I giorni dell'eternità

The century trilogy vol.3

Di

Editore: Mondadori (Omnibus)

4.0
(1271)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1216 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Spagnolo , Portoghese , Inglese , Catalano , Francese

Isbn-10: 8804643609 | Isbn-13: 9788804643609 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Nicoletta Lamberti , Roberta Scarabelli , Annamaria Raffo

Disponibile anche come: eBook , Paperback

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Politica

Ti piace I giorni dell'eternità?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ne I giorni dell'eternità, Follett segue il destino di cinque famiglie legate tra loro: una americana, una tedesca, una russa, una inglese e una gallese, nel corso del Novecento. Qui si giunge all'epoca più tumultuosa di tutte: il periodo che va dai primi anni Sessanta fino agli anni Novanta, attraverso tutti gli sconvolgimenti sociali, politici ed economici ed i momenti più critici della Guerra Fredda: dai diritti civili, agli omicidi politici, ai movimenti di massa ideologici, al Vietnam, al Muro di Berlino, alla crisi dei missili di Cuba, alla rivoluzione e all'impeachment presidenziale, fino alla nascita del rock'n'roll... Quando Rebecca Hoffman, insegnante nella Germania dell'Est, scopre di essere stata spiata dalla Stasi per anni prende una decisione avventata che avrà delle pesanti conseguenze sulla sua famiglia. In America, George Jakes, figlio di una coppia mista, rinuncia a una promettente carriera legale in una importante azienda per unirsi al dipartimento di Giustizia di Robert F. Kennedy, e resta coinvolto nella battaglia per i diritti civili. Cameron Dewar, nipote di un senatore, non si lascia scappare l'occasione di fare spionaggio per poi scoprire che il mondo è molto più pericoloso di quanto non pensasse. Dimka Dvorkin, giovane assistente di Nikita Khrushchev, diventa un agente di spicco proprio mentre America e Russia si ritrovano sull'orlo della guerra nucleare e Tania, la sua sorella gemella, avrà anche lei una missione che la porterà da Mosca a Cuba, a Praga e a Varsavia.
Ordina per
  • 3

    dei tre è quello che mi è piaciuto meno

    Devo dire che rispetto agli altri questo allunga un po' il brodo; sono stata sul punto di abbandonarlo ma sono felice di non averlo fatto. Sul finale si riprende alla grande e la chiusura è spettacola ...continua

    Devo dire che rispetto agli altri questo allunga un po' il brodo; sono stata sul punto di abbandonarlo ma sono felice di non averlo fatto. Sul finale si riprende alla grande e la chiusura è spettacolare.. ma troppo prolisso.. le storie sono meno avvincenti delle precedenti.

    ha scritto il 

  • 5

    Degna conclusione

    Degna conclusione di un'ottima trilogia. Si arriva fino a citare il 2008, trama bellissima e interessante. Imperdibile per gli amanti del genere ma anche apprezzabile come romanzo. Lettura lunga ma so ...continua

    Degna conclusione di un'ottima trilogia. Si arriva fino a citare il 2008, trama bellissima e interessante. Imperdibile per gli amanti del genere ma anche apprezzabile come romanzo. Lettura lunga ma soddisfacente.

    ha scritto il 

  • 4

    ultimo episodio

    Nonostante il fatto che fosse l'ultimo libro della trilogia e piu' incentrato sulle storie d'amore, mi e' piaciuto. Tratta anche altri avvenimenti storici che a noi eropei purtroppo sono poco noti com ...continua

    Nonostante il fatto che fosse l'ultimo libro della trilogia e piu' incentrato sulle storie d'amore, mi e' piaciuto. Tratta anche altri avvenimenti storici che a noi eropei purtroppo sono poco noti come il segregazionismo e le lotte dei neri. Mi e' piucita molto l'evoluzione delle generazione e il cambiamento dei loro valori, anche se solo impercettibilmente come con Gregorij e suo nipote.

    ha scritto il 

  • 5

    Follet è una garanzia.
    Un piacevole ripasso ed approfondimento di storia, raccontata in maniera avvincente con un’ottima caratterizzazione dei personaggi, come sempre.
    Un viaggio nella storia contempo ...continua

    Follet è una garanzia.
    Un piacevole ripasso ed approfondimento di storia, raccontata in maniera avvincente con un’ottima caratterizzazione dei personaggi, come sempre.
    Un viaggio nella storia contemporanea, dalla guerra fredda alla caduta del muro di Berlino, periodo ricchissimo di avvicendamenti cruciali, narrato attraverso le vicende di più famiglie sparse tra Germania, America, Russia, Inghilterra.

