I giardini dei dissidenti

Voto medio di 91
| 35 contributi totali di cui 28 recensioni , 7 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Due donne straordinarie: Rose Zimmer, conosciuta da tutti come la Regina Rossa di Sunnyside, nei Queens, è una comunista irriducibile, che s'impone a tutti, vicini, famigliari e membri dei partito con l'intransigenza della sua personalità e l'assolut ...Continua
come un cane...
Ha scritto il 22/02/18
L'arte di saper raccontare storie
Una conferma alla mia passione per Lethem. "I giardini dei dissidenti" è un romanzo americano, newyorkese, nel senso più stretto del termine. Lethem ci porta a scoprire le trame di una famiglia di origini ebraiche, ma soprattutto attraversata dal pos...Continua
Marna
Ha scritto il 27/09/17
Premetto, era il mio debutto con Lethem e ci farò sicuramente un altro ballo. Fare una recensione de Il Giardino dei dissidenti è arduo, come leggerlo e in questo sta la sua bellezza. A chi interpreta la lettura come mero svago, consiglio di lasciarl...Continua
Lauro
Ha scritto il 19/03/16

Una lunga saga americana, decine di pagine noiose ma altri pezzi interessanti e intriganti. Personalmente, molto super valutato dalla critica, però l'ho letto non malvolentieri.

Whisper
Ha scritto il 10/11/15
Ho trovato questo romanzo piuttosto deludente e noioso, probabilmente per chi conosce i luoghi, o per chi ha vissuto alcune delle esperienze raccontate in america può essere un gran romanzo.. ma a me, per quanto scritto bene etc, non ha detto molto. ...Continua
salvaspir
Ha scritto il 23/06/15
SPOILER ALERT
Amo Lethem e ho letto molto suoi libri. Dimostra una grande maestria nell'uso del linguaggio ed è davvero un piacere leggerlo (e qui ci scappa un complimento al traduttore). Ma... questi Giardini mi hanno convinto molto poco. Bello l'inizio, con il p...Continua

Furettocurioso
Ha scritto il Jan 01, 2015, 00:40
“Rose sapeva già tutto quello che aveva bisogno di sapere, e anche di più, sulla svenevole e stridula Edith, e sulle realtà domestiche da cui quest’uomo fuggiva quotidianamente - la monotonia del bacon e delle uova fredde, dei cori e del pianoforte v...Continua
millericcioli
Ha scritto il Nov 25, 2014, 12:59
Il Werkhofinstitut Rosa Luxemburg, anche se tra noi viene chiamato con un soprannome, Garten der Dissidenz, che immagino si possa tradurre come «I Giardini dei dissidenti», per quanto buffo ti possa sembrare.
Pag. 278
millericcioli
Ha scritto il Nov 25, 2014, 12:44
«È proprio per questo che bisogna crescere e scoprire che qualcuno non apprezza la tua famiglia, Tom. Così puoi smettere di pensare che sia il tuo fardello personale, un problema che solo tu puoi risolvere. Ti dà la libertà di vederli come semplici s...Continua
Pag. 226
millericcioli
Ha scritto il Nov 25, 2014, 12:42
nell’appartamento in cui di giorno in giorno una di loro si avvicinava alla desiderabilità e alla fertilità e l’altra se ne allontanava, (..) Ogni giorno che camminava lungo il Queens Boulevard, Rose attirava uno sguardo in meno. A ogni uomo che un t...Continua
Pag. 185
millericcioli
Ha scritto il Nov 25, 2014, 12:42
i Gardens erano popolati da ebrei braccati dalla storia il cui viaggio di immigrati aveva bisogno di raggiungere una destinazione finale.
Pag. 177

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi