Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I giorni del potere

Di

Editore: Rizzoli (BUR)

4.1
(181)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 879 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo

Isbn-10: 8817114049 | Isbn-13: 9788817114042 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Adriana Dell'Orto

Disponibile anche come: Copertina rigida , Altri

Genere: Fiction & Literature , History , Political

Ti piace I giorni del potere?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Roma, primo secolo a.C., ultimi anni della Repubblica. In un clima politico incerto, tra lotte sociali e guerre civili, si fronteggiano due grandi personaggi, due brillanti generali: Caio Mario e Lucio Cornelio Silla. Sono l'opposto l'uno dell'altro, ma entrambi lottano per il potere. La McCullough, l'indimenticabile autrice di "Uccelli di rovo", ripercorre un periodo decisivo della storia di Roma, confermando la sua maestria nel descrivere i più grandi avvenimenti e i più profondi sentimenti.
Ordina per
  • 3

    Allora: il libro non è male, ma secondo me la narrazione risente di un'eccessiva lunghezza di fondo, che lo rende pesante in alcuni punti. Ciò non toglie che al suo interno si trova un buon ...continua

    Allora: il libro non è male, ma secondo me la narrazione risente di un'eccessiva lunghezza di fondo, che lo rende pesante in alcuni punti. Ciò non toglie che al suo interno si trova un buon approfondimento del periodo storico. Non lo so, non mi ha convinta del tutto. Se prenderò il secondo, sarà solo fra un po' di tempo.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro bellissimo, nonostante la sua mole molto impegnativa, si legge con entusiasmo.... un libro storico ma anche un bellissimo romanzo, che descrive in maniera magistrale personaggi storici... mi ...continua

    Un libro bellissimo, nonostante la sua mole molto impegnativa, si legge con entusiasmo.... un libro storico ma anche un bellissimo romanzo, che descrive in maniera magistrale personaggi storici... mi sono sentita catapultata nell'antica roma, ed è stata un'esperienza davvero fantastica....

    ha scritto il 

  • 4

    uno tira l'altro

    Accidenti, peggio delle ciliegie! sono corsa subito ad acquistare il seguito (i giorni della gloria)! A parte gli scherzi, si legge come un romanzo, ma è dettagliato come un saggio, con il vantaggio ...continua

    Accidenti, peggio delle ciliegie! sono corsa subito ad acquistare il seguito (i giorni della gloria)! A parte gli scherzi, si legge come un romanzo, ma è dettagliato come un saggio, con il vantaggio (nonostante la mole non indifferente di pagine) di spalmare le informazioni storiche all'interno della vicenda in maniera così sublime da non farti neppure rendere conto che ad un certo punto cominci a pensare alla curia,ai comizi,alla suburra,ai tribuni della plebe,al princeps senatus e via dicendo come se fossero luoghi e figure della tua città!

    ha scritto il 

  • 5

    Viaggio nel tempo nella Roma repubblicana; Grandi personaggi storici che prendono vita,quali Caio Mario e Lucio Cornelio Silla,impegnati a sconfiggere Giugurta e i Germani e a battersi con ogni mezzo ...continua

    Viaggio nel tempo nella Roma repubblicana; Grandi personaggi storici che prendono vita,quali Caio Mario e Lucio Cornelio Silla,impegnati a sconfiggere Giugurta e i Germani e a battersi con ogni mezzo possibile nella Curia contro senatori troppo arroganti e tradizionalisti,incapaci di vedere e accettare i limiti della decadente Res Publica. Romanzo imperdibile,superbo nel suo genere!

    ha scritto il 

  • 4

    Ciò che manca è l'approfondimento e la continuità dei personaggi: talvolta cambiano orientamento e decisioni in poche pagine, li lasci e li trovi cambiati troppo nettamente. E' certamente dovuto ...continua

    Ciò che manca è l'approfondimento e la continuità dei personaggi: talvolta cambiano orientamento e decisioni in poche pagine, li lasci e li trovi cambiati troppo nettamente. E' certamente dovuto al rispetto storiografico, che appare molto elevato , a dispetto, appunto, dell'introspezione dei protagonisti. Sarebbe stata interresante più inventiva, immaginazione per comunicare una personalità meno storica ma più autentica (e attuale). Rimane una lettura scorrevole e piacevole, una bella immersione nella Roma repubblicana, che pochi romanzi sanno impostare.

    ha scritto il 

  • 3

    Vale per "I Giorni del Potere" e "I Giorni della Gloria". Buona cura della ricerca storica e dei dettagli, buona scorrevolezza della narrazione. Ho trovato carenze nella caratterizzazione dei ...continua

    Vale per "I Giorni del Potere" e "I Giorni della Gloria". Buona cura della ricerca storica e dei dettagli, buona scorrevolezza della narrazione. Ho trovato carenze nella caratterizzazione dei personaggi, delineati con modi di pensare più adatti all'occidente industrializzato che alla Roma repubblicana, e piuttosto frivoli (forse la cosa è da collegare ai romanzi rosa che la scrittrice aveva pubblicato in precedenza), il che spesso mi ha lasciato un'impressione di superficialità. Questo -e la brutta abitudine di allungare il brodo ripetendo diverse volte le stesse cose- non mi consente di esprimere un giudizio pienamente positivo sui due libri. Resta una lettura interessante, comunque non credo che leggerò altri suoi romanzi del ciclo dell'antica Roma (anche perché a detta di moltissimi, questi due sono i migliori).

    ha scritto il