I giorni dell'abbandono

Di

Editore: E/O (Tascabili)

3.6
(1559)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 228 | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Olandese , Greco

Isbn-10: 8876418563 | Isbn-13: 9788876418563 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Paperback , eBook , Copertina rigida

Genere: Famiglia, Sesso & Relazioni , Narrativa & Letteratura , Rosa

Ti piace I giorni dell'abbandono?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Una donna ancora giovane, serena e appagata, tutt'altro che inattiva nel cerchio sicuro della famiglia, viene abbandonata all'improvviso dal marito e precipita in un gorgo scuro e antico. Rimasta con i due figli e il cane, profondamente segnata dal dolore e dall'umiliazione, Olga, dalla tranquilla Torino dove si è trasferita da qualche anno, è risucchiata tra i fantasmi della sua infanzia napoletana, che si impossessano del presente e la chiudono in una allenata e intermittente percezione di sé. Comincia a questo punto una caduta rovinosa che mozza il respiro, un racconto che cattura e trascina fino al fondo più nero, più dolente dell'esperienza femminile.
Ordina per
  • 3

    Legàmi o Légami?

    Una donna spezzata, la protagonista di questo romanzo.
    Un divorzio banale causato da un tradimento altrettanto banale squarcia il tessuto della normalità e della stabilità della protagonista: una madr ...continua

    Una donna spezzata, la protagonista di questo romanzo.
    Un divorzio banale causato da un tradimento altrettanto banale squarcia il tessuto della normalità e della stabilità della protagonista: una madre, una moglie, una donna. La sofferenza e il baratro diventano l'occasione per riflettere sui rapporti, sull'arbitrarietà dell'amore, sulla dipendenza, e su tutti i piccoli pezzi di noi stessi che inconsapevolmente perdiamo strada facendo, fino a non riconoscerci più allo specchio.
    Un libro impietoso e cupo che però non rinuncia alla speranza. Viscerale come sempre, una Ferrante con le idee estremamente chiare e chirurgica precisione nel suo caratteristico scavare nel magma dei sentimenti.

    ha scritto il 

  • 2

    Sinceramente pur ben scritto come gli altri libri che ho letto di lei questo non mi è piaciuto molto, la trama è inquietante, troppo sgradevole la situazione, insomma mi ha creato più fastidio che pia ...continua

    Sinceramente pur ben scritto come gli altri libri che ho letto di lei questo non mi è piaciuto molto, la trama è inquietante, troppo sgradevole la situazione, insomma mi ha creato più fastidio che piacere

    ha scritto il 

  • 1

    Er giorno de l'abbandono: 03/02/2017

    Nun se pò legge, nun se pò manco tenè en mano st'obbrobrio. Ma come se fa. Je volevano dà 'o Strega. Ma dateje 'n' Averna, che se imbriaca e scrive mejo

    ha scritto il 

  • 3

    Si fa leggere bene soprattutto le prime 80 pagine, poi si attarda in parti non funzionali al racconto. I personaggi sono ben caratterizzati e ti rendono partecipe degli eventi. Come dire però. ..nulla ...continua

    Si fa leggere bene soprattutto le prime 80 pagine, poi si attarda in parti non funzionali al racconto. I personaggi sono ben caratterizzati e ti rendono partecipe degli eventi. Come dire però. ..nulla di orgasmico!

    ha scritto il 

  • 0

    Una narratrice potente da cui amo farmi sbattere in faccia con violenza crudele quanto sia fragile il tessuto del senso che cerchiamo di dare ai nostri giorni. Il dolore corrosivo della donna tradita ...continua

    Una narratrice potente da cui amo farmi sbattere in faccia con violenza crudele quanto sia fragile il tessuto del senso che cerchiamo di dare ai nostri giorni. Il dolore corrosivo della donna tradita e lasciata, l'amore difficile per i figli-sanguisughe, una Torino sempre vagamente ostile, un cane che (lo fanno spesso) libera dalla prigionia, una musica miracolosa, un personaggio che dispiace lasciare al suo destino.

    ha scritto il 

  • 4

    Questo libro rappresenta il percorso di rinascita di una donna abbandonata dal marito.
    Ho provato forte empatia per la protagonista, forse perché nella mia vita ho subito una simile situazione sentime ...continua

    Questo libro rappresenta il percorso di rinascita di una donna abbandonata dal marito.
    Ho provato forte empatia per la protagonista, forse perché nella mia vita ho subito una simile situazione sentimentale...

    ha scritto il 

  • 4

    Bello

    Devo deludere i suoi detrattori, perché a me il libro è piaciuto. Uno scavo coraggioso nell'animo di una donna abbandonata, che smette di volere bene ai figli e al cane di una vita. E una risalita non ...continua

    Devo deludere i suoi detrattori, perché a me il libro è piaciuto. Uno scavo coraggioso nell'animo di una donna abbandonata, che smette di volere bene ai figli e al cane di una vita. E una risalita non scontata...
    Non lo reputo volgare, perché le parolacce furiose, solo alle volte forzate, rappresentano perfettamente il punto di arrivo della disperazione. Stessa cosa per le oscenità: sono scandagliate con occhio critico, non sono pezzi meramente pornografici. È che ne parla una donna e a molte, forse, dà fastidio...

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per