Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I cento giorni

By Joseph Roth

(137)

| Paperback | 9788845911057

Like I cento giorni ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

3 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Commuove l'amore di Angelina per il grande Napoleone,per la quale anche "la sua ombra era dorata" e il fatto di "essergli sottomessa era motivo di orgoglio".Non si rassegna lei alla caduta dell'imperatore ed ha un bel dire Wokurka che "noi piccoli no ...(continue)

    Commuove l'amore di Angelina per il grande Napoleone,per la quale anche "la sua ombra era dorata" e il fatto di "essergli sottomessa era motivo di orgoglio".Non si rassegna lei alla caduta dell'imperatore ed ha un bel dire Wokurka che "noi piccoli non dovremmo far dipendere la nostra vita dai grandi. Se vincono soffriamo e se perdono soffriamo anche di più" . Roth con la storia di questa figura di donna semplice esprime molto bene l'ascendente che può avere un conquistatore come Napoleone sul suo popolo,anche se lo fa sognare solo per cento giorni,dopo la fuga dall'Elba fino alla sua disfatta di Waterloo. L'autore esprime con forza la grandezza e la forza dell'imperatore,lo fa descrivendone gli atteggiamenti,i pensieri,la sua divisa,ma nello stesso tempo è abile nel farci sentire la sua solitudine,la nostalgia,il suo senso d'impotenza e di sconfitta mentre lascia la Francia per Sant'Elena su una nave inglese.

    Is this helpful?

    Auta49 said on Feb 27, 2012 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Un Roth malinconico, già propenso a guardare al passato con nostalgia eccessiva e (direi) un po' scontata. Qui si sceglie un protagonista grandissimo (Napoleone) e uno minimo (Angelina) e ne intreccia i destini in un modo che può ricordare Tolstoj. M ...(continue)

    Un Roth malinconico, già propenso a guardare al passato con nostalgia eccessiva e (direi) un po' scontata. Qui si sceglie un protagonista grandissimo (Napoleone) e uno minimo (Angelina) e ne intreccia i destini in un modo che può ricordare Tolstoj. Ma non c'è epica in questo romanzo, piuttosto un senso di decadenza, e anche, forse, un certo compiacimento nel girarsi indietro e dichiarare che tutto è perduto. A Waterloo vediamo solo l'ultimo attacco della Guardia, e poi Napoleone che si aggira, per molte pagine, fra i caduti: Continuamente credeva di dover riconoscere proprio quel morto o quel ferito che era lì fra i suoi piedi. Ahimé, li conosceva tutti, meglio di quanto in quel momento i soldati vivi, in fuga, conoscessero lui. Non il miglior Roth, non il più originale.

    Is this helpful?

    Dani Mela said on Mar 9, 2010 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    amore disinteressato

    J Roth riesce a dare dignità all'amore per Napoleone della semplice e sfortunata serva di corte Angelina Pietri. Parallelamente racconta la caduta dell'imperatore attraverso i sentimenti contrastanti che si intrecciano, sfiorando il delirio, nella su ...(continue)

    J Roth riesce a dare dignità all'amore per Napoleone della semplice e sfortunata serva di corte Angelina Pietri. Parallelamente racconta la caduta dell'imperatore attraverso i sentimenti contrastanti che si intrecciano, sfiorando il delirio, nella sua mente e nel suo cuore.

    Is this helpful?

    gian56 said on Sep 10, 2009 | 2 feedbacks

Book Details

  • Rating:
    (137)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
  • Paperback 224 Pages
  • ISBN-10: 8845911055
  • ISBN-13: 9788845911057
  • Publisher: Adelphi (Biblioteca Adelphi 297)
  • Publish date: 1994-11-01
  • Also available as: Hardcover
Improve_data of this book

Collection with this book