Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I Demoni - Taccuini per «I Demoni»

By Fedor M. Dostoevskij

(50)

| Hardcover | 9788838312304

Like I Demoni - Taccuini per «I Demoni» ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

4 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Le chiacchiere dei rivoluzionari nichilisti

    LETTO IN EBOOK
    _________________
    In tutta la mia vita, solo una volta ho abbandonato la lettura di un libro senza averlo finito. Fu circa quaranta anni fa, ai tempi della scuola elementare!
    Leggendo le oltre 2.800 pagine de “I Demoni” di Dostojevsky, ...(continue)

    LETTO IN EBOOK
    _________________
    In tutta la mia vita, solo una volta ho abbandonato la lettura di un libro senza averlo finito. Fu circa quaranta anni fa, ai tempi della scuola elementare!
    Leggendo le oltre 2.800 pagine de “I Demoni” di Dostojevsky, più volte sono stato tentato di ripetere quel gesto e mollare la lettura, cosa che non mi è capitata neanche con i peggiori esordienti .
    Certo in questo ha contribuito la mole del volume, che ho potuto affrontare grazie al formato e-book, che mi ha consentito di portarmi dietro un simile malloppo ridotto al peso virtualmente nullo di un file nel mio e-reader. Mi è scomodo, altrimenti, leggere tomi troppo grandi. In altre edizioni, peraltro, le pagine sono poco più di un migliaio o addirittura meno. Rimane comunque un’opera corposa. In questo sta il suo principale difetto. Ho avuto quasi costantemente la sensazione di “inutilità” di molte pagine. La sensazione quasi costante è stata che tutto quanto leggevo potesse essere agevolmente scritto in un decimo delle pagine utilizzate, con grande beneficio per la qualità dell’opera. Trattandosi di un’icona della letteratura russa e mondiale, so bene di bestemmiare quasi, scrivendo così, ma questa è stata la mia personale impressione.
    Ho trovato la prima parte più noiosa e vacua della seconda, cui sono ostinatamente e fortunatamente arrivato, altrimenti il mio giudizio sarebbe potuto essere peggiore.
    Per buona metà del libro la sensazione è stata quella di leggere solo chiacchiere, se non pettegolezzi da salotto. Se il libro fosse stato scritto da un contemporaneo, gli avrei detto ciò che si ripete costantemente nelle scuole di scrittura creativa: “mostra, non raccontare”.
    Evidentemente le scuole di scrittura hanno i loro limiti, tanto è vero che non conosco nessun genio che ne sia uscito, dunque le loro regole sono opinabili. Un grande si riconosce dalla capacità di andare oltre le regole.
    Eppure troppo ci viene presentato tramite le chiacchiere dei personaggi, anziché la descrizione delle loro azioni. Gli argomenti di cui parlano all’inizio sono dei più vari. Alcuni di un certo interesse, altri assai meno.
    La seconda metà del volume acquista maggior spessore e cominciano ad accadere cose, persiste però un uso dei dialoghi che mi ha infastidito per la sua costanza.
    Alcuni episodi sono degni di memoria, dall’assemblea, all’incendio, alla violenza sulla bambina, ma nel complesso la trama è così dilatata che non si riesce più a vedere. Questo, per il mio modo di percepire un romanzo, è un difetto assai grave.
    L’esile trama è così sintetizzata sulla scheda di IBS: Petr Verchovenskij, guidato ideologicamente dal demoniaco Stavrogin, è a capo di un'organizzazione nichilista e lega i suoi seguaci con una serie di delitti. L'ultima vittima è Satov, un ex-seguace convertitosi alla fede ortodossa. Per coprire il delitto Petr obbliga Kirillov a scrivere una lettera di autodenuncia, prima di suicidarsi. Altri delitti, apparentemente immotivati, seguono e solo il suicidio di Stavrogin che si impicca nella soffitta del suo appartamento, sembra porre fine all'azione di questi "demoni.
    Tutti questi eventi sono nella parte finale del libro, il che fa capire come poco delineata sia la trama nella prima parte. Alla trama principale se ne affiancano altre secondarie per descrivere altri fatti e personaggi.
    A cosa serve dunque la prima parte? A descrivere come la vacuità della generazione precedente abbia favorito il nichilismo dei giovani che hanno vissuto nei decenni antecedenti la rivoluzione o forse ad avvicinarci per gradi alla visione del Male. Ha dunque una sua funzione, ma questo non toglie, secondo me, che la svolga troppo a lungo.
    Non si può dire che i personaggi non siano ben delineati, ma sono forse troppi e con nomi che si confondono (tra nome proprio, patronimico e cognome) soprattutto per un lettore occidentale, rendendo faticoso orientarsi.
    Infine, la visione socio-politica dei decenni di fine XIX secolo che hanno preceduto la rivoluzione russa, con il tentativo di mostrare il nascere dei primi rivoluzionari, il loro fermento, mi è parsa assai strana, troppo mirata a descrivere questi proto-rivoluzionari come dei ragazzotti scapestrati, senza rispetto per la religione e la Russia, di cui minano la solidità. È stato detto che con queste pagine Dostojesky ha saputo anticipare la rivoluzione. Non ho avuto questa impressione. Credo che abbia descritto, a modo suo, il fermento che già allora c’era in Russia, ma non abbia “profetizzato” nulla: le rivoluzioni non si generano da un giorno all’altro, mi pare plausibile che vene fossero i germi già trent’anni prima. Che questi rivoluzionari siano stati dei “demoni” nichilisti senza Dio è qualcosa che non posso giudicare, ma penso che sia questione da discutere.
    Il senso del titolo rimane per tutta la prima parte del libro del tutto misterioso e mi sono chiesto più volte cosa c’entrassero i demoni in una storia di salotti, chiacchiere, amorazzi, riflessioni filosofiche e simili. Non vedevo demoni, né in senso materiale, né in senso metaforico, dato che i vizi di questi russi descritti nel primo migliaio di pagine mi sono parsi ben poca cosa rispetto a quelli degli italiani attuali.
    Finalmente l’autore ci spiega che sta pensando al passo del Vangelo in cui Gesù scaccia la Legione di Demoni da un uomo, facendola entrare nel corpo di alcuni maiali, che impazziranno e affogheranno. Secondo Dostojevky i demoni sono usciti dall’anima della Russia e si sono trasferiti nei corpi di alcuni russi facendoli impazzire. Alcuni di questi uomini sono i demoni stessi e altri sono i porci. O forse i vizi sono i demoni e i rivoluzionari sono tutti come i porci, il cui destino è di suicidarsi (come qualcuno farà) o di impazzire. Una visione quantomeno reazionaria, se non poco realistica.
    “I Demoni” è un romanzo che parla di molte cose: il Bene e il Male, la Politica, il Delitto, la Rivoluzione, la Filosofia, la Morte, il Suicidio, la Colpa, il Peccato e altro ancora. Troppo materiale, mi pare.
    Nella seconda parte del romanzo la trama si concretizza, alcuni delitti si compiono, la catena degli eventi si scioglie, ma è solo chiudendo l’ultima pagina che ho tirato finalmente un sospiro di sollievo su una lettura, che mi ha stancato e lasciato insoddisfatto come poche e che mi è parsa in grado di far morire ogni amore per la lettura in qualunque lettore meno accanito di me. Dico ciò pur sapendo che molti considerano questo libro un capolavoro, dunque la mia è un opinione del tutto personale, invito quindi a verificare di persona, ciascuno secondo i propri gusti.

