I guardiani della notte

La trilogia

Di

Editore: Mondadori (I grandi)

3.6
(257)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 1248 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8804600411 | Isbn-13: 9788804600411 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Cristina Moroni , Nadia Cicognini

Disponibile anche come: Altri

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Fantascienza & Fantasy

Ti piace I guardiani della notte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La notte di Mosca è cupa e pericolosa, non solo per i criminali che si aggirano in cerca di vittime. Vampiri, stregoni, animali magici e altre creature misteriose si mescolano agli esseri umani. Solo Anton e gli altri guardiani possono riconoscerli: il loro compito è quello di far rispettare la tregua tra Bene e Male, che impegna le forze della Luce e quelle delle Tenebre a vegliare l’una sull’altra, perché nessuna prevalga. Ma qualcosa nella pace millenaria che divide il popolo notturno da quello del giorno sta cambiando e il destino dell’umanità è legato a quello di un ragazzo che non sa di possedere un enorme potere. Un ragazzo che sia le forze della Luce che quelle delle Tenebre vogliono arruolare nella propria fazione. Comincia così una lotta sfrenata per la sopravvivenza dell’umanità, tra cellulari costosi e corvi parlanti, mafia russa e minacce apocalittiche, vodka e sortilegi.
Ordina per
  • 5

    Egor, il cappuccio saldamente calato in testa e la sciarpa ben avvolta fino quasi a celare il volto, sale le scale mobili di una vecchia stazione dopo essere appena sceso dal treno. Il vento sibila e ...continua

    Egor, il cappuccio saldamente calato in testa e la sciarpa ben avvolta fino quasi a celare il volto, sale le scale mobili di una vecchia stazione dopo essere appena sceso dal treno. Il vento sibila e corre all’impazzata, si insinua sin sotto gli abiti e sembra quasi non lo voglia far avanzare tanto sferza violentemente. È quasi mezzanotte ed in giro non c’è nessuno; solo un uomo con la divisa da militare appoggiato al muretto delle scale mobili, un giovane che cammina ascoltando il suo walkman e più in là una donna con il bambino assonnato aggrappato al braccio che si affretta a raggiungere la fermata del tram. Tutto normale. Niente di cui avere paura. Eppure il ragazzino avverte una strana inquietudine, come se qualcuno lo stesse osservando. Attraversa il sottopassaggio della stazione affrettando sempre di più il passo e, finalmente di nuovo instrada, sente per la prima volta quella musica: una melodia ammaliante che sembra chiamarlo in un punto preciso della città. Ai suoni si intrecciano parole ancora inafferrabili, quasi impercettibili, eppure irresistibili. Egor inizia a correre, sempre più veloce, inspirando l’aria gelida della notte, seguendo quel richiamo stregato. Giunto davanti al portone dal quale proviene la musica, nella fitta nebbia scorge due ombre inquietanti che lo scrutano con fare bramoso. Un giovane ed una ragazza dai volti emaciati, dalle guance scavate e vestiti di abiti leggeri come se nel cortile del palazzo non ci fossero venti gradi sottozero. Ormai è troppo tardi per scappare. Le gambe intorpidite e molli sembrano solo rispondere al richiamo delle due ombre; Egor non ha la forza di fuggire, malgrado il grido di paura e di dolore trattenuto in gola... - See more at: http://www.mangialibri.com/libri/i-guardiani-della-notte#sthash.ErwvwgRQ.dpuf

    ha scritto il 

  • 3

    Caotico

    Ho dovuto prender appunti, segnarmi i complicatissimi nomi russi divisi per categoria, nelle file delle Luce e nelle file delle Tenebre, altrimenti non ce l'avrei fatta.
    All'inizio era il caos ma pian ...continua

    Ho dovuto prender appunti, segnarmi i complicatissimi nomi russi divisi per categoria, nelle file delle Luce e nelle file delle Tenebre, altrimenti non ce l'avrei fatta.
    All'inizio era il caos ma pian pianino la nebbia si e' dissipata e ho iniziato a seguire la trama. Si tratta di tre racconti separati ma tutti collegati, stessi personaggi, le storie che si intrecciano.
    L'idea non e' male ma e' difficoltosa la lettura. Forse la traduzione.... Mi par di aver letto che lo scrittore in persona, russo, si sia impegnato a tradurre in inglese personalmente.
    Sto iniziando il secondo libro. Vediamo se va meglio....

    ha scritto il 

  • 4

    Libro da spiaggia 2014_2 ... opera fantasy originale, merita la lettura dei volumi in sequenza continua

    25.07-05.08 "I guardiani della notte"
    06.08-11.08 "I guardiani del giorno"
    11.08-14.08 "I guardiani del crepuscolo"

    ha scritto il 

  • 5

    Finalmente aria fresca per il Fantasy-Horror!

