I bottoni di Napoleone

Come 17 molecole hanno cambiato la storia

Di ,

Editore: Longanesi

4.1
(352)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 408 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8830421561 | Isbn-13: 9788830421561 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Libero Sosio

Disponibile anche come: Tascabile economico , Paperback , eBook

Genere: Storia , Non-narrativa , Scienza & Natura

Ti piace I bottoni di Napoleone?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Rivelando gli stupefacenti collegamenti di natura chimica tra fatti apparentemente scollegati, gli autori presentano nel libro 17 gruppi di molecole che hanno cambiato il corso della storia, arrivando a determinare moltissimi aspetti della nostra vita quotidiana. Il lettore apprenderà per esempio come i bottoni delle uniformi dell'armata napoleonica, fatti di stagno, si sbriciolassero alle basse temperature, mettendo in notevoli difficoltà i soldati impegnati sul fronte russo (e, chissà, ipotecando così l'esito della campagna); come un banale incidente domestico con un grembiule detonante ebbe come conseguenza lo sviluppo dei moderni esplosivi e la nascita dell'industria cinematografica; come la passione degli europei per la caffeina, una molecola che dà una blanda dipendenza, finì per portare alla rivoluzione comunista in Cina.
Ordina per
  • 4

    Chimica e/è storia

    La chimica è vita. Tutti noi siamo d'accordo con questa informazione, indipendentemente dal grado di conoscenza della materia. Ma siamo disposti ad affermare che la chimica sia anche storia? O meglio, ...continua

    La chimica è vita. Tutti noi siamo d'accordo con questa informazione, indipendentemente dal grado di conoscenza della materia. Ma siamo disposti ad affermare che la chimica sia anche storia? O meglio, che abbia contribuito a fare la storia? In questo libro, attraverso la descrizione di 17 molecole, è offerta una nuova interessante chiave di lettura sul come alcuni degli eventi più determinati della storia dell'uomo possano essere stati influenzati proprio dalla chimica. Il libro incuriosisce molto il lettore, ma alle volte rischia di essere troppo nozionistico nella descrizione della composizione delle molecole, rischiando di far perdere il filo ai meno ferrati in materia

    ha scritto il 

  • 4

    per chimici ma non solo

    Da chimico ho apprezzato la parte molto tecnica, forse troppo per chi non ha dimestichezza con la materia. Al di là di questo il libro è estremamente interessante e fa capire la catena di azioni (spes ...continua

    Da chimico ho apprezzato la parte molto tecnica, forse troppo per chi non ha dimestichezza con la materia. Al di là di questo il libro è estremamente interessante e fa capire la catena di azioni (spesso distruttive nei confronti di paesi e popolazioni che sono state letteralmente stuprate) che partono da una necessità o da un evento

    ha scritto il 

  • 4

    La chimica spiegata senza bisogno di formule

    Veramente interessante come stile. Non è un libro solo di scienza ma anche di storia. Questo connubio a mio avviso è imprescindibile. Ogni molecola porta con se la storia di se stessa e della sua infl ...continua

    Veramente interessante come stile. Non è un libro solo di scienza ma anche di storia. Questo connubio a mio avviso è imprescindibile. Ogni molecola porta con se la storia di se stessa e della sua influenza nel mondo. Gli autori sono davvero bravi a presentare entrambe le cose senza (quasi) mai far pesare il non-essere un chimico. Lungo ma piacevole.

    ha scritto il 

  • 0

    Oltre a essere un buon ripasso – o una buona lezione – di chimica organica, questo il libro ha il pregio di raccontare – con una forma narrativa che comunica al meglio anche gli aspetti più complessi ...continua

    Oltre a essere un buon ripasso – o una buona lezione – di chimica organica, questo il libro ha il pregio di raccontare – con una forma narrativa che comunica al meglio anche gli aspetti più complessi – l’impatto della chimica sulla storia dell’umanità.
    E non della chimica intesa come industria, ma della chimica intesa come proprietà microscopiche delle sostanze: a volte basta davvero una differenza di pochi atomi per formare una molecola che ha determinato guerre, migrazioni, schiavismo, stravolgimenti ambientali. Ma che ha anche cambiato in meglio la vita umana: aumentando la speranza di vita, debellando malattie che sembravano inesorabili, favorendo il progresso umano in generale.

    Gli Inglesi ottennero la (allora) piccola cittadina di New York in cambio della noce moscata. La struttura dello zucchero, indispensabile al metabolismo umano, ha di fatto causato la tratta degli schiavi dall’Africa alle Americhe. La speranza di vita, almeno in alcune parti del mondo, è quasi raddoppiata dopo millenni di stagnazione grazie agli antibiotici. Uno dei maggiori strumenti di potere è stato il sale. E così via.

    Ma oltre a questo approccio storico, che permette di rileggere tanti eventi cruciali dell’umanità, il libro offre chiavi di lettura importanti: non è detto che “naturale” sia sempre “buono” e “sintetico” sia sempre “cattivo”, anzi; la ricerca di una sostanza ha dato spesso risultati non previsti ma non per questo meno utili; per lo sviluppo dell’industrializzazione, la chimica è stata fondamentale quanto la meccanica e l’elettricità; l’impiego massivo di sostanze nuove apparentemente innocue può dare conseguenze negative a lunga scadenza.

