Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I figli del capitano Grant

Nuovi bestseller - I classici per ragazzi

Di

Editore: Malipiero

3.8
(485)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 155 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Francese , Inglese , Lettone , Catalano

Isbn-10: A000015276 | Data di pubblicazione: 

Illustratore o Matitista: Walter Aquenza ; Adattatore: M. Carboni ; Illustrazione di copertina: A. Picco

Disponibile anche come: Altri , Paperback , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati

Genere: Fiction & Literature , Sports, Outdoors & Adventure , Travel

Ti piace I figli del capitano Grant?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Adattamento di M. CarboniIllustrazioni di Walter Aquenza
Ordina per
  • 4

    Incalzante

    Pensate ad uno squalo martello martello che inghiotte una bottiglia contenente una richiesta di soccorso nell’emisfero Australe, bene, secondo voi il messaggio è andato perso? Signori no, stiamo parla ...continua

    Pensate ad uno squalo martello martello che inghiotte una bottiglia contenente una richiesta di soccorso nell’emisfero Australe, bene, secondo voi il messaggio è andato perso? Signori no, stiamo parlando di Verne! Quindi è normale che la bottiglia con l’S.o.s. verrà pescata nell’emisfero Boreale, e più precisamente in Scozia, paese di provenienza dei naufraghi, e più precisamente da un certo Lord Glenarvan che gli abita vicino e conosce di fama il Capitano Grant , emissario della richiesta di soccorso! Insomma, se non è fantascienza questa! Ma ricordiamoci che stiamo parlando di Verne! Lo straordinario evento sarà prerogativa di un incredibile caccia all’uomo, solcando oceani, sfidando burrasche, eruzioni vulcaniche,terremoti, inondazioni bibliche,bestie feroci, popolazioni sanguinarie e cannibali, una serie interminabile di rocambolesche peripezie di cui non si riesce a scorgere il traguardo. Ovviamente non manca la nozionistica, il caro Giulio non lasciava niente al caso, allora tra una avventura e l’altra, con l’ausilio del Professor Paganel ,scopriremo specie vegetali ed animali, nozioni geografiche, usi e costumi di popolazioni aborigene selvagge. A volte può indisporci constatare che per quanto le cose sembrano andar male, anzi peggio, piove sempre dal cielo una fortunosa e fatidica via di salvezza! Suvvia!! Magari avremmo voluto anche che i protagonisti dimostrassero qualche debolezza etica, che fossero insomma più umani, verosimili. Ma forse è proprio in quest’ultimo aspetto che sta la vera fantascienza di Verne, l’assoluta fiducia nell’uomo, nel suo senso di giustizia e moralità, e coadiuvato dalla tecnica, la totale applicazione nel perseguire un risultato altruistico e solidale. Insomma un capolavoro del romanzo d’avventura, dal ritmo incalzante, con una prosa schietta e diretta, istruttivo, coinvolgente e ricco di buoni propositi. Consigliato.

    ha scritto il 

  • 3

    Oh che bel romanzone di avventure!

    Una fantasia incredibile, una rassegna delle scoperte geografiche fino a metà Ottocento, personaggi un po' stereotipati, ma la figura del geografo francese Paganel non si dimentica più.
    Dai, fatelo l ...continua

    Una fantasia incredibile, una rassegna delle scoperte geografiche fino a metà Ottocento, personaggi un po' stereotipati, ma la figura del geografo francese Paganel non si dimentica più.
    Dai, fatelo leggere ai ragazzi aiutandoli a seguire il viaggio su Google Earth. Si accorgeranno così quanto il mondo sia cambiato in 150 anni, e come è cambiato, e perchè, a partire dalla scomparsa dell'impero coloniale inglese. Secondo me potrebbe essere una divertentissima lezione che unisce letteratura, storia e geografia, almeno a partire dai 13 anni in su.

    ha scritto il 

  • 3

    tre stelle solo perchè il resto della trilogia è spettacolare. quest'opera a me appare un po' scialba, in particolare i personaggi li trovo un po' piatti e stereotipati

    ha scritto il 

  • 3

    Classico dell’avventura. I due figli del capitano, Mary e Robert, trovato il classico messaggio in una bottiglia, sono convinti, contro ogni probabilità, che il padre naufragato con la sua nave, sia a ...continua

    Classico dell’avventura. I due figli del capitano, Mary e Robert, trovato il classico messaggio in una bottiglia, sono convinti, contro ogni probabilità, che il padre naufragato con la sua nave, sia ancora vivo. Ovviamente il msg è incompleto (altrimenti sarebbe troppo facile): c’è solo la latitudine.
    Convinto il padrone di uno yacht a iniziare la ricerca .. si parte. Siamo in un’epoca senza documentari naturalistici né di viaggio, quindi il libro è un’occasione per visitare e descrivere luoghi e popolazione esotiche. Avventure in mare ed in terra, tradimenti (un sopravvissuto che in realtà era stato abbandonato per ammutinamento) fino alla felice conclusione.

    ha scritto il 

  • 5

    Mi primer libro de aventuras. Nunca lo olvidaré. Desde entonces (tendria yo 12 o 13 años) me convertí en un lector voraz de libros de aventuras de Julio Verne, Salgari, etc.

    ha scritto il