    Già... Finalmente qualcosa di nuovo e interessante riguardo il genere Fantasy e l'Horror; non se ne poteva più di vampiri e maghi nella solita classica forma, questi generi stanno collassando.
    E quest ...continua

    Già... Finalmente qualcosa di nuovo e interessante riguardo il genere Fantasy e l'Horror; non se ne poteva più di vampiri e maghi nella solita classica forma, questi generi stanno collassando.
    E questa trilogia iniziata nel 98', porta veramente una ventata di freschezza.
    Una Mosca non diversa dalla realtà angosciante di questo nuovo secolo, e simbologie fra bene/male e bianco/grigio/nero fanno riflettere sulla realtà del nostro mondo.
    Essere Altri o essere Umani, difficile in ogni caso.
    E non sempre gli Altri sono l'esempio migliore di razza meglio evoluta, anzi.
    Una continua lotta tra luce bianca e oscurità fino alla fine dei tempi.

    ha scritto il 

  • 4

    Urban fantasy russo.
    I libro: i guardiani della notte
    II libro: i guardiani del giorno
    III libro: i guardiani del crepuscolo
    i guardiani della notte sono servi della luce (e, dunque, in linea teorica, ...continua

    Urban fantasy russo.
    I libro: i guardiani della notte
    II libro: i guardiani del giorno
    III libro: i guardiani del crepuscolo
    i guardiani della notte sono servi della luce (e, dunque, in linea teorica, del Bene: le loro azioni possono essere anche distruttive purché si raggiunga un Bene Superiore). agiscono di notte per controllare che le creature delle tenebre (vampiri streghe & CO) rispettino le regole di convivenza con gli umani. agiscono in una dimensione particolare definita Crepuscolo dove il tempo e lo spazio sono distorti rispetto alla nostra realtà. secondo i patti con i guardiani del giorno (cioè forze delle tenebre e perciò, teoricamente, del male, le cui azioni sono mirate al raggiungimento di uno scopo egoistico) ogni azione "luminosa" ne comporta una "oscura" per ricreare un equilibrio di potere

    ha scritto il 

  • 2

    Grande idea mal riuscita. Ogni libro è suddiviso in tre storie, cosa che purtroppo ho scoperto solo dopo l'acquisto altrimenti non lo avrei preso. La storia principale viene trascurata per delle stori ...continua

    Grande idea mal riuscita. Ogni libro è suddiviso in tre storie, cosa che purtroppo ho scoperto solo dopo l'acquisto altrimenti non lo avrei preso. La storia principale viene trascurata per delle storielle usa e getta che alla loro conclusione non lasciano nulla al lettore e non arricchiscono i personaggi.
    Tra il primo e il secondo libro c'è uno stacco temporale di non so quanti anni, durante i quali non si sa cosa è successo; a quanto pare nulla se non ci viene dato nemmeno uno straccio di riassunto. Stile confusionario, spesso ci si perde e non si capisce nemmeno chi è a narrare. Scrittura leggera, in alcuni punti anche molto scorrevole, ma troppo limitata e povera. Il male peggiore è che questo libro non è riuscito a trasmettermi nulla. Personaggi piatti, non approfonditi, noiosi, stereotipati, trascurati tanto da non permetterti di affezionarti a qualcuno di loro. La morte di alcuni protagonisti (avvenuta in due righe) mi ha lasciata completamente indifferente. In conclusione non sono riuscita nemmeno a iniziare l'ultima storia del secondo libro perché non ne sono stata affatto coinvolta. L'inizio del primo libro mi aveva incuriosita, poi è stato sempre più difficile continuare la lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    "I Guardiani della notte – La trilogia”, titoli originali: ”Nočnoj dozor” (Night Watch); “Dneznoj dozer” (Day Watch); “Sumere Nij Dozor” (Dusk Watch), di Sergej Luk’janenko, traduzioni di Nadia Cicogn ...continua

    "I Guardiani della notte – La trilogia”, titoli originali: ”Nočnoj dozor” (Night Watch); “Dneznoj dozer” (Day Watch); “Sumere Nij Dozor” (Dusk Watch), di Sergej Luk’janenko, traduzioni di Nadia Cicognini, Cristina Moroni, Matteo Falcucci, Leo Sorcetti, edizioni Mondadori, ISBN: 978-88-04-60041-1.

