divora. Come in una maratona, si arriva sicuramente stanchi verso la fine, ma una volta oltrepassato il traguardo la gioia sarà immensa. Ho finito i Buddenbr ...(continue)

    Pur con alcuni difetti, dalla mole all'eccesso di dettagli a mio avviso inutili, il libro si divora. Come in una maratona, si arriva sicuramente stanchi verso la fine, ma una volta oltrepassato il traguardo la gioia sarà immensa. Ho finito i Buddenbrook ieri sera e già stamane mi mancano: un indizio sicuro per individuare un libro meritevole di essere letto senza indugi.

    Is this helpful?

    Massimiliano Urp Boschini said on Jul 28, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I Buddenbrook, decadenza di una famiglia, scritto nel 1901, è il primo romanzo dell’allora ventiseienne Thomas Mann.
    Opera dall’impronta enormemente autobiografica, I Buddenbrook racconta delle vicende e dell’irrevocabile declino della suddetta famig ...(continue)

    I Buddenbrook, decadenza di una famiglia, scritto nel 1901, è il primo romanzo dell’allora ventiseienne Thomas Mann.
    Opera dall’impronta enormemente autobiografica, I Buddenbrook racconta delle vicende e dell’irrevocabile declino della suddetta famiglia, attraverso le quattro generazioni di Johann, Jean, Thomas ed Hanno.

    Qui la mia analisi completa:
    http://ildilemmadelporcospino.wordpress.com/2014/07/20/…

    Is this helpful?

    Miss P. said on Jul 20, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    Ho letto "Sulla strada", scritto circa 50 anni dopo di questo. Questo l'ho trovato più facile da leggere e più interessante, benchè verso la fine abbia iniziato a stancare.

    Is this helpful?

    Stef said on Jun 10, 2014 | Add your feedback

  • 3 people find this helpful

    ”Che cos’è il successo? Una forza segreta e indescrivibile, avvedutezza, prontezza... la consapevolezza di esercitare con la mia sola presenza una pressione sull’andamento della vita intorno a me... La fede dell’arrendevolezza della vita in mio fa ...(continue)

    ”Che cos’è il successo? Una forza segreta e indescrivibile, avvedutezza, prontezza... la consapevolezza di esercitare con la mia sola presenza una pressione sull’andamento della vita intorno a me... La fede dell’arrendevolezza della vita in mio favore...”

    Dialogo ascoltato per caso, anni fa.
    ELLA: “I Buddenbrook: un libro di seicento pagine in cui non succede niente.”
    EGLI: “Quei libri lì sono tutti così.”

    Premesso che le pagine sono più di seicento, e non è così chiaro il concetto di “quei libri lì”, se tutti i libri in cui non succede “niente” sono come i Buddenbrook, allora W i libri in cui non succede niente.
    Certo ci vuole un po’ di pazienza in più, non si leggono d’un fiato e alcuni passaggi vanno seguiti con attenzione. Però, arrivati alla fine, si chiude il volume e ci si sente soddisfatti. Dev’essere la definizione di “classico”, sarà intuitiva e non rigorosa, ma a me va bene così e, in fin dei conti, sono io che mi sono letto quelle “seicento pagine” che poi sono di più.

    Come si fa a non amare quell’illuminazione con cui Mann riesce a chiudere la carriera (e la vita) del vecchio Johann in sole tre parole che non hanno bisogno di essere quattro o più?
    ”Jean, assez, vero?”

    Si potrebbero passare ore a sviscerare ogni singolo personaggio, episodio, ogni riflessione.
    Oppure cercare di trovare a tutti i costi degli archetipi per semplificare, incasellare. Come quello di un’antica come l’uomo rivalità tra fratelli, Tom e Christian:
    Anche i fratelli possono odiarsi o disprezzarsi; capita, per quanto orribile sembri. Ma non se ne parla. Si mette a tacere. Non c’è bisogno di saperne nulla.

    Tom, l’uomo a cui si deve la rovina del sottotitolo. Perché anche se non lo dà a vedere subito non vive secondo quella missione, vocazione, continuazione della storia familiare che ha dovuto accollarsi. Perché il suo intimo non vi aderisce, costringendolo a una vita artificiale che gli fa sì dichiarare, davanti a una bara:
    ”Ma tutto sulla terra non è che simbolo, zio Gotthold.”
    ma a un certo punto travolge. Nessuna missione, vocazione, può vivere in modo solido senza l’adesione libera della persona:
    Infatti l’esistenza di Thomas Buddenbrook non era molto diversa da quella di un attore, ma un attore la cui vita, fin nei più piccoli dettagli quotidiani, sia diventata una rappresentazione, una rappresentazione che, con l’eccezione di pochi e brevi movimenti di solitudine e di distensione, assorbe e logora continuamente tutte le forze...

    Christian, invece, è l’artista fallito, colui che vorrebbe seguire una vocazione, liberamente, ma ne è impedito dalla mancanza di talento, che riesce a riversare soltanto nella sua indolenza e ipocondria, dovute a un carattere troppo analitico che impedisce l’azione:
    Questa è la tua natura! A te basta renderti conto di una cosa, capire com’è fatta, descriverla...”
    Non ho trovato un giudizio definitivo di Mann su Christian, simbolo di tutti coloro che vorrebbero essere artisti ma non possono, e vivono in qualche modo da artisti. In pratica da inconcludenti verso gli altri e autodistruttivi verso se stessi.

    E poi Tony che, malgrado il suo snobismo, dovuto più alla coscienza di quel che le spetta “naturalmente” per l’appartenenza a una data famiglia, mescolato curiosamente a idee democratiche (per il popolo, però, non per quelli che sono “quasi” come lei), mi pare che riscuota maggiori simpatie da parte dell’autore. Malgrado il suo bisogno di ciò che è distinto ha anche un forte anelito all’autenticità:
    ”Nella vita è vergogna e scandalo solo ciò che viene divulgato, ciò che la gente viene a sapere? Oh, no! Lo scandalo segrete che ti rode in silenzio e distrugge la stima che hai di te stesso, è molto peggio!”
    (E qui mi tocca anche ammettere che ho avuto una caduta romantica, nel senso debole del termine, pensando fino all’ultimo che Tony e il dottor Schwarzkopf, non più giovani, si sarebbero finalmente rincontrati per stare insieme).

    E quanto ancora? Gerda e Hanno, artisti, ipersensibili, dal fisico debole e quasi ascetico.
    Oppure gli arrivisti come Grünlich e Weinschenk che, più che truffatori, sembrano piuttosto quelli che non ce l’hanno fatta e, pertanto, non è stato loro perdonato nulla.
    O tutto quello che si potrebbe dire di una città cresciuta con gli scambi, priva di un’antica aristocrazia rimpiazzata, nei ruoli,dal patriziato commerciale.
    Niente male per un libro in cui “non succede niente”.

    Per arrivare al finale, dove l’ultima parola spetta a Sesemi Weichbrodt, con la sua religiosità profonda, umile e sincera. Come se fosse questa l’unica risposta definitiva possibile, anche per le vicende umane che sembrano più grandi.

    Is this helpful?

    F.Ramone said on May 21, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book