    Rileggendo la storia dal punto di vista della chimica, e scoprendo una serie di nefandezze ci si può indignare, si può dare la colpa “al capitalismo”, “all’imperialismo” e così via, ma non sarebbe giusto dimenticare che tutto questo ci ha offerto tutta una serie di vantaggi, di benefici, anche di apporti fondamentali che oggi diamo per scontati.

    ha scritto il 

  • 3

    L'idea del libro è particolarmente interessante: l'influenza di alcune molecole sulla storia e le sorti del mondo. I due chimici/autori erano indecisi se inserire all'interno del libro i disegni delle ...continua

    L'idea del libro è particolarmente interessante: l'influenza di alcune molecole sulla storia e le sorti del mondo. I due chimici/autori erano indecisi se inserire all'interno del libro i disegni delle molecole chimiche, ma alla fine optano di inserire le strutture delle molecole, corredate da chiare spiegazioni. È assolutamente vero che il libro può essere letto da qualsiasi "profano" di chimica: lo stile è fluente, il linguaggio non è certamente accademico, le strutture chimiche sono semplificate e le spiegazioni fornite sono il più delle volte sufficienti ai fini del libro. Tuttavia, nonostante non studi chimica, ma Scienze Agrarie, non sono a digiuno di chimica organica e, a parer mio, "I bottoni di Napoleone" non si legge con facilità, anzi, risulta particolarmente nozionistico ed i numerosissimi passaggi si dimenticano subito dopo averli letti. Ciò che rimane sono delle illuminanti curiosità che sicuramente vanno approfondite nuovamente con la lettura del libro, che è diviso in capitoli: 17 come le molecole che vengono trattate in base alla loro incidenza nella storia del mondo. Voto tre stelle per l'idea affascinante di miscelare chimica e storia (con un taglio decisamente chimico piuttosto che storico) ma il libro è pesante da leggere. Il filo conduttore è però chiaro: come molecole apparentemente insignificanti hanno portato a numerosi cambiamenti storici/politici/economici alla storia dell'uomo, e come una piccola, impercettibile modifica alla struttura di una molecola possa incidere in maniera impressionante sulle conseguenze che essa apporta. Consigliato assolutamente per chi possiede un'approfondita conoscenza di chimica, per gli altri comuni mortali è un bellissimo libro con cui sfoggiare qualche curiosità e poco più.

    ha scritto il 

  • 5

    La chimica nella storia

    "Noi abbiamo deciso di scrivere questo libro per raccontare la storia di connessioni affascinanti fra strutture chimiche ed episodi storici [...] per capire in quale misura lo sviluppo della società s ...continua

    "Noi abbiamo deciso di scrivere questo libro per raccontare la storia di connessioni affascinanti fra strutture chimiche ed episodi storici [...] per capire in quale misura lo sviluppo della società sia dipeso dalla chimica di certi composti"

    I due chimici riescono egregiamente nell'intento che si erano proposti nell'introduzione del libro. Un saggio interessante, ricco di notizie e curiosità alcune delle quali note, altre sorprendenti. Scorre rapido nella presentazione dei composti chimici facendo seguire alla storia degli stessi, lo sviluppo ed il ruolo storico. I composti scelti sono quelli più comuni, quelli che ci ritroviamo nella vita di tutti giorni e che sembrano essere lì da sempre senza curarci del ruolo che nella storia possano avere avuto.

    ha scritto il 

  • 4

    Non avrei mai pensato che avrei trovato tanto appassionante un libro come "I bottoni di Napoleone". Certo il fatto che sia un saggio riguardante l'importanza che hanno avuto e che hanno ancora tutt'or ...continua

    Non avrei mai pensato che avrei trovato tanto appassionante un libro come "I bottoni di Napoleone". Certo il fatto che sia un saggio riguardante l'importanza che hanno avuto e che hanno ancora tutt'ora le principali molecole naturali o sintetiche della nostra realtà quotidiana, potrebbe scoraggiare la lettura a chi non ripone fiducia nelle sue conoscenze in materia. Posso però assicurare che il libro è scritto sapientemente con l'obiettivo di accompagnare per mano anche il lettore meno dotto, mixando efficacemente chimica e cultura, per renderlo partecipe di un viaggio impegnativo, ma allo stesso tempo rilassante e affascinante, che lo spingerà a leggere queste pagine in un battito di ciglia.

    Consigliato a chiunque voglia conoscere che relazioni legano le molecole del passato alla civiltà moderna.

    ha scritto il 

  • 3

    I had to read this for a summer chemistry class. It was alright, especially for a non-major. Some of the history is a little...wonky (there were some displeased history majors in my class), but it's o ...continua

    I had to read this for a summer chemistry class. It was alright, especially for a non-major. Some of the history is a little...wonky (there were some displeased history majors in my class), but it's overall interesting. As in actually interesting, not as in Minnesota-nice for bad.

    ha scritto il 

  • 4

    Interessante e piacevole: libro per curiosi.
    racconta 16 molecole che hanno cambiato la storia evidenziando nessi causali che in genere i libri di storia non evidenziano in questa misura. Racconta di ...continua

    Interessante e piacevole: libro per curiosi.
    racconta 16 molecole che hanno cambiato la storia evidenziando nessi causali che in genere i libri di storia non evidenziano in questa misura. Racconta di sostanze che hanno determinato la scoperta di nuove rotte ed il colonialismo (spezie, cotone, tabacco, caffé), di sostanze che hanno cambiato la vita di tutti diventando quotidiane (coloranti, farmaci). Racconta anche di come molte sostanze siano arrivate per caso o con una stime assolutamente errata dei loro effetti. Per certi aspetti mi ricorda un po' breve storia di quasi tutto di Brysom

    ha scritto il 

Ordina per