I diavoli della Zisa

Di

Editore: Leone

3.6
(31)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 80 | Formato: Tascabile economico

Isbn-10: 8863930112 | Isbn-13: 9788863930115 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Mistero & Gialli

Ti piace I diavoli della Zisa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
"Si racconta che un preziosissimo tesoro è sepolto qui, in questo palazzo. Nessuno può calcolare il numero dei demoni dipinti nell'affresco, così come sono innumerevoli i denari del tesoro. Contare i diavoli della Zisa porta sfortuna, o almeno così narra la leggenda". Palermo, XIV secolo: re Pietro II s'innamora perdutamente della splendida contessina Bianca. La ragazza è però la figlia del conte di Ventimiglia, nemico giurato del sovrano. Mentre i due amanti consumano la loro passione proibita nel castello della Zisa, l'ombra di una sanguinosa congiura si allunga sulla Corona di Sicilia. Palermo, XXI secolo: il sepolcro di Federico II viene aperto da un'equipe di giovani scienziati. Nella tomba vengono rinvenuti anche il feretro di Pietro II e il corpo di un terzo individuo sconosciuto. Un noir carico di violenza, silenzi e segreti; la storia di un antico intrigo su cui la moderna scienza tenta di fare luce.
Ordina per
  • 3

    Uno fra i libri più piacevoli di questa collana tutt'altro che esaltante. Due giovani indagano su un mistero vecchio di sette secoli. Una storia d'amore e di passione ambientata a Palermo fra il re Pi ...continua

    Uno fra i libri più piacevoli di questa collana tutt'altro che esaltante. Due giovani indagano su un mistero vecchio di sette secoli. Una storia d'amore e di passione ambientata a Palermo fra il re Pietro II e Bianca, bellissima ragazza muta figlia del conte di Ventimiglia, acerrimo nemico del re. Quando nel XXI secolo i giovani alla guida di una equipe aprono il sepolcro di Federico II, oltre al suo cadavere trovano quello di Pietro II e un terzo corpo, sconosciuto, su cui c'è un mistero che i due provano a risolvere. Si legge velocemente ma coinvolge molto.

    ha scritto il 

  • 3

    Luca Filippi è sempre bravo

    Però la storia è proprio un po' troppo riassunta. Luca, in queste poche pagine, crea una trama intrigante, con abilità.
    Peccato per il poco spazio.

    ha scritto il 

  • 3

    Una lettura istruttiva, con leggerezza

    Bello quest'incontro con I davoli della Zisa e con il suo autore Luca Filippi.
    La storia scorre su un doppio binario.
    Quello storico è ambientato a Palermo nel XIV secolo. Dal modo di raccontare s'int ...continua

    Bello quest'incontro con I davoli della Zisa e con il suo autore Luca Filippi.
    La storia scorre su un doppio binario.
    Quello storico è ambientato a Palermo nel XIV secolo. Dal modo di raccontare s'intuisce che l'autore porta un grande rispetto al passato, ne sa leggere i tratti salienti, con passione e anche con una sorta d'incantato riserbo. Attraverso le vestigia della città, scopre il velo del tempo e riporta alla memoria non solo i fatti, anche le ambientazioni, l'emozioni e gli affetti, che sempre fanno la differenza, dànno colore e significato agli eventi collettivi. Al centro della narrazione, il palazzo della Zisa con la leggenda che lo vuole intriso di sventura, dove si consuma la congiura ai dànni di Re Pietro e della contessina Bianca, sua amata. Qui l'amore per l'arte e l'ammirazione per la città fanno da padroni. Lo stile dell'autore è denso e terso, immaginifico, eppure mai pesante, mai tentato dallo spreco dell'erudizione.
    Poi, la vicenda attuale: Fausto Eleuteri e Alessandra Gabelli lavorano in team per recuperare un frammento di verità archeologica, affaticandosi intorno al sepolcro di Federico II, con un'indagine che tenta di sfruttare le ultime tecnologie.
    Questa seconda parte mi è sembrata meno sicura, come se l'autore si trattenesse da darle pieno sviluppo; i personaggi anche se ben strutturati rimangono sullo sfondo della scena, senz' acquistare una vera centralità.
    Mi riservo di leggere ancora altro di quest'autore. Penso che ne abbia, di cose da dire. Il suo talento è come sostenuto da una propria visione dell'arte dello scrivere. Un fatto non proprio comune di questi tempi, tempi duri e scriteriati per la riflessione interiore.

    ha scritto il 

  • 4

    racconto scorrevole sulla storia vera o presunta di Bianca d'altavilla, giovane donna angelica di rara bellezz, purtroppo sensa il dono della parola, che si scopre innamorata del suo re e amante del ...continua

    racconto scorrevole sulla storia vera o presunta di Bianca d'altavilla, giovane donna angelica di rara bellezz, purtroppo sensa il dono della parola, che si scopre innamorata del suo re e amante del Re di Pietro d'Aragagona, una storia che finirà nel sangue con la morte dei due amanti, sotto le ignare trame del padre e la perfidia dello zio, che ambiva a diventare re.....favola o realtà!

    ha scritto il 

  • 0

    Personale - Cortoromanzi - Romanzo contemporaneo - Romanzo italiano - I diavoli della Zisa

    Personale - Cortoromanzi - Romanzo contemporaneo - Romanzo italiano - I diavoli della Zisa

    ha scritto il 

  • 4

    * illeggibile
    ** insufficiente
    *** sufficiente
    **** discreto
    ***** BELLO
    ******ottimo
    ******* capolavoro

    mi sono sempre piaciuti i romanzi a fondo storico la cui trama si svolge su più piani tempora ...continua

    * illeggibile
    ** insufficiente
    *** sufficiente
    **** discreto
    ***** BELLO
    ******ottimo
    ******* capolavoro

    mi sono sempre piaciuti i romanzi a fondo storico la cui trama si svolge su più piani temporali diversi. Questo romanzo breve di Filippi non smentisce i miei gusti.

    ha scritto il 

  • 3

    E' un Luca Filippi un po' "acerbo" che ci regala una intrigante ipotesi storica, un po' troppo "condensata" in un romanzo che, nelle forme del romanzo breve, non sembra avere abbastanza respiro per di ...continua

    E' un Luca Filippi un po' "acerbo" che ci regala una intrigante ipotesi storica, un po' troppo "condensata" in un romanzo che, nelle forme del romanzo breve, non sembra avere abbastanza respiro per dispiegarsi compiutamente. Mi piacciono molto di più i romanzi successivi, più maturi e appassionanti. Leggetevi "L'arcano della papessa" e "Sangue giudeo" ;-)

    ha scritto il 

  • 4

    Cortoromanzo noir-storico

    E' la storia di un antico intrigo di corte su cui la scienza cerca di far luce. Molto carino... Ora sono alla ricerca de "L'arcano della Papessa - Intrigo alla corte dei Borgia", vista la bravura dell ...continua

    E' la storia di un antico intrigo di corte su cui la scienza cerca di far luce. Molto carino... Ora sono alla ricerca de "L'arcano della Papessa - Intrigo alla corte dei Borgia", vista la bravura dell'autore.

    ha scritto il