Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I Promessi Sposi

(The Betrothed)

By Alessandro Manzoni

(10)

| Paperback | 9781434495938

Like I Promessi Sposi ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Alessandro Francesco Tommaso Manzoni (1785-1873) was an Italian poet and novelist. His novel "The Betrothed" (in Italian, "I Promessi Sposi") raised him to the first rank of literary fame. It is generally agreed to be his greatest work.

831 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 2 people find this helpful

    Riletto non per dovere scolastico, ha tutto un altro sapore, anche se Renzo e Lucia mi risultano fastidiosi ora come allora.
    E poi a scuola nessuno ti dice che "in realtà Lucia era un cesso"... (cit.Raul Montanari)

    Renzo: "E cosa v'importa a voi al ...(continue)

    Riletto non per dovere scolastico, ha tutto un altro sapore, anche se Renzo e Lucia mi risultano fastidiosi ora come allora.
    E poi a scuola nessuno ti dice che "in realtà Lucia era un cesso"... (cit.Raul Montanari)

    Renzo: "E cosa v'importa a voi altri? E chi v'ha detto d'aspettare? Son mai venuto io a parlarvene? a dirvi che la fosse bella? E quando me lo dicevate voi altri, v'ho mai risposto altro, se non che era una buona giovine? E' una contadina! V'ho mai detto che v'avrei menato qui una principessa? Non vi piace? Non la guardate. N'avete delle belle donne: guardate quelle".

    Is this helpful?

    Sicarliz said on Aug 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ripresolo in mano dai tempi della scuola, mi ha fatto l’impressione esattamente opposta. Sarà che a quell’età non ero molto interessato o sarà che l’obbligo dello studio fa perdere il piacere della lettura; ma è assolutamente un’opera d’arte. Forse a ...(continue)

    Ripresolo in mano dai tempi della scuola, mi ha fatto l’impressione esattamente opposta. Sarà che a quell’età non ero molto interessato o sarà che l’obbligo dello studio fa perdere il piacere della lettura; ma è assolutamente un’opera d’arte. Forse addirittura il romanzo italiano per eccellenza… Non direi altro perché chiunque ne conosce le vicende, raccontate in maniera splendida. Sottolineo solo che la gioia di Renzo al termine di tutte le traversìe che ha dovuto affrontare è davvero molto commovente. I personaggi entrano immediatamente nell’immaginario collettivo, fin dalla loro primissima descrizione: don Abbondio, Perpetua, Azzeccagarbugli (che, nonostante appaia molto di rado nel romanzo, ha acquisito egualmente grande fama), don Rodrigo, fra’ Cristoforo, Agnese, la monaca di Monza, l’Innominato, il Griso ed il Nibbio, il cardinale Borromeo, donna Prassede e don Ferrante, ed infine loro, Renzo e Lucia. Manzoni è stato magistrale nel trasmettere le emozioni in ogni parte della trattazione: le pagine riguardanti la diffusione della peste a Milano sono davvero struggenti. Consiglio di riprenderlo in mano a chiunque non l’abbia ancora fatto, ne vale realmente la pena.

    Is this helpful?

    FuSer said on Aug 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    amato e odiato ai tempi di scuola... sarebbe da rileggere

    Is this helpful?

    Simona said on Jul 13, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Da leggere assolutamente, da grandi, non a scuola!
    La prosa è perfetta e raggiunge in molte pagine vette di altissima poesia; i personaggi indimenticabili, così cesellati con maestria ed analizzati come sono nella loro psicologia; la trama è s ...(continue)

    Da leggere assolutamente, da grandi, non a scuola!
    La prosa è perfetta e raggiunge in molte pagine vette di altissima poesia; i personaggi indimenticabili, così cesellati con maestria ed analizzati come sono nella loro psicologia; la trama è scorrevole, avvincente e godibilissima.
    Letteratura che lascia senza parole.

    Is this helpful?

    Lella52 said on Jul 2, 2014 | 1 feedback

  • 2 people find this helpful

    Ho letto I Promessi Sposi

    Contenta di averlo finalmente letto, e di averlo fatto solo ora, dopo i molti tentativi dai tempi lontanissimi della scuola.
    Ora me lo sono gustato, ora ho potuto vedere bene la grandezza di Manzoni. Uno che sa raccontare, che vuole raccontare. Gli ...(continue)

    Contenta di averlo finalmente letto, e di averlo fatto solo ora, dopo i molti tentativi dai tempi lontanissimi della scuola.
    Ora me lo sono gustato, ora ho potuto vedere bene la grandezza di Manzoni. Uno che sa raccontare, che vuole raccontare. Gli piace, ne ha gusto lui per primo.
    Certo, avrebbe potuto trattare con più riguardo il lettore, evitando di richiamarlo continuamente nel giochetto un po' vacuo e molto vanesio della finta modestia; ed evitando soprattutto il commento alle azioni dei suoi personaggi, un'indicazione costante di giudizio morale, benché condotta spesso con leggerezza e ironia.
    Guardo invece alla grande capacità ritmica, descrittiva, linguistica, poetica. Manzoni sa perfettamente come fare con le parole, ed è bravissimo.

    A caldo, tornando con la mente alla lettura, ecco qualche punto di maggior godimento.

    Renzo-Pinocchio che, arrivato a Milano, si perde dietro la rivolta del pane invece di presentarsi subito al convento dei cappuccini e si ubriaca all'osteria del Gambero Rosso… Ah no, della Luna Piena. Un Renzo come il burattino tra i carabinieri.
    Renzo-bambino che ha paura del bosco. Si rincuora saltando di gioia alla vista dell'Adda, attraversa nuovamente il bosco a ritroso per cercare un ricovero notturno, e ciò che prima era mostro, bestia, incubo ora lo fa sorridere.
    Renzo-migrante.
    Renzo-innamorato finalmente, solo alla fine del romanzo, solo uscito dal lazzaretto, Renzo che dà calci all'acqua, si frega le mani, quasi canta di contentezza d'amore insieme alla pioggia. C'è voluto tutto il romanzo per vederlo così. Filmico. A Lucia, invece, continuano al massimo ad arrossarsi le guance.
    Lucia donna normale, donna non necessariamente bella. Lucia la contadina, Lucia la persona. Lucia che non passa dalla sua bellezza per essere. Anche se Lucia non è certo la più simpatica dei personaggi.
    I capponi costretti a testa in giù che sballonzolano fino a essere sbattuti sul tavolo della cucina di Azzecca-garbugli.
    Infine, un forte e irrimediabile fastidio per Don Abbondio.

    Is this helpful?

    Maidiremai said on Jun 19, 2014 | 3 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book