Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I cerchi del Diavolo

By D.F. Lycas

(12)

| eBook | 9788897148968

Like I cerchi del Diavolo ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Torino, si sa, è una città maledetta. Del resto la sua crescita economica è legata a un antico patto che le generazioni passate hanno stipulato con il diavolo: denaro in cambio di una parte della gioventù cittadina destinata alla dannazione.
Da qui p Continue

Torino, si sa, è una città maledetta. Del resto la sua crescita economica è legata a un antico patto che le generazioni passate hanno stipulato con il diavolo: denaro in cambio di una parte della gioventù cittadina destinata alla dannazione.
Da qui prende avvio la storia del diciassettenne Gabriele e della sua compagnia, la Guardinfanti: un gruppo di ragazzi e ragazze che vogliono sacrificare la propria anima a Satana per ottenere le diablerie, i poteri soprannaturali che permettono di evocare tempeste, leggere nel pensiero, mutare aspetto. E tante altre «diavolerie».
Ma poco alla volta la situazione comincia a sfuggire di mano: c’è chi viene sconvolto da terribili visioni infernali, chi si squama come una lucertola, chi si vede spuntare creste tra le scapole.

I ragazzi, sentendosi alle strette, decidono così di ribellarsi, ma per alcuni di loro è troppo tardi: ad aspettarli ormai non c’è che la dannazione eterna.

In un crescendo di eventi inarrestabili e immagini terrificanti, I cerchi del Diavolo è un fantasy italiano travolgente, capace di inchiodare il lettore e di instillargli il dubbio che da sempre ci accompagna: ma il diavolo è davvero tra noi?

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Un horror che traspone ai nostri tempi il classico patto col diavolo, ma con trovate molto originali. Di facile lettura riesce a procurare qualche brivido. Promosso a pieni voti.

    Is this helpful?

    Poline2 said on Mar 20, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Torino è una città dalla fama ambigua: prima capitale d'Italia, sede della Sacra Sindone e vertice di ben due triangoli esoterici, nientemeno che la bocca dell'Inferno si aprirebbe sotto le viscere della città.
    Lo sa bene D.F.Lycas che nel capoluogo ...(continue)

    Torino è una città dalla fama ambigua: prima capitale d'Italia, sede della Sacra Sindone e vertice di ben due triangoli esoterici, nientemeno che la bocca dell'Inferno si aprirebbe sotto le viscere della città.
    Lo sa bene D.F.Lycas che nel capoluogo piemontese ha trovato l'ambientazione ideale per questo suo nuovo horror, una sorta di ballata infernale in cui ogni capitolo rappresenta, un po' come nella Commedia dantesca, un ulteriore passo verso nuovi abissi di dannazione. Protagonisti di questa discesa negli Inferi sono i Guardinfanti, una compagnia di adolescenti che in cambio abilità sovrannaturali (le diablerie, appunto) accettano di consegnare il proprio destino nelle mani del Diavolo. Vittime di un'età in cui si è abituati a sentirsi invincibili e si sogna di essere immortali, essi non si rendono conto di essere solo pedine manovrate da un infido burattinaio che approfitta della loro ingenuità, insieme a coloro che più di ogni altro avrebbero dovuto sapere proteggerli.

    Continua su:
    http://www.lastambergadeilettori.com/2012/07/i-cerchi-d…

    Is this helpful?

    La Stamberga dei Lettori said on Jul 6, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Torino è una città dalla fama ambigua: prima capitale d'Italia, sede della Sacra Sindone e vertice di ben due triangoli esoterici, nientemeno che la bocca dell'Inferno si aprirebbe sotto le viscere della città.
    Lo sa bene D.F.Lycas che nel capoluogo ...(continue)

