Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I Malavoglia; Mastro-Don Gesualdo; Storia di una Capinera

Di

Editore: Newton & Compton Editori

4.1
(62)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 524 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8854102547 | Isbn-13: 9788854102545 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I Malavoglia; Mastro-Don Gesualdo; Storia di una Capinera?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un romanzo come I Malavoglia non si può riassumere: la storia di questa famiglia di pescatori di Acitrezza è ormai considerata una sorta di manifesto del verismo e un classico della nostra letteratura. L'umanità dei vinti di Verga, immancabilmente falciati da un destino crudele e implacabile, si muove corale con quieto e desolato lirismo.
Mastro-Don Gesualdo è la narrazione storica di un rivolgimento sociale di una classe che decade e di una classe emergente, del travaglio e della rincorsa affannosa tra patrimonio e matrimonio.
Sebbene appartenga cronologicamente al primo periodo della produzione verghiana, Storia di una capinera se ne distacca sensibilmente. Svolto in forma epistolare, è tratto da un'esperienza autobiografica. Le lettere scritte dalla giovane Maria - costretta dal padre alla vita del convento pur senza vocazione - all'amica Marianna testimoniano del suo turbamento di giovane novizia. Considerato a suo tempo una polemica denuncia della condizione femminile, questo romanzo è piuttosto un grande dramma intimo, sentimentale, umano, spinto fino all'eccesso.
Ordina per
  • 5

    Un grande maestro.Il verismo di Verga è tagliente, commovente, fotografia di una Sicilia in bianco e nero,contadina, matriarcale, disperata.Non riesco a non sentire il profumo di zagara percorrendo i paesaggi da lui descritti.Straordinario.

    ha scritto il 

  • 3

    Lessi interamente solo "Storia di una capinera" (avevo 16 anni circa), trovandolo pesante, seppur ben scritto. Decisi di non leggere "I Malavoglia" e "Mastro don Gesualdo", in quando pensai che fosse inutile farlo, avendo ampiamente studiato la trama di entrambi a scuola.

    ha scritto il 

  • 0

    Testo completo de i Malavoglia di Giovanni Verga e altre opere:

    http://verga.letteraturaoperaomnia.org/verga_i_malavoglia.html

    (TESTO DI RIFERIMENTO: "Giovanni Verga - Grandi Romanzi", a cura di Ferruccio Cecco e Carla Riccardi, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1972)

    ha scritto il 

  • 0

    Testo completo di Storia di una capinera di Giovanni Verga e altre opere:

    http://verga.letteraturaoperaomnia.org/verga_storia_di_una_capinera.html

    TESTO DI RIFERIMENTO: "Storia di una Capinera", Quindicesima edizione, Fratelli Treves Editori, Milano, 1894

    ha scritto il 

  • 3

    Sì ok, è Verga ma trovarsi a fare una relazione sui Malavoglia per la scuola significa non riuscire a capire qual è la maestosita di quest'opera perché troppo concentrata sulla critica minuziosa e su ogni accento di tutti i personaggi.


    Da Catanese che sono però; leggere "I Malavoglia", per ...continua

    Sì ok, è Verga ma trovarsi a fare una relazione sui Malavoglia per la scuola significa non riuscire a capire qual è la maestosita di quest'opera perché troppo concentrata sulla critica minuziosa e su ogni accento di tutti i personaggi.

    Da Catanese che sono però; leggere "I Malavoglia", per rendermi conto che loro sono talmente reali e identici a tutti i disgraziati che ancora vivono in questa città, mi rende difficile sopportare l'opera e a poche pagine accantono il libro perché poco è cambiato in questa città da quel ritratto di Verga. A me piange il cuore a farne parte di questo quadro.

    Di Verga però apprezzerò sempre e solo poche opere perché la sua scrittura mi fa venire un nodo alla gola che alimenta quelle difficoltà sopra citate. Sarà che vorrei un'altra vita dove magari si smetterebbe di sentir parlare della "fuita" o di "malavitosi" perché in fin dei conti l'unica cosa che è cambiata sono solo i vestiti e una certa libertà sessuale ma qui a Catania ancora si "sannu sentiri" di galantuomini e d'onore.

    ha scritto il 

  • 5

    Una siciliana come me non può non adorare il maestro del Verismo!
    Toccante la Storia di una Capinera, veramente struggente.
    Mastro don Gesualdo sottolinea la precarietà dell'essere umano.
    I Malavoglia è sicuramente un ritratto minuzioso della Catania di un tempo.
    Formidabile.< ...continua

    Una siciliana come me non può non adorare il maestro del Verismo!
    Toccante la Storia di una Capinera, veramente struggente.
    Mastro don Gesualdo sottolinea la precarietà dell'essere umano.
    I Malavoglia è sicuramente un ritratto minuzioso della Catania di un tempo.
    Formidabile.

    ha scritto il