Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I cani di Riga

La seconda inchiesta del commissario Wallander

Di

Editore: Marsilio

3.7
(1814)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 312 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Tedesco , Spagnolo , Francese , Svedese , Catalano , Norvegese , Olandese , Finlandese

Isbn-10: 8831793063 | Isbn-13: 9788831793063 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Giorgio Puleo ; Illustratore o Matitista: Fabio Visintin

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , eBook

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace I cani di Riga?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Sulle coste svedesi, in un freddo mattino d'inverno, da un peschereccio che si fa strada tra la neve viene avvistato un gommone di salvataggio: a bordo ci sono due cadaveri. Le indagini portano l'ispettore Wallander a est: la polizia di Ystad ha le prove che i due uomini sono stati uccisi e che l'imbarcazione veniva dalla Lituania. Kurt Wallander parte per Riga: non passerà molto tempo prima che si renda conto di essere vittima di una cospirazione legata ai drammatici cambiamenti politici dei Paesi Baltici: la caduta dell'Unione Sovietica è ormai consegnata alla storia, ma in Lituania, ora stato sovrano, alcune forze di potere lavorano nell'ombra in accordo con la mafia russa.
Ordina per
  • 0

    Il mio primo caso Wallander

    Me lo consigliavano da tempo, poi ci si è messa anche la Effe con la serie tv e alla fine ho ceduto a quella che sapevo sarebbe diventata un'altra droga. Wallander è un commissario che ti prende per l ...continua

    Me lo consigliavano da tempo, poi ci si è messa anche la Effe con la serie tv e alla fine ho ceduto a quella che sapevo sarebbe diventata un'altra droga. Wallander è un commissario che ti prende per la sua umanità e Mankell è un maestro nel calarti esattamente dentro ai panni e alle emozioni del suo eroe. Che poi fa di tutto per non farsi chiamare così, come gli eroi quotidiani che talvolta si ha la fortuna di incontrare anche nella vita reale. Bello, con quel filo di struggente malinconia che fa da cornice alle vicende ambientate ai tempi della prima indipendenza dei paesi baltici dall'ex Unione Sovietica.

    ha scritto il 

  • 3

    Non male

    Dopo aver visto qualche puntata della serie tv dedicata all'ispettore Wallander, ho deciso di leggerne i primi due libri. Questo secondo episodio è abbastanza coinvolgente, forse poteva essere scritto ...continua

    Dopo aver visto qualche puntata della serie tv dedicata all'ispettore Wallander, ho deciso di leggerne i primi due libri. Questo secondo episodio è abbastanza coinvolgente, forse poteva essere scritto meglio, a tratti interessante soprattutto quando si parla della situazione politica in Lituania; mentre la vera e proprio trama del giallo regge poco, secondo me.

    ha scritto il 

  • 3

    Torna il commissario Wallander ad indagare su un duplice omicidio, sullo sfondo cupo di una fredda Svezia. L'indagine si intreccerà poi con le vicende storiche e politiche della Lettonia, in un mix di ...continua

    Torna il commissario Wallander ad indagare su un duplice omicidio, sullo sfondo cupo di una fredda Svezia. L'indagine si intreccerà poi con le vicende storiche e politiche della Lettonia, in un mix di poliziesco e spionaggio. Gradevole, carino, da leggere.

    ha scritto il 

  • 3

    Questa volta Wallander saltella dalla Svezia a Riga, si caccia in un mucchio di guai disastrosi, ne combina di tutti i colori. Se in "Assassino senza volto" la narrazione mi era sembrata troppo static ...continua

    Questa volta Wallander saltella dalla Svezia a Riga, si caccia in un mucchio di guai disastrosi, ne combina di tutti i colori. Se in "Assassino senza volto" la narrazione mi era sembrata troppo statica e moscia, qui il movimento non manca, né i colpi di scena. Tutto sommato gradevole.
    Nota divertente: Wallander e le donne :-))

    ha scritto il 

  • 3

    Un libro che andrebbe revisionato: a tratti è avvincente ed a tratti si perde in dettagli (anche a livello temporale, si passa da un centinaio di pagine per un paio di ore a mezza pagina per un paio d ...continua

