Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I giardini della Luna

La caduta di Malazan - Vol. 1

Di

Editore: Armenia

3.9
(515)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 602 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Polacco , Ceco

Isbn-10: 8834416805 | Isbn-13: 9788834416808 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Lucia Panelli

Genere: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Ti piace I giardini della Luna?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Un diffuso malcontento regna nell'Impero di Malazan, teatro di un'estenuante guerra e di cruente lotte intestine. Persino le legioni imperiali, sottoposte a continui massacri, desiderano ardentemente una tregua. Ma il dominio dell'imperatrice Laseen, sostenuta dai suoi temibili sicari, rimane assoluto e incontrastato, e i suoi eserciti continuano la conquista delle città ancora libere dal giogo imperiale. E proprio quando sembra vicina la capitolazione dell'ultima città a resistere, si mettono in moto poteri oscuri al di là di ogni immaginazione e gli dei stessi dovranno schierarsi nell'imminente lotta.
Ordina per
  • 4

    I Giardini della Luna

    E' forse prematuro scrivere una recensione che riguardi una saga lunga come quella de "il libro Malazan dei caduti" (non "la caduta di Malazan" come è stata erroneamente chiamata dalla prima edizione ...continua

    E' forse prematuro scrivere una recensione che riguardi una saga lunga come quella de "il libro Malazan dei caduti" (non "la caduta di Malazan" come è stata erroneamente chiamata dalla prima edizione Armenia) di Erikson, ma questo si rende necessario per via del fatto che non è una saga semplice, che inizia in modo piuttosto confusionario e poco accessibile per il lettore che cerca nel fantasy un percorso più lineare; fermo restando che già dal secondo libro l'esperienza migliori sensibilmente, sia a livello di scrittura, sia a livello di capibilità.

    Si viene subito catapultati in mezzo ad una guerra che vede l'impero Malazan, guidato dall'imperatrice Laseen, che ha destituito il precedente imperatore, conquistare le città libere una dopo l'altra; questo nonostante il malcontento che si diffonde a macchia d'olio nell'impero e che riguarda perfino gli stessi eserciti imperiali. Solo una città resiste alla sete di conquista dell'imperatrice ed è proprio qui che forze oscure e potenti si mettono in moto.

    In questa storia non vi troverete a seguire le gesta di un eroe solitario che inizia la sua avventura da un piccolo villaggio sperduto, con una compagnia che lo deve aiutare a portare a termine il suo destino portandolo da un punto A ad un punto B. No, qui seguirete le vicende di MOLTI personaggi diversi appartenenti a diversi schieramenti, ognuno dei quali ha un proprio abiettivo e le proprie motivazioni dietro ad ogni scelta. Questi personaggi risultano abbastanza caratterizzati, anche se in questo primo libro la maggior parte viene solo accennata, senza dilungarsi in troppe descrizioni delle caratteristiche fisiche o delle azioni che compiono; ci sono tuttavia dei personaggi che spiccano su tutti grazie soprattutto ai sempre convincenti dialoghi.
    Uno dei "difetti" di questo primi libro risulta essere proprio lo stile di scrittura piuttosto affrettato, che non si dilunga più di tanto nelle descrizioni. Non che sia un vero e proprio problema, perché se da un lato l'autore difetta nelle descrizioni (che comunque migliorano nel libro successivo, e non poco), dall'altro gli sviluppi della storia - delle storie - sono in certi punti sorprendenti, arrivando a dei veri e propri colpi di scena. Ma non aspettatevi chiarezza, perché Erickson non ve la darà. Infatti i termini che compaiono e che vengono più volte ripetuti nel corso della narrazione non verranno spiegati in questo libro, ma nei prossimi: il termine CANALE, per esempio, è fondamentale, eppure cosa siano i canali non verrà precisato e lo bisogna dedurre dai dialoghi o da particolari azioni ad essi collegati. Da quel che ho sentito comunque, già dal terzo libro si avrà una panoramica molto più chiara sul mondo creato da Erickson.
    A questo punto avrete capito che la saga Malazan non è fatta per tutti, ci vuole costanza e una buona memoria. E pazienza. Ci vuole memoria perché oltre al gran quantitativo di personaggi presenti ci sono anche un buon numero di trame e sottotrame e gesti che possono di primo acchito sembrare banali e inutili, salvo poi avere conseguenze o rimandi nei libri seguenti.

