I Malavoglia

Di

Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

3.7
(11027)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 436 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Tedesco , Catalano

Isbn-10: 8817153230 | Isbn-13: 9788817153232 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Cofanetto , Copertina morbida e spillati , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , CD audio , eBook

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace I Malavoglia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Dalla "simpatia", verso i cosiddetti umili, del Verga, che personalmente era conservatore come i "galantuomini" alla cui classe apparteneva, non è lecita alcuna illazione di carattere politico: il Verga (ne i Malavoglia) è il frutto più meraviglioso dell'oggettività e della sperimentazione veristica." (Gianfranco Contini)
Ordina per
  • 4

    A chi non sono mai stati assegnati dei libri per la scuola? Grossi e noiosissimi volumi, scritti in una lingua che dovrebbe corrispondere all’italiano, ‘nsomma… una palla. Confesso che anche io ero un ...continua

    A chi non sono mai stati assegnati dei libri per la scuola? Grossi e noiosissimi volumi, scritti in una lingua che dovrebbe corrispondere all’italiano, ‘nsomma… una palla. Confesso che anche io ero un po’ restia a iniziare questo libro, ma ho avuto due buoni motivi che mi hanno spinta a farlo (oltre la consapevolezza che a settembre ci sarà una verifica in merito)

    Il fatto che si tratta di un libro classico lo rende, almeno ai miei occhi, ricco di fascino. È un pezzo di storia sulla nostra lingua, e vogliamo metterci la soddisfazione di andare in giro a dire che l’avete letto?
    La possibilità di farmi una personale opinione
    Immagino che se mi starete leggendo più che delle mie chiacchiere v’interessi il punto due, quindi iniziamo.

    “I Malavoglia” è un libro che racconta le vicende della famiglia Toscano e più precisamente della loro ultima generazione. Il soprannome potrebbe far pensar male, perché in realtà la famiglia Toscano incarna a sempre l’ideale di duro e onesto lavoro, di affabilità, di gente rispettabile. Una serie di sfortunati eventi romperà però quest’apparente quiete, quasi come i pezzi di un domino. Messa così potremmo convenire sul fatto che indubbiamente si tratti di un libro per niente noioso. Tuttavia, almeno per quanto mi riguarda, ciò è stato vero solo in parte: scorrono molto veloci le scene riguardanti la famiglia Malavoglia, un po’ meno quelle incentrate sulla vita degli altri abitanti, che spesso e volentieri vanno a collocarsi con gli eventi storici del periodo della vicenda. Un personaggio secondario che però ha saputo coinvolgermi di più è lo Zio Crocifisso, che con le sue lamentele e il suo comportamento a tratti ridicolo ho immediatamente associato al Don Abbondio di Manzoni.

    Sullo stile c’è poco a dire, a meno che non vogliate assistere a una lezione sul realismo. In parole povere Verga s’impone di essere il più possibile oggettivo e lascia che a farsi un’idea della storia sia il lettore. Sono perciò numerose le descrizioni e i dialoghi, non troppo difficili da decifrare ma che ogni tanto ho dovuto rileggere più di una volta per afferrarne il senso.

    Se ci riesce a sorpassare l’ostacolo linguistico e i paragrafi più pesanti, che in un libro assegnato dalla scuola non possono certo mancare, allora forse sarà possibile emozionarsi molto, sopratutto in modo deprimente.

    ha scritto il 

  • 5

    Romanzo-cardine del padre del Verismo, da molti accomunato al Manzoni per il suo contributo alla grande stagione del romanzo europeo. E' un testo molto arduo da digerire; diverso per lessico da un alt ...continua

