Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I Vangeli per guarire

Lo straordinario potere del mito cristiano

Di

Editore: Mondadori

3.9
(109)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 418 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804529326 | Isbn-13: 9788804529323 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: A. Bertoli

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Health, Mind & Body , Religion & Spirituality , Self Help

Ti piace I Vangeli per guarire?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Le storie narrate nei Vangeli rispecchiano esigenze assolute, immutabili delcuore umano. Qualcuno si è appropriato dei Vangeli per svigorirli e alterarli,ma noi che li guardiamo con occhi scevri da pregiudizi dobbiamo imparare arestituire loro la purezza originaria e la riccezza sorgiva. Un compitonecessario non solo per i credenti, ma per tutti coloro che desideranoritrovare nel 'mito' evangelico il fondamento della società, della verità,della vita emotiva. Questo libro ci spiega come dalla lettura dei Vangelipossa nascere una conoscenza che ci arricchisce, cambiando il nostro modo divivere, muoverci, pensare, sentire, invecchiare e morire. Per sempre.
Ordina per
  • 3

    Non che mi aspettassi qualcosa da questo libro: lo presi in libreria, attratto dall'idea della lettura dei Vangeli da parte di Jodorowsky, e memore dell'atmosfera di "Psicomagia". Il risultato è una trama comunque interessante, soprattutto nella parte in cui l'autore lega la trama dei Vangeli col ...continua

    Non che mi aspettassi qualcosa da questo libro: lo presi in libreria, attratto dall'idea della lettura dei Vangeli da parte di Jodorowsky, e memore dell'atmosfera di "Psicomagia". Il risultato è una trama comunque interessante, soprattutto nella parte in cui l'autore lega la trama dei Vangeli colla lettura dei tarocchi, cogliendo analogie e similitudini a volte sorprendenti. Non mi hanno convinto alcune sue spiegazioni su determinati passi dei Vangeli e la coincidenza che lui rende "obbligata" (per la coerenza della sua dimostrazione) tra il Cristo figura storica e il nostro dio interiore. Infine a volte è inutilmente prolisso.

    ha scritto il 

  • 3

    L'argomento mi interessava molto, ma non mi aspettavo questo tipo di trattazione, un po' noiosa, prolissa, molto didascalica e, perlomeno per quanto mi riguarda, poco arricchente. Ho tentato il tutto per tutto per non abbandonarlo, perché ho pensato che sicuramente ne avrei tratto pian piano degl ...continua

    L'argomento mi interessava molto, ma non mi aspettavo questo tipo di trattazione, un po' noiosa, prolissa, molto didascalica e, perlomeno per quanto mi riguarda, poco arricchente. Ho tentato il tutto per tutto per non abbandonarlo, perché ho pensato che sicuramente ne avrei tratto pian piano degli insegnamenti. Però a pagina 163 getto definitivamente la spugna. Di insegnamenti non ne ho visto l'ombra, di spunti di riflessione nemmeno. E ahimè, al secondo libro di Jodorowsky abbandonato nel'arco di 1 mese, devo anche accettare il fatto che forse Jodorowsky scrittore non fa per me. L'ho sempre considerato un maestro ma al dunque tutto quello che ho letto è stato un flop per la mia comprensione intellettuale ed emotiva... Mi resta il dubbio se in un prossimo futuro leggere La danza della realtà o Psicomagia, ma per il momento preferisco ricordare Jodorowsky regista con El topo. Almeno su quello è intoccabile.

    ha scritto il 

  • 5

    Giovanni è solo nel deserto. Si nutre di miele ed insetti ed è in pace. Perché basta che la pace sia dentro di noi, che quelle piccole voci continue si spengano e si può vivere dovunque e con pochi mezzi.

    ha scritto il 

  • 3

    Non capisco questo autore.

    Parla di Cristo e ci mette di mezzo i Tarocchi.

    In un momento parla di "mito" e in un altro sembra crederci fermamente.

    Non concordo con tutto ciò che dice e trovo alcune cose inappropriate per il tema di cui parla.

    ha scritto il 

  • 5

    Rimettiamo Dio al suo posto

    Una lettura imperdibile per chiunque abbia ricevuto un'educazione cattolica... che squarcia il velo polveroso della pedante e tradizionale interpretazione clericale dei vangeli aprendo gli occhi e il cuore del lettore a una interpretazione "pura" del mito cristiano, per farne comprendere meglio l ...continua

    Una lettura imperdibile per chiunque abbia ricevuto un'educazione cattolica... che squarcia il velo polveroso della pedante e tradizionale interpretazione clericale dei vangeli aprendo gli occhi e il cuore del lettore a una interpretazione "pura" del mito cristiano, per farne comprendere meglio la straordinaria forza dirompente e rivoluzionaria. Una rilettura assolutamente positiva e incoraggiante, che rimette al proprio posto un Dio troppo a lungo innalzato (e dimenticato) su altari polverosi, riportandolo al centro del cuore dell'uomo, per incoraggiarlo a realizzare il proprio Dio interiore. Per me è stato un importante momento di riscoperta e di crescita spirituale (badaben dico "spirituale" non "religiosa"), ma lo consiglio a tutti, anche solo per chi voglia rileggere le radici della nostra cultura con occhi nuovi.

    ha scritto il 

  • 5

    Una lettura intensa e molto, molto impegnativa.
    Anche se ho alcune perplessità su certi passi, resta il merito a questo libro di avermi fatto considerare il messaggio evangelico in modo nuovo, diverso, e di avermi fatto riflettere sul significato della fede e della libertà. Dalle prime pagin ...continua

    Una lettura intensa e molto, molto impegnativa.
    Anche se ho alcune perplessità su certi passi, resta il merito a questo libro di avermi fatto considerare il messaggio evangelico in modo nuovo, diverso, e di avermi fatto riflettere sul significato della fede e della libertà. Dalle prime pagine: "Per approdare a tale libertà è in ogni caso necessario aver riconosciuto e onorato le proprie radici: se non si sa da dove viene, non si sa dove si va. Tagliare i ponti con il passato non significa ignorare le nostre origini, e conoscere le nostre origini non significa legarsi ad esse".

    ha scritto il