    ______________
    Letto in ebook con sistema di lettura vocale

    Is this helpful?

    Carlo Menzinger said on Dec 21, 2011 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Intorno alla riflessione su Dio ruotano i personaggi e il romanzo

    SATOV ( pag. 46 ) Egli era una di quelle creature ideali russe le quali vengono a un tratto colpite da una forte idea che le schiaccia, talvolta per sempre. Non hanno mai la forza per sollevarla, credono in essa appassionatamente, ed ecco che tutta l ...(continue)

    SATOV ( pag. 46 ) Egli era una di quelle creature ideali russe le quali vengono a un tratto colpite da una forte idea che le schiaccia, talvolta per sempre. Non hanno mai la forza per sollevarla, credono in essa appassionatamente, ed ecco che tutta la loro vita passa poi come fra gli spasmi della morte, sotto la pietra che è caduta loro addosso e che li ha per metà schiacciati.

    Kirillov parlando con Stavrogin: No, non nell'eterna vita futura, ma nell'eterna via quaggiù. Ci sono dei minuti, voi arrivate a certi minuti, il tempo a un tratto si arresta ed ecco l'eternità. [...] Quando ogni uomo avrà raggiunto la felicità, il tempo non ci sarà più, perché non occorrerà.

    Is this helpful?

    Lorenzo il Russo said on Dec 10, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Diaciamolo chiaramente, non è un libro che si legge con facilità, è, al contrario un libro che per le prime duecento pagine fa gridare alla resa. Ma superate quelle, superati i legami contorti che legano l'inetto e miserabile Stefan Trofimovic alla g ...(continue)

    Diaciamolo chiaramente, non è un libro che si legge con facilità, è, al contrario un libro che per le prime duecento pagine fa gridare alla resa. Ma superate quelle, superati i legami contorti che legano l'inetto e miserabile Stefan Trofimovic alla grande Varvara Petrovna vi innamorerete della perversione dei personaggi. Una gioventù corrotta e corrutrice, incarnata negli splendidi personaggi di Petr Stepanovic e Nicolaj Stavrogin Vsevolodovic. Un libro indimenticabile, di quelli che ti segnano l'esistenza. Il racconto decadente di una Russia conservatrice ma nel cuore della quale pullulano, in un fermento febbricitante, le idee socialiste allora germoglianti.

    Is this helpful?

    Silvialeoni76 said on Jun 3, 2010 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (50)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Hardcover 1269 Pages
  • ISBN-10: 8838312303
  • ISBN-13: 9788838312304
  • Publisher: Sansoni (Le betulle)
  • Publish date: 1990-xx-xx
Improve_data of this book

Margin notes of this book