Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I dolori del giovane Werther

Di

Editore: Rizzoli (I classici della BUR)

3.4
(5)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 188 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Tedesco , Chi tradizionale , Chi semplificata , Portoghese , Inglese , Francese , Spagnolo , Catalano , Turco , Finlandese , Polacco

Isbn-10: A000025943 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: Piero Bianconi ; Prefazione: Silvana De Lugnani

Disponibile anche come: Paperback , Altri , Copertina rigida , Copertina morbida e spillati , Rilegato in pelle , eBook

Genere: Family, Sex & Relationships , Fiction & Literature , Philosophy

Ti piace I dolori del giovane Werther?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
2. ed. con una nuova introduzione
Ordina per
  • 4

    Povero Werther, un amore così puro finito così male, un animo così profondo distrutto dal dolore, tutto questo tempo sprecato dietro a una donna che non avrà mai. Nonostante la sdolcinatezza di ...continua

    Povero Werther, un amore così puro finito così male, un animo così profondo distrutto dal dolore, tutto questo tempo sprecato dietro a una donna che non avrà mai. Nonostante la sdolcinatezza di alcuni punti non ho potuto fare a meno di provare una pena infinita per il giovane Werther, e di soffrire insieme a lui. Poche anime in questo facile mondo moderno possono capirti, amico mio, e io, ahimé, sono una di queste.

    ha scritto il 

  • 1

    Spero di non ferire l'animo di nessuno con il mio umile e personalissimo parere su questo libro. In una sola parola lo definisco " penoso ", di una noia mortale, ripetitivo, non interessante, ...continua

    Spero di non ferire l'animo di nessuno con il mio umile e personalissimo parere su questo libro. In una sola parola lo definisco " penoso ", di una noia mortale, ripetitivo, non interessante, banalissimo, scontato. Non mi ha legato alle pagine neanche un po', non mi ha creato curiosità e soprattutto non mi ha emozionato per niente.

    ha scritto il