Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I conti con il passato

Vendetta, amnistia, giustizia

Di

Editore: Feltrinelli (Campi del sapere)

0.0
(0)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 219 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807104733 | Isbn-13: 9788807104732 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Ti piace I conti con il passato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La ricerca di una via d'uscita negoziata dai regimi oppressivi o dalle guerre civili del passato è diventata una delle preoccupazioni prioritarie della politica, interna e internazionale, in età contemporanea. Non è sempre stato così. Di norma, nella storia, alla fine di periodi di convulsione erano parse percorribili solo due strade opposte: la brutale resa dei conti, cioè la vendetta, oppure l'oblio e l'amnistia, vale a dire la clemenza. Ai quattro angoli del mondo le ultime generazioni hanno sempre più spesso fatto esperienza di altre modalità di chiusura dei conti con il passato: quella della via giudiziaria dei processi penali internazionali, indirizzati a punire i maggiori responsabili di crimini e violenze indiscriminate, e quella delle commissioni verità e riconciliazione, che, facendo luce sulle varie forme di "macrocriminalità di stato", dovrebbero creare le condizioni per il ristabilimento di quel minimo di reciproca fiducia necessaria alla convivenza civile. L'alternativa tra il chiudere i conti con il passato senza averli fatti e il fare i conti con il passato senza mai chiuderli incombe così sempre sui processi di transizione, alimentando tanto l'assunzione morale di responsabilità collettive quanto la politicizzazione della memoria.
Ordina per
  • 0

    DI FRANCESCO MAZZUCCHELLI


    Questo documentatissimo ma agile lavoro di Pier Paolo Portinaro fornisce una esauriente introduzione a quella che è diventata oggi una delle questioni più pressanti della politica interna e internazionale: come trovare una via d’uscita, condivisibile giuridicament ...continua

    DI FRANCESCO MAZZUCCHELLI

    Questo documentatissimo ma agile lavoro di Pier Paolo Portinaro fornisce una esauriente introduzione a quella che è diventata oggi una delle questioni più pressanti della politica interna e internazionale: come trovare una via d’uscita, condivisibile giuridicamente, politicamente e socialmente, da una guerra civile o da un regime totalitario? Come ricomporre le divisioni, gli odi ancora vivi, le memorie contrastanti e le spinte alla dimenticanza che caratterizzano ogni fase di post-conflitto? E, soprattutto, può questa fase di ricomposizione e riconciliazione, che deve pur tener conto di esigenze di risarcimenti e di accertamenti di responsabilità, essere delegata interamente allo strumento giudiziario?

    Il primo punto che Portinaro ci fa notare è che, storicamente, la “via negoziale” non è mai stata la norma: sia in età antica che moderna, i “conti con il passato” prendevano la forma o di una radicale “resa dei conti” (una vendetta sistematicamente perseguita contro i rappresentanti del vecchio regime) o di un “oblio” più o meno negoziato (sotto forma di amnistia, di damnatio memoriae o di vero e proprio “divieto di ricordare”, il me mnesikakein). È solo a partire dal XX secolo che si comincia a prospettare una via giudiziaria di uscita dal passato, che ha preso sostanzialmente due direzioni: quella del processo internazionale e quella della Commissione verità e riconciliazione.

    continua su http://centrotrame.wordpress.com/2012/02/11/i-conti-con-il-passato-un-libro-di-pier-paolo-portinaro/#more-1953

    ha scritto il