Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I cani e i lupi

Di

Editore: Edizione Mondolibri su licenza Adelphi

4.0
(1113)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 234 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Spagnolo , Catalano

Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: eBook , Altri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I cani e i lupi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Non mi ha convinto come gli altri suoi libri

    Mi dispiace dare 3 stelle alla Némirovsky (in realtà, potendo, ne avrei date 3 e mezza), ma non ritengo sia all'altezza degli altri che ho letto (I falò dell'autunno, Suite francese e La nemica), deci ...continua

    Mi dispiace dare 3 stelle alla Némirovsky (in realtà, potendo, ne avrei date 3 e mezza), ma non ritengo sia all'altezza degli altri che ho letto (I falò dell'autunno, Suite francese e La nemica), decisamente più intensi e con una forza tutto loro. L'inizio non è male ed ero certa di non restare delusa neanche questa volta, ma poi è andata in calando: in una prosa un po' incerta e non al suo livello, in una trama a tratti zoppicante, e nei personaggi non tracciati così come mi aveva abituata. Indubbiamente un gran bel ritratto del popolo ebreo e del loro ambiente, laddove i ricchi come i poveri sono accomunati dal "Dio Danaro", in un continuo sali-scendi sulla scala sociale (dalle stelle alle stalle e viceversa...), consci della precarietà del loro destino. Ma, a parte questo, nulla di più,...peccato! Comunque lascerò passare un po' di tempo e poi mi riavvicinerò senz'altro a questa scrittrice, perché resta senz'altro nel cuore.

    ha scritto il 

  • 5

    Magnífic. De nou m'he quedat encantat copsant la capacitat de l'autora per transmetre sentiments i sensacions d'una manera absolutament íntima i entranyable. La descripció d'ambients i personatges és ...continua

    Magnífic. De nou m'he quedat encantat copsant la capacitat de l'autora per transmetre sentiments i sensacions d'una manera absolutament íntima i entranyable. La descripció d'ambients i personatges és molt completa i arrodoneix la història de forma total, convertint la seva lectura en un autèntic plaer.

    ha scritto il 

  • 3

    "La città ucraina, culla della famiglia Sinner, era, agli occhi degli ebrei che la abitavano, formata da tre distinte regioni, come sui quadri antichi: i rietti in basso, tra le tenebre e le fiamme de ...continua

    "La città ucraina, culla della famiglia Sinner, era, agli occhi degli ebrei che la abitavano, formata da tre distinte regioni, come sui quadri antichi: i rietti in basso, tra le tenebre e le fiamme dell'inferno, i mortali al centro della tela, rischiarati da una luce tranquilla e pallida, e, in alto, il regno degli eletti".
    Di solito con la Nemirowsky entro dentro nella storia, invece, questa volta, ne sono rimasta fuori, sempre nell'attesa che ci fosse una svolta o che succedesse quel qualcosa da farmi entrare in quei luoghi, in quelle vie, in quel tempo. Che il suo modo di scrivere sia asciutto ormai l'ho capito da tempo, ma forse in questo libro lo è particolarmente.

    ha scritto il 

  • 3

    Sarà. Ma io con la Némirovsky ho un rapporto strano.
    I suoi libri mi piacciono, li leggo molto volentieri, ma non riescono mai a toccarmi realmente. Come se tra me e i suoi racconti ci fosse un velo. ...continua

    Sarà. Ma io con la Némirovsky ho un rapporto strano.
    I suoi libri mi piacciono, li leggo molto volentieri, ma non riescono mai a toccarmi realmente. Come se tra me e i suoi racconti ci fosse un velo. Sempre.

    ha scritto il 

  • 4

    Con la Nemirovsky, oramai, si va sempre a colpo sicuro che, grazie alla sua scrittura asciutta, scorrevole e raffinata, riesce a raccontare in modo delicato la dignità del popolo ebraico a cui apparti ...continua

    Con la Nemirovsky, oramai, si va sempre a colpo sicuro che, grazie alla sua scrittura asciutta, scorrevole e raffinata, riesce a raccontare in modo delicato la dignità del popolo ebraico a cui appartiene, nonchè i loro pregi e difetti.
    Il titolo del romanzo è molto significativo perchè rappresenta la metafora di due ceti di ebrei, da un lato troviamo gli ebrei che ce l' hanno fatta, che sono riusciuti a salire al vertice della società ( I cani ); e dall' altro troviamo gli ebrei poveri che vivono nei ghetti i quali provano odio e disprezo gli uni verso gli altri.
    Protagonisti della storia sono Ada, Ben ed Harry Sinner che seppur uniti dallo stesso cognome sono divisi dalla condizione sociale e dalla fortuna, ma proprio come i cani e i lupi non riescono a rimanere indefferenti del richiamo dell' uno verso l' altro.