    ha scritto il 

  • 1

    Abbandonato

    Niente da fare...questa saga non mi è piaciuta proprio. Sembrava più un trattato sulla storia della politica che un romanzo. I personaggi hanno continuato a essere piatti, la storia non mi ha coinvolt ...continua

    Niente da fare...questa saga non mi è piaciuta proprio. Sembrava più un trattato sulla storia della politica che un romanzo. I personaggi hanno continuato a essere piatti, la storia non mi ha coinvolta. Peccato!

    ha scritto il 

  • 5

    "Bollino blu"

    Il nome Ken Follett sulla copertina è sinonimo di qualità! Questo è l'ennesimo bellissimo romanzo ambientato in epoca storica. Come è ovvio ho iniziato la lettura avendo già goduto dei capitoli preced ...continua

    Il nome Ken Follett sulla copertina è sinonimo di qualità! Questo è l'ennesimo bellissimo romanzo ambientato in epoca storica. Come è ovvio ho iniziato la lettura avendo già goduto dei capitoli precedenti, ma questo è forse stato il mio preferito perché, nonostante la storia mi sia sempre piaciuta, non conoscevo molti dettagli dell'epoca nella quale si sviluppa la trama.
    Se posso permettermi di aprire e chiudere una parentesi, credo sia incredibile che in Italia a scuola il programma scolastico si fermi al 1948 ancora oggi A volte penso che se non esistessero i romanzi storici o la filmografia non conoscerei quasi nulla degli ultimi 60 anni di storia. Come possiamo capire i fatti d'attualità senza conoscere il passato recente?!
    Perciò, anche se questo non è certo un trattato con valore culturale, penso sia una fortuna che esistano autori come Ken Follett, capaci di appassionare le persone alla storia e capaci di narrare le vicende dei loro personaggi in modo così avvincente.

    Voto massimo! 5/5.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Ken Follett lo leggevo avidamente a vent'anni. Mi piaceva molto e poi ha smesso di appassionarmi, fino a quando non ho iniziato a leggere il primo libro di questa trilogia.
    Qui ripercorre la storia de ...continua

    Ken Follett lo leggevo avidamente a vent'anni. Mi piaceva molto e poi ha smesso di appassionarmi, fino a quando non ho iniziato a leggere il primo libro di questa trilogia.
    Qui ripercorre la storia del mondo dagli anni precedenti la prima guerra mondiale fino alla caduta del muro di Berlino, mescolando sapientemente fatti accaduti e personaggi realmente esistiti con le storie di persone di fantasia abilmente inserite nel contesto storico.
    Nonostante sia una lettura semplice, i suoi personaggi sono come sempre molto definiti nel bene o nel male e, quasi sempre, si distinguono dalla normalità della moltitudine con vite eccezionali, per cui non sempre si riesce a identificarsi con loro. Ma questo non impedisce al lettore di immaginare attraverso il racconto ciò che hanno vissuto e sofferto, le gioie che hanno provato, le conquiste che si sono guadagnati lottando per la loro causa, per il loro futuro e quello dei loro figli.
    La Storia è stata questo, quindi questi personaggi sono esistiti davvero. Davvero ci sono state persone che hanno rischiato la vita per la libertà e l’uguaglianza, che hanno sofferto in silenzio l’isolamento, che sono state torturate fisicamente e psicologicamente, e che infine hanno goduto del loro riscatto vedendo esauditi i loro desideri per cui tanto hanno lottato.
    Dopo tanto dolore, una gioia e un sollievo commovente provoca, tra gli altri, il racconto della caduta del muro, quando una folla di tedeschi dell’Est si riversa nell’Ovest, finalmente libera di uscire da quell’isolamento e di riabbracciare chi era riuscito a fuggire e non era più potuto tornare indietro. Un’emozione fortissima di cui non sono stata in grado di rendermi conto quando sono successi quei fatti e ho visto le immagini in tv, tanti anni fa. Non ne sapevo abbastanza, non capivo abbastanza, non ero empatica abbastanza.
    Ancora una bella emozione nel breve epilogo dedicato all’elezione di Barack Obama alla Casa Bianca, giorno felice per milioni di donne e uomini di colore, e per chiunque abbia sofferto per la segregazione e la persecuzione dei neri negli USA. Un riscatto che comprensibilmente ha aperto una speranza per un mondo migliore. Peccato sia stata una speranza durata pochissimo tempo e ora decisamente vanificata dal nuovo presidente.
    Oggi altre guerre funestano il pianeta, e chissà se un giorno uno scrittore come Follett scriverà della rivincita di donne e uomini sulla fame, la violenza e la distruzione che stanno imperversando ancora in altre forme, con altri protagonisti, e ancora, purtroppo, in quasi totale assenza di buon senso, di umanità e di rispetto per questa terra e per i suoi abitanti.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per