    Romanzo-cardine del padre del Verismo, da molti accomunato al Manzoni per il suo contributo alla grande stagione del romanzo europeo. E' un testo molto arduo da digerire; diverso per lessico da un altro romanzo del Verga, Mastro-Don Gesualdo (che personalmente ho preferito), poichè lo stile di scrittura risulta, qui, molto più scarno, diretto, povero. Sicuramente il più adatto al tipo di storia che viene raccontata; una storia che parla di un patriarca, padron 'Ntoni, della sua numerosa famiglia e delle difficoltà di una vita passata duramente a lavorare, giorno per giorno, per guadagnare il pane. Crudo, se si vuole, ma questo è tratto peculiare del Verismo, e bisogna già saperlo prima di leggere.

    ha scritto il 

  • 3

    "Le burrasche che avevano disperso di qua e di là gli altri Malavoglia, erano passate senza far gran danno sulla casa del nespolo e sulla barca ammarrata sotto il lavatoio; e padron ’Ntoni, per spiega ...continua

    "Le burrasche che avevano disperso di qua e di là gli altri Malavoglia, erano passate senza far gran danno sulla casa del nespolo e sulla barca ammarrata sotto il lavatoio; e padron ’Ntoni, per spiegare il miracolo, soleva dire, mostrando il pugno chiuso - un pugno che sembrava fatto di legno di noce - Per menare il remo bisogna che le cinque dita s’aiutino l’un l’altro.Diceva pure, - Gli uomini son fatti come le dita della mano: il dito grosso deve far da dito grosso, e il dito piccolo deve far da dito piccolo."

    ha scritto il 

  • 1

    Va bene il Verismo, va bene voler gettare una luce sulle vicende drammatiche di una famiglia di pescatori, ma I Malavoglia è scritto in un modo da disincentivare la lettura. Uno dei pochi libri abband ...continua

    Va bene il Verismo, va bene voler gettare una luce sulle vicende drammatiche di una famiglia di pescatori, ma I Malavoglia è scritto in un modo da disincentivare la lettura. Uno dei pochi libri abbandonati.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Tutti sappiamo di come I Malavoglia siano un classico della nostra letteratura, il romanzo simbolo del verismo italiano. Eppure, quanti di noi lo hanno veramente apprezzato a scuola?

    Personalmente ho ...continua

    Tutti sappiamo di come I Malavoglia siano un classico della nostra letteratura, il romanzo simbolo del verismo italiano. Eppure, quanti di noi lo hanno veramente apprezzato a scuola?

    Personalmente ho riscoperto I Malavoglia solo dopo l’università e l’ho trovato appassionante e ricco di spunti di riflessione. Il lettore, infatti, non può fare altro che parteggiare empaticamente per la sfortunata famiglia e sperare che la vicenda si risolva per il meglio. La sofferenza di Padron’ Ntoni è anche un po’ la nostra.

    Il suo personaggio si staglia tra tutti gli altri per forza morale e tenacia nell’affrontare le tragedie che la vita gli ha riservato. Il suo ruolo di capofamiglia si manifesta principalmente come forza aggregatrice e come mantenimento delle tradizioni familiari. Padron ‘Ntoni sa che la forza dei Malavoglia consiste nel restare uniti anche nelle difficoltà (‘Per menare il remo bisogna che le cinque dita s'aiutino l'un l'altro’), ma purtroppo, il destino avverso e l’irrompere della ‘storia’ disgregherà questa piccola famiglia siciliana.

    Dalla chiamata alle armi del giovane ‘Ntoni, l’equilibrio familiare comincia a vacillare. Prima la tragica morte di Bastianazzo e la perdita del carico dei lupini. Poi gli sforzi di tutti (o quasi) per ripagare il debito allo zio Crocifisso e la conseguente perdita della Casa del Nespolo. La morte di Luca in guerra e poi quella della Longa. Il matrimonio saltato della Mena, la perdita della Provvidenza e la ‘perdizione’ di ‘Ntoni e della giovanissima Lia. Tutto sembra disgregarsi davanti agli occhi dell’ormai vecchio Padron’ Ntoni che morirà senza aver potuto riscattare la sua amata Casa del Nespolo, simbolo di un idillico passato ormai perduto.