    Torino è una città dalla fama ambigua: prima capitale d'Italia, sede della Sacra Sindone e vertice di ben due triangoli esoterici, nientemeno che la bocca dell'Inferno si aprirebbe sotto le viscere della città.
    Lo sa bene D.F.Lycas che nel capoluogo piemontese ha trovato l'ambientazione ideale per questo suo nuovo horror, una sorta di ballata infernale in cui ogni capitolo rappresenta, un po' come nella Commedia dantesca, un ulteriore passo verso nuovi abissi di dannazione. Protagonisti di questa discesa negli Inferi sono i Guardinfanti, una compagnia di adolescenti che in cambio abilità sovrannaturali (le diablerie, appunto) accettano di consegnare il proprio destino nelle mani del Diavolo. Vittime di un'età in cui si è abituati a sentirsi invincibili e si sogna di essere immortali, essi non si rendono conto di essere solo pedine manovrate da un infido burattinaio che approfitta della loro ingenuità, insieme a coloro che più di ogni altro avrebbero dovuto sapere proteggerli. Come è spesso accaduto nella Storia, infatti, le generazione più giovani si ritrovano a pagare il debito contratto a loro insaputa prima ancora che nascessero da chi ha avuto maggiormente a cuore il proprio tornaconto personale rispetto ad un'onestà morale poco quantificabile in termini monetari.
    I giovani Guardinfanti, sorta di Dorian Gray "al contrario", pagano sulla propria pelle il prezzo della loro avidità e dell'egoismo altrui: i loro corpi diventano l'inquietante specchio del degrado della loro anima. Emblematica ed agghiacciante è l'ostinata cecità dei genitori dei ragazzi che assistono alla metamorfosi dei loro figli con con sfacciata e colpevole indifferenza, incapaci do comprendere la gravità di ciò che accade sotto i loro occhi. La vicenda è narrata quasi interamente dal punto di vista di Gabriele, il personaggio chiave del gruppo dei dannati, l'unico che non deve pagare per la diableria che gli viene concessa, forse perchè dotato di un'innocenza innata quanto ambigua che lo mantiene in bilico fra dannazione e salvezza. Nel suo racconto si inseriscono saltuariamente le voci degli altri ragazzi del gruppo, piccoli squarci di vuoto esistenziale che in pochi asciutti capoversi mettono efficacemente a nudo le anime degli sfortunati protagonisti. Tutti loro si muovono in una Torino cupa, che mescola indiscriminatamente modernità e tradizione, le cui fattezze si alterano e si contorcono inaspettatamente dando accesso ad una realtà altra e terrificante. L'autore realizza un'ambientazione horror basata su una tensione sempre crescente e inquientanti visioni, dove splatter e banalità non trovano spazio e il lettore rimane con l'occhio incollato alla pagina dalla prima all'ultima parola. Consigliatissimo.

    Is this helpful?

    ♪Valetta♪ said on Jul 6, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'ho divorato in un pomeriggio, Lycas non si smentisce nemmeno quando racconta di patti col diavolo.
    La Torino dei CdD è reale e inquietante, i personaggi che vi si aggirano sono credibili e ben caratterizzati, la tensione resta viva dall'inizio alla ...(continue)

    L'ho divorato in un pomeriggio, Lycas non si smentisce nemmeno quando racconta di patti col diavolo.
    La Torino dei CdD è reale e inquietante, i personaggi che vi si aggirano sono credibili e ben caratterizzati, la tensione resta viva dall'inizio alla fine: impossibile chiudere il libro...ops, il lettore prima di essere arrivati all'epilogo!

    Is this helpful?

    LaPizia said on Mar 12, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Come il Diavolo ci metto la coda

    La copertina, sebbene sia simpatica, restituisce un'idea distorta di quale sia il contenuto dell'opera.
    In quella che dovrebbe essere la quarta di copertina si legge: "In un crescendo di eventi inarrestabili e immagini terrificanti, I cerchi del Di ...(continue)

    La copertina, sebbene sia simpatica, restituisce un'idea distorta di quale sia il contenuto dell'opera.
    In quella che dovrebbe essere la quarta di copertina si legge: "In un crescendo di eventi inarrestabili e immagini terrificanti, I cerchi del Diavolo è un fantasy italiano travolgente, capace di inchiodare il lettore e di instillargli il dubbio che da sempre ci accompagna: ma il diavolo è davvero tra noi?".
    La storia è ambientata in una Torino benestante, la cui crescita economica è legata a un antico patto che le generazioni passate hanno stipulato con il diavolo: denaro in cambio di una parte della gioventù cittadina destinata alla dannazione.
    E' inevitabile dunque che i protagonisti siano tutti adolescenti. Tutti tranne il Diavolo ovviamente, perché lui, beh, diciamo che è un po' più vecchio.
    Da qui prende avvio la storia del diciassettenne Gabriele e della sua compagnia, la Guardinfanti: un gruppo di ragazzi e ragazze che accettano la dannazione per ottenere le diablerie, i poteri soprannaturali. La dannazione però ha un prezzo che si paga non solo nell'anima. I suoi effetti si cominciano a vedere già nel corpo, lo stesso corpo che alcuni, poi, si porteranno fino all'Inferno.

    Il booktrailer del libro è qui: http://tinyurl.com/77wncr6

    Is this helpful?

    Sylas said on Mar 8, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Finalmente un bellissimo horror italiano. Consigliatissimo agli amanti dell'horror .L'autore poi scrive veramente bene. E' solo in ebook ma per leggersi questo libro vale la pena acquistare un reader.

    Is this helpful?

    Angela said on Mar 8, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (12)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 2 stars
  • eBook 337 Pages
  • ISBN-10: 8897148964
  • ISBN-13: 9788897148968
  • Publisher: Ioscrittore
  • Publish date: 2012-02-23
Improve_data of this book

Collection with this book