Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I delitti di Alleghe

Di ,

Editore: Becco Giallo

3.3
(36)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 144 | Formato: Altri

Isbn-10: 8885832113 | Isbn-13: 9788885832114 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , History , Mystery & Thrillers

Ti piace I delitti di Alleghe?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Alleghe, un piccolo villaggio di montagna in provincia di Belluno. Maggio 1933. Il corpo di una giovane cameriera viene rinvenuto con la carotide recisa nella camera di un albergo del paese. Per il medico condotto e gli ufficiali di polizia si tratta di suicidio. Motivi d'amore, sostengono gli inquirenti. Dicembre 1933. Il corpo senza vita di una giovane sposa galleggia nelle acque del lago. Ancora un suicidio, dice il medico condotto. Novembre 1946. Due coniugi vengono uccisi a colpi di rivoltella sulla stradina che li conduce a casa. Alla donna manca la borsa con l'incasso della giornata. Agguato a scopo di rapina, è la conclusione degli inquirenti. In paese, però, c'è chi mormora un'altra verità.
Ordina per
  • 1

    Uno dei peggiori fumetti che abbia mai letto: impostato malissimo, si fa fatica a identificare i personaggi e a comprendere i salti nel tempo e nei luoghi. Più si va avanti, meno si capisce. L'unica cosa decente è la cronologia del fatto di cronaca alla fine del libro, ma ormai è passata anche la ...continua

    Uno dei peggiori fumetti che abbia mai letto: impostato malissimo, si fa fatica a identificare i personaggi e a comprendere i salti nel tempo e nei luoghi. Più si va avanti, meno si capisce. L'unica cosa decente è la cronologia del fatto di cronaca alla fine del libro, ma ormai è passata anche la voglia di comprendere o di approfondire la vicenda.

    ha scritto il 

  • 2

    Una brutta parola

    Credo sia per via della lingua, che non mi è piaciuto.
    Credo perché io sono di quelle parti, e al mio dialetto gli voglio un bene feroce. Roba che mi commuovo quando in treno riconosco i paesani dal modo in cui si scambiano il saluto, o che ancora non riesco a capire come la mia amica di Mo ...continua

    Credo sia per via della lingua, che non mi è piaciuto.
    Credo perché io sono di quelle parti, e al mio dialetto gli voglio un bene feroce. Roba che mi commuovo quando in treno riconosco i paesani dal modo in cui si scambiano il saluto, o che ancora non riesco a capire come la mia amica di Modena possa continuare a chiamare "mona" il suo moroso che di cognome fa Monari. Mona è una brutta parola, e basta.

    Qui il mio dialetto, le piere, le sponde, le rive, le crode (tutte cose che sanno di montagna) sbiadiscono, vengono domate nella sintassi dell'italiano, dalla costruzione della frase che non è quella che si userebbe con il dialetto.
    Come un figlio unico in una classe di fratelli.

    E poi io lo so, so anche come parlano i bellunesi quando parlano italiano, che non son capaci di costruire la frase e inciampano...mai sentito un bellunese usare il passato remoto, in tanti anni di frequentazioni, ad esempio.

    Allora dice, è un romanzo a fumetti, guarda le figure.

    Sì, ma non si capisce perché a tavole contemporanee, decise, con i tratti tondi quasi orientali ne seguano alcune nere, buie e tutte con un tono greve, anche i paesaggi. Certo, dice, si parla di delitti, vuoi mica che fanno i fiorellini e gli uccellini che cinguettano?

    No, per carità, ma i morti sono parte della storia di quel paese, parte di Alleghe e non si può pensare che Alleghe sia stato, per trent'anni un paese in bianco e nero.

    Dice: allora segui la trama, dai! Ben io ci provo pure, ma se ogni tre per due c'è un salto nel tempo, a me mi viene il torgolon e quasi da vomitare, se la scena non si ferma per più di due pagine.
    Dice: guarda che c'era scritto che per capire meglio il libro dovevi aver visto prima Lucarelli, dovevi aver letto prima qualcosa di Saviane, insomma. Eh, ho capito, ma se per seguire la trama prima devo vedere un film o leggere un altro libro, ben, allora a me questo libro a cosa mi serve?

    A riportarlo in biblioteca.

    ha scritto il 

  • 3

    Una lettura d'atmosfera. Il clima, il periodo storico, le dinamiche di paese sono molto ben rese, tanto che sembra di essere lì, in quei luoghi e in quei tempi. Per quanto riguarda la vicenda in sè, è un po' difficile star dietro al suo sviluppo se si affronta questa lettura senza aver mai sentit ...continua

    Una lettura d'atmosfera. Il clima, il periodo storico, le dinamiche di paese sono molto ben rese, tanto che sembra di essere lì, in quei luoghi e in quei tempi. Per quanto riguarda la vicenda in sè, è un po' difficile star dietro al suo sviluppo se si affronta questa lettura senza aver mai sentito parlare dei delitti di Alleghe. Consiglio pre-lettura: guardare la puntata di "Blu Notte", di Lucarelli, dedicata appunto ai "Misteri di Alleghe"

    ha scritto il 

  • 4

    Gustosa riduzione a fumetti dell'inchiesta di Saviane sui delitti di Alleghe. Non è sempre semplice seguire la storia, per questo motivo è caldamente consigliato l'aver prima letto altra documentazione sulla vicenda (a partire proprio dal libro di Saviane). O quantomeno aver visto la storica punt ...continua

    Gustosa riduzione a fumetti dell'inchiesta di Saviane sui delitti di Alleghe. Non è sempre semplice seguire la storia, per questo motivo è caldamente consigliato l'aver prima letto altra documentazione sulla vicenda (a partire proprio dal libro di Saviane). O quantomeno aver visto la storica puntata di Lucarelli (Misteri in blu) dedicata ai morti di Alleghe.

    ha scritto il 

  • 3

    Romanzo a fumetti che descrive una serie di misteriosi delitti avvenuti ad Alleghe a cavallo della seconda guerra mondiale. É sceneggiato benissimo, con continui salti dal passato al presente (il momento dell'indagine risolutiva, alla fine degli anni '50). Anche il tratto del disegno cambia a sec ...continua

    Romanzo a fumetti che descrive una serie di misteriosi delitti avvenuti ad Alleghe a cavallo della seconda guerra mondiale. É sceneggiato benissimo, con continui salti dal passato al presente (il momento dell'indagine risolutiva, alla fine degli anni '50). Anche il tratto del disegno cambia a secondo del momento e quello del tempo dei delitti é piú cupo e sfocato. Una storia vera e molto ben raccontata per immagini.

    ha scritto il 

  • 0

    RECENSIONE

    Come a voler presentare un manifesto di solida vitalità, la casa editrice Becco Giallo esordisce con una collana di romanzi a fumetti di stampo cronachistico, 'Cronaca nera', presentando con coraggio un genere di fumetto ben poco diffuso in Italia. (Ettore Gabrielli)
    http://www.lospaziobianc ...continua

    Come a voler presentare un manifesto di solida vitalità, la casa editrice Becco Giallo esordisce con una collana di romanzi a fumetti di stampo cronachistico, 'Cronaca nera', presentando con coraggio un genere di fumetto ben poco diffuso in Italia. (Ettore Gabrielli)
    http://www.lospaziobianco.it/2581

    ha scritto il