Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I colori del terrore

Di

4.4
(5)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 120 | Formato: Altri

Isbn-10: 8863980586 | Isbn-13: 9788863980585 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy

Ti piace I colori del terrore?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Romanzo post-apocalittico, dove il crollo è limitato alla Bulgaria e alle nazioni dell'ex blocco sovietico. Vesselinov, professore di filosofia, si trattiene a Sofia per studiare dall'interno gli effe ...continua

    Romanzo post-apocalittico, dove il crollo è limitato alla Bulgaria e alle nazioni dell'ex blocco sovietico. Vesselinov, professore di filosofia, si trattiene a Sofia per studiare dall'interno gli effetti della dissoluzione dello Stato. Quando la situazione si fa insostenibile, decide di intraprendere un viaggio verso al frontiera, insieme al figlio e a un ex calciatore. Scritto nel '95, è uno scritto inquadrabile nel periodo di transizione e incertezze successive alla caduta del regime. Ci sono gli incubi, ma non è un horror. Scritta molto bene la prima metà, meno forte nella seconda (escluso il finale), in cui soffre di alcune scelte un po' estemporanee. Da leggere se non altro come lascito di un'epoca difficile per l'Europa dell'est, e per distanziarsi un po' dai soliti autori di genere nordamericani.

    ha scritto il 

  • 4

    "Lo sai qual è il primo segnale di degrado della personalità?", chiese a Diljanov e subito aggiunse da solo: "Quando uno va a cacare e si dimentica di pulirsi il culo. Ecco perché siamo nella merda fi ...continua

    "Lo sai qual è il primo segnale di degrado della personalità?", chiese a Diljanov e subito aggiunse da solo: "Quando uno va a cacare e si dimentica di pulirsi il culo. Ecco perché siamo nella merda fino al collo. Non nella merda degli altri, nella nostra."

    ha scritto il