    Un libro che andrebbe revisionato: a tratti è avvincente ed a tratti si perde in dettagli (anche a livello temporale, si passa da un centinaio di pagine per un paio di ore a mezza pagina per un paio di giorni). Carino, ma non eccezionale.

    ha scritto il 

  • 2

    Wallander in trasferta

    Secondo libro della serie Wallander: un peschereccio avvista un canotto alla deriva e avvisa le autorità: a bordo si trovano due cadaveri.
    Dovrebbe essere un poliziesco svedese, ma ci ho trovato poco ...continua

    Secondo libro della serie Wallander: un peschereccio avvista un canotto alla deriva e avvisa le autorità: a bordo si trovano due cadaveri.
    Dovrebbe essere un poliziesco svedese, ma ci ho trovato poco di poliziesco e poco di svedese. E' infatti più un thriller di spionaggio, ambientato prevalentemente a Riga, capitale della Lettonia.
    Si è costretti a leggere un bel numero di pagine sulla crisi nell'Europa dell'Est, pagine un po’ noiose a mio avviso.
    Il delitto, il complotto e ideali opposti, fanno da cornice a questo libro ambientato nei paesi baltici in quel clima politico-sociale caratteristico dell'inizio degli anni '90.
    Libro meno avvincente del precedente.

    ha scritto il 

  • 5

    Wallander goes to Latvia!

    un po' troppo spy story, per i miei gusti anche se il giallo tiene bene. Wallander goes to Latvia! e torna in Svezia e ritorna in Lettonia. un giallo scritto a poca distanza dalla caduta del muro, in ...continua

    un po' troppo spy story, per i miei gusti anche se il giallo tiene bene. Wallander goes to Latvia! e torna in Svezia e ritorna in Lettonia. un giallo scritto a poca distanza dalla caduta del muro, in cui le vicende di corruzione, omicidi e droga la fanno da padrone e presagiscono la situazione odierna. al prossimo!

    ha scritto il 

  • 4

    Secondo Libro con Wallander

    Era da più di 10 anni che non leggevo più Mankell (più per numerosi altri autori preferiti che per una "colpa" da parte sua) ed avevo questo libro in lista d'attesa da tempo. E' stato bello ritrovare ...continua

    Era da più di 10 anni che non leggevo più Mankell (più per numerosi altri autori preferiti che per una "colpa" da parte sua) ed avevo questo libro in lista d'attesa da tempo. E' stato bello ritrovare Kurt Wallander con il suo essere "umano" con vari problemi. In questa indagine un pò solitaria lo porta fino in Lettonia dove la situazione politica è complicata. Interessante mix tra thriller (anche se l'indagine "poliziesca" passa quasi in secondo piano) e spy story per analizzare i problemi della Lettonia e delle repubbliche baltiche (il romanzo risale al 1992).

    ha scritto il 

  • 3

    Sarà per la prossima volta?

    Ancora perplessità su Mankell e il suo Wallander dopo la seconda “avventura”. Meno coinvolgimenti familiari (resta il padre, scorbutico pittore amatoriale), più adrenalina oltre i confini nazionali. M ...continua

    Ancora perplessità su Mankell e il suo Wallander dopo la seconda “avventura”. Meno coinvolgimenti familiari (resta il padre, scorbutico pittore amatoriale), più adrenalina oltre i confini nazionali. Ma restano piste di indagine aperte e mai chiuse, idee che sembrano buone e sfuggono in pochi attimi...Rispetto all'opera prima (Assassino senza volto) c'è la giusta suspence al momento di individuare definitivamente il colpevole, che è parte attiva nella storia. Interessanti le descrizioni paesaggistiche delle repubbliche baltiche del dopo URSS, passi avanti nell'ambientazione. Un po' troppo introspettivo (per i miei gusti) il protagonista, che nell'unica vicenda sentimentale sembra capitato lì per caso. Se questo non è un “così così”...

    ha scritto il 

Ordina per