    Anton è un uomo dalla vita apparentemente normale, ma in realtà è un “Altro”, una particolare mutazione in grado di utilizzare la magia, sorta di energia naturale che permea il mondo. Gli Altri sono una minoranza, ma non sono rarissimi, vivono spesso ignari della propria natura in mezzo agli altri esseri umani ma, una volta scoperti da loro affini, vengono “iniziati” e acquisiscono l’abilità di penetrare nel Crepuscolo, una dimensione magica accessibile solo a loro e che determina anche l’inclinazione di tutti quelli che vi accedono per la prima volta, l’appartenenza alla Luce, oppure alle Tenebre.

    Anton è un mago della Luce, vive nella moderna Russia a Mosca e fa parte della “Guardia della Notte”, un particolare corpo di polizia che, all’insaputa del resto del genere umano, è incaricato di vigilare sulle creature delle Tenebre e sull’operato delle sue controparti, i membri della “Guardia del Giorno”, che, anch’essi pattugliano le vie della città per assicurare il rispetto del Patto fra Tenebre e Luce con il fine di mantenere l’equilibrio fra le due forze.

    Questo perché, dopo millenni di lotta senza quartiere, le forze della Luce e delle Tenebre hanno stipulato un accordo che le obbliga a mantenere l’equilibrio che è fatto rispettare dalle due Guardie o, dove occorra, grazie alla mediazione e all’intervento di una terza temibile giuria neutrale, l’”Inquisizione”.

    Bella idea, raccontata in modo scorrevole e abbastanza coinvolgente. Potenti personaggi dalle debolezze fin troppo umane dominano le nostre vite lavorando in corpi e uffici che assomigliano anche troppo ai nostri per le loro (stra)ordinarie storie di gerarchia, burocrazia, gelosie, amori, ferie e premi in denaro. Sullo sfondo, una Russia moderna fatta di nuovi ricchi, piccoli mafiosi, sfavillanti grattacieli e fatiscenti palazzi dell’era sovietica e, soprattutto, … tanta vodka.

    ha scritto il 

  • 3

    Appena discreto

    In Biblioteca: 'mmm fantasy di nuova generazione dello Stephen King russo...proviamo'
    Pag. 100 : 'Non male dai'
    Pag. 200: 'un po' troppo poliziesco per i miei gusti'
    Pag. 400: ' E ti pareva...tradisce ...continua

    In Biblioteca: 'mmm fantasy di nuova generazione dello Stephen King russo...proviamo'
    Pag. 100 : 'Non male dai'
    Pag. 200: 'un po' troppo poliziesco per i miei gusti'
    Pag. 400: ' E ti pareva...tradisce il compagno con un amico....che palle adesso lo interrompo'
    Pag. 402: 'Ah ..il compagno non se l'era ancora portata a letto nonostante stessero insieme da qualche mese..ha fatto bene lei, continuiamo'
    Pag. 500: 'La storia vista dal punto di vista delle forze del male é interessante, i buoni sono piú noiosi'
    Pag. 1200: 'Ok sono arrivato in fondo...leggeró il quarto volume'
    Il libro non presenta particolare originalitá per quanto riguarda la struttura narrativa, e lo stile é piú di un giallo che di un fantasy, i 2 capi delle forze del bene e del male (Geser e Zavulon) sono caricati di un'aurea di onnipotenza piuttosto inutile ai fini della trama, che peraltro si rivela fasulla negli ultimi capitoli del libro.
    Certo il fatto di averlo terminato sta a significare che comunque la trama mi é sembrata avvincente, e senz'altro alcuni spunti possono far riflettere sulla natura dell'uomo o del lettore nello specifico (inducendolo a rendersi conto di avere molte piú 'tenebre' in se stesso di quanto forse gli piacerebbe).
    Sarebbe da 3 stelline e mezzo su 5: un discreto fantasy, nulla di più .

    ha scritto il