Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I girovaghi

Di

Editore: Einaudi

4.3
(40)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 401 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8806175319 | Isbn-13: 9788806175313 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Eva Kampmann

Genere: Fiction & Literature

Ti piace I girovaghi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Ho trovato questo libro su una bancarella a 50 cent... E' tutto rovinato a ha preso l'acqua, ma è veramete una rivelazione!!!
    Svela i drammi umani di una popolazione oppressa, sospesa nel tempo, dove il futuro di una vita migliore per alcuni è solo un miraggio...
    Da leggere!

    ha scritto il 

  • 5

    Affresco a tinte foschissime ..

    ...di una campagna cinese come ancora ce la immaginiamo ora e come vogliamo, forse, continuare ad immaginarla.
    Arretrata, illiberale, cupa e prona alle forme più bieche del sopruso del "governo del popolo"

    ha scritto il 

  • 0

    il maggiordomo

    ascoltavo i coldplay, così a tempo perso mentre intanto facevo altro, così come a volte succede. per farmi piacere una passante, una che passava in corridoio, mi fa: sai che sono il gruppo preferito di coso?
    coso è uno che mi sta sui maroni potentemente untuoso falso ipocrita sbavoso con le ...continua

    ascoltavo i coldplay, così a tempo perso mentre intanto facevo altro, così come a volte succede. per farmi piacere una passante, una che passava in corridoio, mi fa: sai che sono il gruppo preferito di coso?
    coso è uno che mi sta sui maroni potentemente untuoso falso ipocrita sbavoso con le fanciulle maialesco a tavola uno che gli parlavo e non mi guardava neanche

    ho zittito subito i coldplay e ho messo ripetutamente dei 99posse
    che se a quello lì piacciono i 99 posse io sono pronto a fare il maggiordomo del papa

    ha scritto il 

  • 4

    Nel 1979 in Cina sembrava di stare fuori dal tempo, un periodo sospeso tra il medioevo e la possibilità di un televisore.
    La rivoluzione culturale aveva rimescolato con la rabbia un mondo non devastato ma che semplicemente ancora non era un mondo.
    Come dei barbari che attraversano ter ...continua

    Nel 1979 in Cina sembrava di stare fuori dal tempo, un periodo sospeso tra il medioevo e la possibilità di un televisore.
    La rivoluzione culturale aveva rimescolato con la rabbia un mondo non devastato ma che semplicemente ancora non era un mondo.
    Come dei barbari che attraversano terre lontanissime.

    A questa sensazione di fondo, la nota dissonante per me "lettrice occidentale" si aggiunge la storia, la rivoluzione e l'essere controrivoluzionario, il tacere e il parlare a sproposito all'interno di un grande sistema che tutto vede e tutto sembra volere invece che voler dare. E come sempre la disumanità degli apparati e delle persone che vogliono sopravvivere.

    ha scritto il 

  • 5

    Un viaggio verso la morte o il suo contrario

    Sullo sfondo della Cina totalitaria, le vicende dei numerosi personaggi si aggrovigliano tra loro in una fitta matassa, per svolgersi solo nella condivisione, spesso inconsapevole, di esperienze e dolori originati da un'unica fonte: l’ingenuità umana. Yiyun Li ci rende partecipi di inesorabili de ...continua

    Sullo sfondo della Cina totalitaria, le vicende dei numerosi personaggi si aggrovigliano tra loro in una fitta matassa, per svolgersi solo nella condivisione, spesso inconsapevole, di esperienze e dolori originati da un'unica fonte: l’ingenuità umana. Yiyun Li ci rende partecipi di inesorabili destini attraverso una narrazione documentale ma, allo stesso tempo, dolce e armoniosa che guida il lettore lungo i tortuosi vicoli della mente umana, e le imprevedibili evoluzioni della vita di personaggi che, da semplici abitanti di una cittadina industriale, si riscoprono improvvisamente superflue marionette di un crudele regime totalitario. E la loro esistenza non può che cambiare direzione, per sempre, verso la morte o il suo contrario.

    ha scritto il 

  • 4

    Quanto è vicina la Cina? Quanto è lontana dai nostri parametri cosiddetti occiedentali? non tanto perchè è là a Oriente quanto perchè è veramente un altro mondo e in questo mondo si è imposto il regime comunista tentando di sovrapporsi a un mondo a un sistema di culture troppo forti troppo potent ...continua

    Quanto è vicina la Cina? Quanto è lontana dai nostri parametri cosiddetti occiedentali? non tanto perchè è là a Oriente quanto perchè è veramente un altro mondo e in questo mondo si è imposto il regime comunista tentando di sovrapporsi a un mondo a un sistema di culture troppo forti troppo potenti per essere trasformate.
    i personaggi che compongono il libro e vi girano all'interno quasi senza una meta precisa, almeno apparentemente, non sono altro che la personificazione di questi sistemi culturali irriducibili: il mondo contadino, il mondo intellettuale intrisodi una cultura antica che è stata capace di sopravvivere nei secoli fino ai giorni nostri, il mondo dei bambini.
    Questa lettura è intersecata da un'altra in cui i personaggi del libro, gli stessi raccontati sopra, sono anche le anime e le facce della Cina di oggi con le mille sfaccettature che bene o male vediamo non riuscendo a conoscerle tutte.

    ha scritto il 

  • 4

    sorpresa!

    Una grande narratrice. Personaggi indelebili, di quelli che non sai se identificartici o farteli stare antipatici. Lo sfondo è quello della Cina rivoluzionaria (o controrivoluzionaria?): un gioco duro. E quando il gioco si fa duro, si diventa un po' tutti adorabili figli di puttana.... Eccoli, i ...continua

    Una grande narratrice. Personaggi indelebili, di quelli che non sai se identificartici o farteli stare antipatici. Lo sfondo è quello della Cina rivoluzionaria (o controrivoluzionaria?): un gioco duro. E quando il gioco si fa duro, si diventa un po' tutti adorabili figli di puttana.... Eccoli, i personaggi dei girovaghi: come si fa a essere totalmente contro agli adorabili figli di puttana e a non identificarsi con loro?

    ha scritto il 

  • 5

    Lo leggi e pensi che non è solo un romanzo, e capisci molte cose della cina di ieri. Che poi secondo me, a parte la morte del "glorioso" partito Comunista cinese, sono molte cose della cina di oggi, o forse del mondo in generale. Bello

    ha scritto il