I dispiaceri del vero poliziotto

Voto medio di 203
| 53 contributi totali di cui 47 recensioni , 6 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Il sogno di ogni vero lettore non è forse di ritrovare, anche solo per poco, i personaggi di un libro che ha appassionatamente amato? Ebbene, lo vedrà realizzarsi, per la prima volta, in questo romanzo, dove riappaiono alcuni dei personaggi di ... Continua
Ha scritto il 25/07/17
Stiamo solo sognando.
Ora chi si prenderà cura di tutti questi destini “(…) nel furibondo e moribondo paese delle lettere”?La tertulia e la mimosa spinosa, soprattutto la catafora.Qualche tempo fa uno sconosciuto mi ha scritto. Mi ha chiesto: Perché parli tanto ..." Continua...
  • 6 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 12/06/17
Oppressione e Poesia
Non il miglior Bolaño, ma forse uno dei suoi romanzi più misteriosi, impenetrabili. Spesso, ho avuto l'impressione che questo non fosse altro che la collezione di note più o meno casuali prese dal Cileno durante la preparazione di 2666 - note che ..." Continua...
  • 1 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 31/08/15
La truffa dello stile e i polizieschi che si risolvono in fuga. Una miniatura di 2666.
  • 2 mi piace
  • Rispondi
Ha scritto il 15/06/15
EL LUGAR DEL AMOR
Ho finito oggi pomeriggio, verso sera. Da ieri è freddissimo, ci sono albe e tramonti così secchi e glaciali. Mattine di vetro, così pulite, nette, precise. I contorni delle cose sono più affilati di luce ed è bellissimo leggere così. Leggere ..." Continua...
  • 13 mi piace
  • 2 commenti
  • Rispondi
Ha scritto il 28/05/15
Di come la vita promette molto a molti, e non mantiene con nessuno.Di come è passato il tempo in cui “stare svegli voleva dire sognare”, e di come il sonno riserva ormai solo incubi.Di come la vita dispensa sorprese, e tranelli, e inganni e ..." Continua...
  • 21 mi piace
  • 10 commenti
  • Rispondi

Ha scritto il Mar 08, 2016, 15:09
Una volta, dopo aver discusso con Castillo dell'identità peregrina dell'arte, Amalfitano gli raccontò una storia che aveva sentito a Barcellona. La storia riguardava una recluta della Divisione Blu spagnola che aveva combattuto nella seconda ... Continua...
  • Rispondi
Ha scritto il Jul 22, 2012, 19:10
E cos’è che impararono gli allievi di Amalfitano? Impararono a recitare a voce alta. Mandarono a memoria le due o tre poesie che più amavano per ricordarle e recitarle nei momenti opportuni: funerali, nozze, solitudini. Capirono che un libro era ... Continua...
Pag. 137
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 23, 2012, 07:01
http://www.quarterlyconversation.com/TQC_8/art/triangle.jpg
Pag. 2666
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 15, 2012, 16:45
...Capirono che un libro era un labirinto e un deserto. Che la cosa più importante al mondo era leggere e viaggiare, forse la stessa cosa, senza fermarsi mai. Che una volta letti gli scrittori uscivano dall'anima delle pietre, che era dove vivevano ... Continua...
Pag. 137
  • 1 commento
  • Rispondi
Ha scritto il Jan 15, 2012, 11:05
Per Padilla, ricordava Amalfitano, la letteratura era eterosessuale, omosessuale e bisessuale. I romanzi, in genere, erano eterosessuali. La poesia, invece, era assolutamente omosessuale. Nel suo immenso oceano distingueva varie correnti: frocioni, ... Continua...
Pag. 19
  • 1 mi piace
  • 3 commenti
  • Rispondi

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi