I duellanti

Di

Editore: E/O

4.0
(592)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 112 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 887641195X | Isbn-13: 9788876411953 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: L. Gandi

Disponibile anche come: Tascabile economico , Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Scienze Sociali

Ti piace I duellanti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    (Grazie Nonno)

    Tra i grandi spartiacque che dividono il genere umano, uno dei miei preferiti è quello tra chi sta con Feraud e chi sta con D'Hubert, tertium non datur...anzi sì: stare con "Mastro" Conrad che li part ...continua

    Tra i grandi spartiacque che dividono il genere umano, uno dei miei preferiti è quello tra chi sta con Feraud e chi sta con D'Hubert, tertium non datur...anzi sì: stare con "Mastro" Conrad che li partorì e, da genitore, li amava entrambi.

    ha scritto il 

  • 4

    Un gioiello concluso in se stesso, non manca una parola, non ce n'è una di troppo. Piccola storia miserabile di gloria e ignominia. Due caratteri che si stagliano come giganti dimenticati, nella macin ...continua

    Un gioiello concluso in se stesso, non manca una parola, non ce n'è una di troppo. Piccola storia miserabile di gloria e ignominia. Due caratteri che si stagliano come giganti dimenticati, nella macina della borghesia trionfante, dopo la sconfitta definitiva dell'Empereur.

    ha scritto il 

  • 4

    Due uomini, uno focoso, l'altro più razionale. E' attraverso gli occhi di quest'ultimo che viene raccontata la storia di quest'infinita contesa che coinvolge due soldati dell'esercito napoleonico. La ...continua

    Due uomini, uno focoso, l'altro più razionale. E' attraverso gli occhi di quest'ultimo che viene raccontata la storia di quest'infinita contesa che coinvolge due soldati dell'esercito napoleonico. La storia (quella con la S maiuscola, con ascesa e caduta di Napoleone) va avanti e anche le loro vite private (per lo meno quella del più razionale dei due), ma l'esigenza di risolvere una futile questione con un duello rimane e si ripresenta più volte, anche quando ormai non ha più senso di esistere.
    Il romanzo è molto bello, soprattutto nel modo in cui è tratteggiata la psicologia di D'Hubert (la voce narrante), Feraud invece, il guascone focoso, è poco più di una caricatura, ma è anche la molla che fa andare avanti la storia. Lo consiglio.

    ha scritto il 

  • 5

    “Nessuno riesce in tutto quello che intraprende; in questo siamo tutti dei falliti. L’essenziale è di non fallire nel dirigere e sostenere lo sforzo della nostra vita”.

    E’ davvero difficile stabilire un vincitore tra la trasposizione cinematografica di Ridley Scott e l’opera letteraria di Joseph Conrad. E’ davvero un bel duello, proprio come quello che dà vita alle d ...continua

    E’ davvero difficile stabilire un vincitore tra la trasposizione cinematografica di Ridley Scott e l’opera letteraria di Joseph Conrad. E’ davvero un bel duello, proprio come quello che dà vita alle due opere…
    Il film di Scott è qualcosa di visivamente meraviglioso(le nebbiose atmosfere boreali prima del duello, gli splendidi costumi, la splendida interpretazione del grandissimo Harvey Keitel), ma il racconto di Conrad lo è altrettanto, un racconto freddo, elegante, corposo, con magnifiche descrizioni, fatte di brevi elementi ma che colpiscono nel profondo, un racconto dritto e tagliente come un rasoio ben affilato, un intreccio perfetto con tanta azione, ironia e tanti personaggi.
    Un duello infinito tra due uomini completamente diversi tra loro, un duello che sarà anche occasione per ricostruirsi una propria vita e una propria identità.
    Non so veramente decidere chi tra i due sia il migliore…l’unico consiglio che posso dare è di goderseli entrambi, in contemporanea…
    Conrad si rivela ancora una volta uno dei più grandi autori del secolo appena trascorso.

    ha scritto il 

  • 5

    J.Conrad "I duellanti": Magico Conrad. Potrei finire qui. Due vite che corrono parallele, un duello che dura una vita, che l'alimenta. E sullo sfondo la storia d'Europa nel periodo pre e post napoleon ...continua

    J.Conrad "I duellanti": Magico Conrad. Potrei finire qui. Due vite che corrono parallele, un duello che dura una vita, che l'alimenta. E sullo sfondo la storia d'Europa nel periodo pre e post napoleonico. Due ufficiali di cavalleria che con caratteri e storie diverse si scontrano e confrontano senza soluzione di continuità. L'assurdità della guerra e l'impossibilità per l'uomo di superare quel modo primitivo di dirimere le controversie. L'autore isola i duellanti e ne fa il simbolo di questa pazza umanità, sempre pronta a farsi del male. Un racconto estremamente attuale che consiglierei di leggere a molti ... O no?

    ha scritto il 

  • 4

    Insomma, non è certo "Cuore di tenebra".
    Però che prosa, che ritmo, che testa che aveva anche quest'uomo.
    Purtroppo mentre lo leggevo non riuscivo a togliermi dalla testa il meraviglioso film di Scott ...continua

    Insomma, non è certo "Cuore di tenebra".
    Però che prosa, che ritmo, che testa che aveva anche quest'uomo.
    Purtroppo mentre lo leggevo non riuscivo a togliermi dalla testa il meraviglioso film di Scott, e questo è forse uno di quei casi in cui posso dire che il film è meglio del libro; o quanto meno che il film rende giustizia a quello che è un bellissimo romanzo breve (o racconto lungo, decida chi di dovere).

    ha scritto il 

  • 4

    Esiste un'edizione di questo racconto lungo che riporta, a complemento del titolo, la dicitura: "Una storia di onore e follia". Ebbene, mai sottotitolo fu più appropriato. La singolare oscurità della ...continua

    Esiste un'edizione di questo racconto lungo che riporta, a complemento del titolo, la dicitura: "Una storia di onore e follia". Ebbene, mai sottotitolo fu più appropriato. La singolare oscurità della penna di Conrad applicata all'epoca napoleonica, questo è "I duellanti". Non poteva che venirne fuori una vera perla.

    ha scritto il 

  • 4

    Ben scritto,riesce in poche pagine,ad affrescare una epoca ed i suoi uomini,a tipizzarne l'interiorità e a mostrarne le debolezze ed i punti di forza che pur anacronistici,suscitano interesse per lett ...continua

    Ben scritto,riesce in poche pagine,ad affrescare una epoca ed i suoi uomini,a tipizzarne l'interiorità e a mostrarne le debolezze ed i punti di forza che pur anacronistici,suscitano interesse per lettori figli di un tempo in cui tutto è relativo.

    ha scritto il 

  • 4

    Incontri e scontri di due soldati molto diversi tra loro, simboli di qualcos'altro, antitetici ma, difficilmente separabili. Sullo sfondo del mondo napoleonico si affrontano in un duello che riprendon ...continua

    Incontri e scontri di due soldati molto diversi tra loro, simboli di qualcos'altro, antitetici ma, difficilmente separabili. Sullo sfondo del mondo napoleonico si affrontano in un duello che riprendono, a tratti, per tutta una vita.

    Molto interessante. Ben scritto, ricco di un simbolismo che traspare man mano. Stile semplice, diretto.

    ha scritto il 

Ordina per