    Tuttavia, c’è ancora una speranza. Tornare indietro agli equilibri del passato sembra essere anacronistico e anche impossibile, quindi occorre ricominciare. Sarà la nuova generazione dei Malavoglia, con il giovane Alessi (‘tutto suo nonno colui!’) a riscattare la Casa del Nespolo e a ricostruire una nuova famiglia.

    L’amore per la famiglia, per la tradizione e per i ‘valori di una volta’ si scontrano, nel romanzo, con la voglia di immergersi nella ‘fiumana del progresso’. La storia irrompe nell’atemporale Acitrezza e rovescia gli equilibri dei Malavoglia. E anche se Alessi riuscirà a ricomporre un frammento dell’antico nucleo familiare, non si tornerà ad un equilibrio perfetto; le ferite saranno immedicabili. Infatti, non è un caso che il romanzo si concluda con l’emblematica partenza di ‘Ntoni dal villaggio: il personaggio più inquieto dei Malavoglia, colui il quale ha messo in crisi il ‘sistema famiglia’, se ne distacca per sempre, allontanandosi verso le grandi città e il fluire della storia.

    I Malavoglia: romanzo commovente e indimenticabile. Un classico della letteratura da leggere e rileggere.

    ha scritto il 

  • 2

    Verga non mi piace, il suo stile verista e complesso non mi intriga per niente, sono stata costretta a leggere il romanzo per l'università e questo non ha reso, di certo, più piacevole la lettura. ...continua

    Verga non mi piace, il suo stile verista e complesso non mi intriga per niente, sono stata costretta a leggere il romanzo per l'università e questo non ha reso, di certo, più piacevole la lettura.

    ha scritto il 

  • 5

    "Il mare non ha paese nemmeno lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole, anzi ad Acitrezza ha un modo tutto suo di brontolare, e par la voce di un amico."

    Sto seguendo, un po' per gioco, un po' con serietà, la Reading Challenge del mio gruppo di lettura, e al punto 7 c'è "Rilettura di un classico letto alle medie" e io ho scelto questo, che ho amato mol ...continua

    Sto seguendo, un po' per gioco, un po' con serietà, la Reading Challenge del mio gruppo di lettura, e al punto 7 c'è "Rilettura di un classico letto alle medie" e io ho scelto questo, che ho amato molto all'epoca, quando tutti lo schifavano, a me invece era piaciuto tanto. Talmente tanto che ancora mi ricordavo il nome della barca dei Malavoglia. La famosa Provvidenza. E così, complice il rispetto della reading Challenge ho riletto con immenso piacere questa meravigliosa storia di una famiglia disgraziata, povera e sfortunata a cui la sorte non è certo benevola. E ho amato fino alla commozione Padron 'Ntoni con la sua filosofia spicciola, ma che ci "azzecca" sempre; e 'Ntoni, suo nipote, che non accetta la sua povertà e vuole sempre fuggire via; e Alessi e Nunziata, che nella loro semplicità, e con il loro amore, sono l'unica speranza per uscire dalla miseria e per riscattare i Malavoglia dal loro infame destino. Bellissimo, sono felice di averlo riletto, mi è piaciuto ancora di più della prima volta....quanti anni sono passati?? Solo più di una quarantina.....o mamma!!!!

    ha scritto il 

  • 4

    Mai 'na gioia

    Povertà, malattia inguaribile. Forse il primo romanzo italiano dedicato interamente agli umili. E, contrariamente a Manzoni, la provvidenza è solo una barca, che non premia la fede.

    Audiolibri LIBRIV ...continua

    Povertà, malattia inguaribile. Forse il primo romanzo italiano dedicato interamente agli umili. E, contrariamente a Manzoni, la provvidenza è solo una barca, che non premia la fede.

    Audiolibri LIBRIVOX, ottima lettura di Lisa Caputo

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per