I costruttori di Orbitsville

Cosmo Argento 225

Di

Editore: Nord (Cosmo. Collana di fantascienza)

3.6
(10)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 245 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8842902276 | Isbn-13: 9788842902270 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Alessandro Zabini ; Illustrazione di copertina: Alan Clark

Genere: Fantascienza & Fantasy

Ti piace I costruttori di Orbitsville?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Nota:
il codice ISBN è stato assegnato a posteriori dalla casa editrice, a partire da giugno 1993, e si riferisce alla prima edizione e a tutte le successive ristampe.
Ordina per
  • 4

    E' il terzo volume della saga di Orbitsville e, al contrario del precedente (Ritorno a Orbitsville), è tutto ambientato su Big O (questo è il nome della sfera datole dagli abitanti). Qualcosa è succes ...continua

    E' il terzo volume della saga di Orbitsville e, al contrario del precedente (Ritorno a Orbitsville), è tutto ambientato su Big O (questo è il nome della sfera datole dagli abitanti). Qualcosa è successo a Orbitsville alla fine dello scorso volume, e chi era fuori se n'è accorto. Ma chi era dentro? L'eroe di questo romanzo è un personaggio negativo (non cattivo, direi piuttosto "maledetto"), almeno per gran parte del racconto. Qui le note pruriginose aumentano, aumentano le donne, e si conclude la trilogia.

    ha scritto il 

  • 3

    Non avendo letto i primi due libri della trilogia non posso esprimere un giudizio completo. Diciamo che, avendo letto questo, non sono intenzionato a leggere i due precedenti.
    FS di stile un pò "anni 3 ...continua

    Non avendo letto i primi due libri della trilogia non posso esprimere un giudizio completo. Diciamo che, avendo letto questo, non sono intenzionato a leggere i due precedenti.
    FS di stile un pò "anni 30", tutta battutine e banali "lezioni di vita", tra il facile ed il facilone: alla fine non mi pare che abbia lasciato nulla dentro di me.

    ha scritto il