    Insomma concludo con il dire che il lettore deve ricordarsi che questa non è una saga corta, ma che conta ben dieci volumi: giudicare tutta una saga avendo letto solo il primo libro è prematuro, anche perché, lo dico chiaramente, e gli esperti della saga concordano, il primo libro è il peggiore, sia dal punto di vista puramente narrativo, sia dal punto di vista dello stile di scrittura dell'autore, che scriverà il secondo volume ben sei anni dopo il primo. Quindi se in alcuni punti alcuni eventi vi confondono non vi scoraggiate e continuate nella lettura. Oppure venite sul forum italiano dedicato alla saga, dove utenti bravi e disponibili vi possono aiutare a capire i passaggi più confusi.

    ha scritto il 

  • 4

    Primo volume di una decalogia (!) di più di 10.000 pagine (!!), e quindi lo spazio per introdurci come si deve in questo universo ci sarebbe eccome, ma Erikson sembra pensarla diversamente. Un inizio ...continua

    Primo volume di una decalogia (!) di più di 10.000 pagine (!!), e quindi lo spazio per introdurci come si deve in questo universo ci sarebbe eccome, ma Erikson sembra pensarla diversamente. Un inizio in medias res bisogna saperlo fare, e bene, e qui non si può certo dire che lo sia.
    In ogni caso, la trama non è affatto brutta come si legge in alcune recensioni, anzi l'interesse cresce col giusto ritmo. Ci sono però alcuni nei innegabili (tranne forse dai fanboys più accesi).
    Il primo - ma qui è in certa misura una questione di gusti - è la scelta di non scendere nei dettagli. Anzi, di non descrivere affatto alcune cose: i personaggi, tanto per cominciare. Certo, sappiamo che a uno manca un occhio e che un altro ha la pelle nera, ma poco altro. Così, se Martin ci ha abituato a "farci vedere" anche le pietanze durante i banchetti, il mondo di Erikson lo dobbiamo creare noi, cosa che soprattutto all'inizio si va a sommare alla fatica di una storyline quanto meno impegnativa.
    Il secondo - questa volta gravissimo - aspetto negativo potremmo chiamarlo "POV questo sconosciuto". L'autore è assolutamente incapace di seguire un singolo punto di vista, non dico nel paragrafo, ma persino all'interno della stessa scena. A tratti questa mancanza è davvero fastidiosa, soprattutto quando alcuni dei (numerosi) personaggi principali si ritrovano ad agire nella medesima scena: preparatevi a saltare ogni poche righe dai pensieri di un personaggio a quelli dell'altro, senza nessun preavviso.
    Il libro merita comunque di essere letto, se non altro per la ricchezza e l'originalità dell'ambientazione.

    Voto: 7/10

    ha scritto il 

  • 4

    Quando un antipasto impegnativo preannuncia un banchetto regale...

    Capitolo iniziale della saga "The Malanzan Book of the Fallen" [La Caduta di Malanzan]. Libro parecchio ostico e difficile da approcciare, poiché l'autore ti sbatte subito nelle fauci di una guerra in ...continua

    Capitolo iniziale della saga "The Malanzan Book of the Fallen" [La Caduta di Malanzan]. Libro parecchio ostico e difficile da approcciare, poiché l'autore ti sbatte subito nelle fauci di una guerra in un mondo sconosciuto, dominato dalla magia e dalle divinità che non sono assenti, ma agiscono direttamente nella vita e nelle azioni dei personaggi.
    Decine di personaggi scarsamente descritti, decine di nomi (alcuni di difficile pronuncia), decine di razze umane e non umane, decine di titoli e professioni lontane da ciò che conosciamo,la massiccia presenza di magia, il tutto buttato in un calderone ribollente di azione militare ed intrighi politici. Tutto questo rende le prime 200 pagine una vera e propria sfida, ma se si ha la forza di proseguire il groviglio comincia a districarsi e le dinamiche divengono più chiare. Mi ero preparato adeguatamente, così mi sono lasciato trasportare dalla narrazione, senza farmi troppe domande, e grazie a questo approccio ho apprezzato particolarmente l'esperienza.
    Il punto di forza del libro è quello di aver saputo creare un mondo si unico e complesso, ma che riesce ad intrigare enormemente.
    Ti ritrovi a voler sapere sempre di più di razze quali Tiste Andii, T'Lan Imass, Jaghut, K'Chain Che'Malle e a voler capire le dinamiche che regolano il mondo delle divinità e della magia, rappresentati da Alte Case, Ascendenti e Warrens(o Canali).
    I personaggi sono tratteggiati all'osso, ma per una saga di 10 volumi è prevedibile sperare ad una caratterizzazione completa più avanti.
    Discorso a parte per la pietosa edizione italiana. Sorvoliamo sulle copertine orribili e sulle scelte di adattamento che appunto sono scelte. Ma se al posto di "Parald" ci metti "Paran"(confondendo due personaggi diversi) oppure mi scambi i significati dei nomi T'lan ed Imass si denotano errori di scarsa attenzione e superficialità. Già il romanzo è difficile, ma con un trattamento del genere sfido che i lettori siano tentati di bruciare il libro perchè "non ci si capisce nulla".
    Anche per questo la lettura è mentalmente molto impegnativa, non è consigliabile leggere 10 pagine la sera prima di dormire.
    In conclusione un libro molto avvincente, estremamente competitivo seppur scritto da dio, rappresentante un sostanzioso antipasto di un mondo ed una saga letteraria che si preannuncia come una delle migliori cose mai scritte.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi stava piacendo, ma vale lo stesso discorso di Jordan. Non ho i soldi per cercarmi un numero infinito di volumi e in biblioteca non li trovo... a quando mi sarò trovato un lavoro (e visti i tempi... ...continua

    Mi stava piacendo, ma vale lo stesso discorso di Jordan. Non ho i soldi per cercarmi un numero infinito di volumi e in biblioteca non li trovo... a quando mi sarò trovato un lavoro (e visti i tempi...)

    ha scritto il 

  • 5

    Ci voleva!

