Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I grandi matematici

Di

Editore: Rizzoli (BUR Alta Fedeltà)

4.1
(45)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 713 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8817039640 | Isbn-13: 9788817039642 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Daniele Didero ; Prefazione: Umberto Bottazzini

Disponibile anche come: Tascabile economico

Genere: Biography , History , Science & Nature

Ti piace I grandi matematici?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Un "Instant classic"

    Cosi' si definisce un libro gia' classico fin dal momento della sua pubblicazione, in questo caso libro scritto, nel 1937, da Eric T. Bell, matematico, scrittore ed altro, "uomo dalle mille vite" come si dice in prefazione.


    http://it.wikipedia.org/wiki/Eric_Temple_Bell


    Biografia dei ...continua

    Cosi' si definisce un libro gia' classico fin dal momento della sua pubblicazione, in questo caso libro scritto, nel 1937, da Eric T. Bell, matematico, scrittore ed altro, "uomo dalle mille vite" come si dice in prefazione.

    http://it.wikipedia.org/wiki/Eric_Temple_Bell

    Biografia dei maggiori matematici, dall'antichita' fino ad inizio '900, scritto in stile divulgativo, sebbene molti passaggi siano tecnicamente complessi ma senza inficiarne la comprensione.

    In bello stile letterario/matematico vengono narrate le vite ed i maggiori lavori di questi matematici.

    Molto interessante per scoprire cose nuove o rivedere concetti gia' acquisiti, in particolare quando le vite dei matematici si sono succedute da vicino o sovrapposte, e quindi si capisce il percorso delle scoperte nel tempo.

    Da seconda di copertina: Capostipite di un nuovo genere di biografie, in cui si uniscono storie personali e informazione scientifica, questo saggio ormai divenuto un classico presenta in maniera mirabile il lato umano della matematica, e aiuta così ad avvicinare una disciplina che spesso sembra ermetica e lontana. Attraverso il racconto delle vite di grandi pensatori quali Cartesio, Fermat, Pascal, Newton, Poincaré, Eric Bell si è proposto di far rivivere ai lettori le emozioni, gli affanni e le difficoltà che si celano dietro le loro grandi conquiste scientifiche. Il risultato è un’opera affascinante e coinvolgente; un esempio ineguagliato di storiografia della scienza che ci permette di rileggere l’evoluzione di una branca fondamentale del sapere come una grande avventura culturale e umana.

    ha scritto il 

  • 5

    Uno dei libri più citati nei saggi di matematica. Un libro che si concentra soprattutto sulle biografie dei grandi matematici. Interessante per tutti coloro che vedono nei matematici soltanto molta solitudine e tanti capelli arruffati!

    ha scritto il 

  • 3

    La parte strettamente biografica dei personaggi presi in esame è certamente interessante e curiosa; meno centrata, e forse non poteva che essere così, è la parte biografica "scientifica". Non sempre le spiegazioni ed i risultati dei biografati sono chiare. Da qui il voto certamente non esalt ...continua

    La parte strettamente biografica dei personaggi presi in esame è certamente interessante e curiosa; meno centrata, e forse non poteva che essere così, è la parte biografica "scientifica". Non sempre le spiegazioni ed i risultati dei biografati sono chiare. Da qui il voto certamente non esaltante.

    ha scritto il 

  • 3

    Un viaggio nella storia non tanto della matematica, ma dei matematici, ripercorrendo la vita e le maggiori scoperte dei più grandi pensatori della storia, dal grande Archimede all'incompreso e instabile Georg Cantor.
    Un libro interessante soprattutto per le peculiarità e per i tratti del caratter ...continua

    Un viaggio nella storia non tanto della matematica, ma dei matematici, ripercorrendo la vita e le maggiori scoperte dei più grandi pensatori della storia, dal grande Archimede all'incompreso e instabile Georg Cantor. Un libro interessante soprattutto per le peculiarità e per i tratti del carattere di questi grandi uomini che normalmente nessuno ci spiega e racconta in modo dettagliato. Unitamente a ciò, l'autore propone sommariamente gli argomenti trattati dai grandi maestri, anche se talvolta, come ad esempio nella trattazione sulle funzioni ellittiche o sui residui quadrati di Gauss la forma non solo è poco chiara, ma risulta anche essere noiosa e poco accattivante. Se posso permetermi una critica, io avrei inserito anche Hilbert, Hardy e Ramjuan, tralasciando magari l'opera si rivoluzionaria, ma non profonda come quelle dei sopra citati, di Boole sui fondamenti della logica, ripresi e surclassati in seguito da Russell e Godel. Un bel libro in fondo!

    ha scritto il 

  • 3

    Opera imperdibile ed immancabile, la storia dei matematici e della matematica "for Dummies", come si direbbe oggi. Attraverso le biografie dai greci ai giorni nostri si ricostruisce la storia della matematica e del pensiero matematico

    ha scritto il 

  • 5

    Il Diogene Laerzio della matematica ogni tanto delude un po' con l'approfondimento matematico (alcune considerazioni sono un po' datate, fra l'altro. E Bottazzini ha aggiunto giusto un paio di note qui e la`), ma tutto sommato il libro da` molto. Soprattutto, trasmette entusiasmo.

    ha scritto il 

  • 4

    La scelta di biografie proposta da Bell permette di attraversare la storia d'Europa degli ultimi secoli, vivendo, con gli occhi dei protagonisti di quei tempi, la Rivoluzione francese, le scorrerie di Napoleone e le guerre del XIX secolo.
    L'italiano con cui è scritto non è sicuramente molto attu ...continua

    La scelta di biografie proposta da Bell permette di attraversare la storia d'Europa degli ultimi secoli, vivendo, con gli occhi dei protagonisti di quei tempi, la Rivoluzione francese, le scorrerie di Napoleone e le guerre del XIX secolo. L'italiano con cui è scritto non è sicuramente molto attuale, visto che Bell ha scritto il libro nel 1937 e, soprattutto per quanto riguarda gli ultimi matematici, alcuni discorsi sono un po' superati, ma i profili tracciati meritano sicuramente una lettura. A volte viene quasi il dubbio che Bell abbia incontrato personalmente ognuno di loro...

    ha scritto il