    Nonostante sia un ottimo romanzo non posso dare più di 4 stelline, perchè a causa di alcuni problemi in famiglia ne ho protratto la lettura più del dovuto, facendomi perdere un pò di " pathos " rispetto all' inizio.

    ha scritto il 

  • 4

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/11/03/i-cani-e-i-lupi-irene-nemirovsky/

    “Poi si aprirono le danze e i giochi. Harry, accanto a una zia, se ne stava in piedi, un po’ in disparte. Madame Mimi an ...continua

    http://antoniodileta.wordpress.com/2014/11/03/i-cani-e-i-lupi-irene-nemirovsky/

    “Poi si aprirono le danze e i giochi. Harry, accanto a una zia, se ne stava in piedi, un po’ in disparte. Madame Mimi andò a prendere Ada e insieme attraversarono la sala in tutta la sua lunghezza, sotto gli occhi dei presenti, che osservavano la piccola Sinner mentre si avvicinava al ricco cugino per essergli presentata. Nessuno si stupiva del fatto che, nonostante la stretta parentela, ci fosse tra loro una distanza incolmabile: da una parte, i soldi e gli zii banchieri a Parigi; dall’altra, la bottega al ghetto, la cattiva educazione, la povertà...Semmai veniva giudicata sconveniente l’iniziativa di Madame Mimi. Ah, questi francesi...
    Madame Mimi fece segno a Harry.
    - Venga, caro, che qui c’è una graziosa fanciulla che vorrebbe conoscerla. Perché non la invita a ballare? Stanno per suonare un valzer delizioso.
    Harry alzò gli occhi e riconobbe la bambina scarmigliata, sudicia di polvere, con le mani graffiate, che era saltata fuori da un mondo spaventoso, ripugnante, un mondo di sudore, di sporcizia e di sangue, così lontano da lui eppure, in un certo modo misterioso e terribile, a lui affine. Gli si rizzarono i capelli in testa, come a un cagnolino, ben nutrito e curato, che sente nella foresta l’ululato famelico dei lupi, i suoi fratelli selvaggi. Indietreggiò di scatto.
    - No, no, io non ballo...”

    (Irène Némirovsky, “I cani e i lupi”, ed. Adelphi)
    Dopo essere rimasto molto soddisfatto da “Suite francese”, ho deciso di leggermi un altro romanzo di Irène Némirovsky, cioè “I cani e i lupi”, e se sono qui a scriverne è perché, comunque, mi è piaciuto, sebbene non sia paragonabile, a mio parere, all’altro che ho citato. Anche qui ci sono alcuni temi ricorrenti nell’opera dell’autrice, per esempio l’ebraismo e l’esilio, nello specifico quella che Ada, la protagonista del romanzo, è costretto a scegliere per salvarsi dai pogrom russi. I cani e i lupi citanti nel titolo sono gli ebrei che vivevano a Kiev all’inizio del 1900, ed è evidente il riferimento autobiografico, se non della vicenda narrata, almeno dei temi più generali. Ada Sinner vive nella parte bassa della città, dove ci sono poveri o comunque gente che, come suo padre, si arrabatta per sopravvivere; nella parte alta, in collina, ci sono invece, in mezzo a russi e polacchi, anche gli ebrei arricchiti, che sono riusciti, in virtù del loro potere economico, a farsi tollerare, e che sono guardati, dal basso, con un misto d’invidia, rabbia e ammirazione, da chi, in fondo, vorrebbe essere come loro e non ha avuto la forza di diventarlo.
    Un giorno Ada, ancora bambina, proprio nel mezzo di una violenta retata anti-ebraica, trova riparo nell’abitazione di Harry, anch’egli un Sinner di cognome, a simboleggiare un legame di sangue e di razza che sarà difficile negare, anche a onta delle differenze economiche. Anche Harry è ancora bambino, e quindi dall’incontro non scaturisce altro che una forte idealizzazione da parte della ragazzina. Anni dopo, costretti a emigrare in Francia, i due s’incontrano, nella condizione di esuli, ciascuno alle prese con una propria relazione. Ada, alla fine, ha ceduto all’insistenza di Ben, con il quale era cresciuta quasi da fratello e sorella; Harry, invece, completando il suo apparente processo d’inserimento nella cultura francese, si è sposato con Laurence, nonostante la contrarietà iniziale della famiglia, cattolica, della ragazza.
    A Pagini Harry non è più indifferente circa i sentimenti di Ada, anche perché è solo adesso, a distanza di tanti anni, che Ada svela realmente ciò che aveva sempre provato, sia pure in un mondo idealizzato da essa creato. Scattano, a questo punto, tutta una serie di dinamiche a quattro, che non riguardano solo aspetti passionali, che pure sono prevalenti, ma hanno motivazioni di più ampio raggio. Harry è, sempre più, un ebreo ricco, potente banchiere, mentre Ada e Ben sono ebrei che anche lì in Francia devono arrangiarsi per vivere. Ada, poi, che pure potrebbe sfruttare Harry per farsi largo, resta fedele alla sua passione per la pittura. Poi c’è Laurence, il quarto incomodo. L’autrice è brava nel tenere il lettore avvinto alla storia, non trasformandola mai in una stucchevole storia d’amore, ma a me è parso che sia meno efficace nello sfruttare le armi che più le ho riconosciuto in “Suite francese”, ad esempio il sarcasmo amaro dell’animo ferito.

    “Io non ho mai smesso di fantasticarci su...Eravamo soli, abbandonati, poveri, ma non avevamo nessuno tra i piedi, né quelli che odi, né quelli che ami”.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per