    Un autore che spazza via molte (se non tutte) banalizzazioni solitamente attribuite al genere Fantasy.
    Già, perché Erikson compie un’operazione di restyling notevole, senza compromessi, col rischio di ...continua

    Un autore che spazza via molte (se non tutte) banalizzazioni solitamente attribuite al genere Fantasy.
    Già, perché Erikson compie un’operazione di restyling notevole, senza compromessi, col rischio di far storcere il naso a chi da un romanzo pretende solo intrattenimento e buoni sentimenti, o fughe dalla realtà.
    Il taglio che dà ai personaggi, all’ambientazione, alla trama, alla magia è veramente notevole, dimostrando un’immaginazione sciolta e consapevole di star raccontando non tanto una storia, ma un mondo dove il quotidiano e l’irreale convivono degnamente.

    Qui nulla è come sembra e tutto è esattamente se stesso per le prime 200 pagine, dense di significato per i sentieri che incide nella trama. Dopo, cala d'intensità ma aumenta in scorrevolezza, mantenendo salde le premesse e lasciandoci assistere ad un reality show con protagonisti ignari quanto l'osservatore stesso. Non esiste scena che non componga il puzzle generale, il superfluo è bandito: dimostrazione di una notevole serietà verso il lettore e la storia stessa, evidentemente già ricca di suo.
    I protagonisti sono caratterizzati con brevi tratti, ma difficile renderli diversamente data la molta carne al fuoco sotto il sole di Malazan. Il finale riserva minore meravglia rispetto al resto, ma rappresenta solo uno dei colori che comporranno il quadro insieme ai volumi successivi.

    Erikson cambia le prospettive di lettura. Grazie.

    ha scritto il 

  • 4

    Quando la fantasia ha bisogno dell'impegno

    Libro fantasy ostico e impegnativo. Le prime 200 pagine hanno minato la mia pazienza letteraria, non riuscivo a capire niente! Ma ero preparato dopo aver letto qualche recensione sul web e ho tenuto d ...continua

    Libro fantasy ostico e impegnativo. Le prime 200 pagine hanno minato la mia pazienza letteraria, non riuscivo a capire niente! Ma ero preparato dopo aver letto qualche recensione sul web e ho tenuto duro. Alla fine è impossibile non apprezzare il risultato anche se non è una lettura "leggera" con i tanti nomi da ricordare e con la certezza che molti altri libri ti aspettano per arrivare alla fine. Per il momento stacco e non continuerò la saga ma è solo un arrivederci...

    ha scritto il 

  • 4

    Un bel capolavoro

    si sente mentre leggi che nasce da un gioco di ruolo. puoi immedesimarti nei vari personaggi e immaginare il loro dubbio mentre veniva scaraventati in ogni genere di situazione. Estremamente realistic ...continua

    si sente mentre leggi che nasce da un gioco di ruolo. puoi immedesimarti nei vari personaggi e immaginare il loro dubbio mentre veniva scaraventati in ogni genere di situazione. Estremamente realistico, con tante sfumature, nessuno con cui davvero immedesimarsi, ma tutti da apprezzare perchè dal loro punto di vista si dimostrano davvero esseri speciali.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi aspettavo qualcosina di meglio. Devo confessare che non sono per niente avvezzo al genere fantasy-militaresco, e quindi forse il mio giudizio è limitato da ciò; nonostante questo, però, bisogna dir ...continua

    Mi aspettavo qualcosina di meglio. Devo confessare che non sono per niente avvezzo al genere fantasy-militaresco, e quindi forse il mio giudizio è limitato da ciò; nonostante questo, però, bisogna dire che, oggettivamente, non è un gran libro. E' un fantasy, cosa ti aspetti? - dirà qualcuno. Mi aspettavo sì, un po' di più: a partire dalla scrittura, fin troppo rigida e sempliciotta; una trama sin dall'inizio troppo complicata, farcita di un pantheon completamente inventato e di popoli di cui non è che Erikson offra chissà quale presentazione. Insomma, alla fin della fiera, non mi ha entusiasmato e non sono propenso nè a consigliarlo nè, d'altra parte, a precluderne la lettura a chicchessia.

    ha scritto il 

Ordina per