Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I latitanti

Di

Editore: Zandonai (I Fuochi)

3.7
(3)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 235 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8895538080 | Isbn-13: 9788895538082 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Gabrio Forti ; Prefazione: Sandro Modeo

Disponibile anche come: eBook

Ti piace I latitanti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Gilberto Forti ci restituisce in pochi straordinari tratti la misura vincolante a cui la guerra riduce persone e cose. La dimensione della sopravvivenza non coincide con quella della vita, tuttavia ha il pregio di non nasconderne la precarietà, come ben sanno i latitanti che si ritrovano sospesi, nella loro sub-esistenza, tra una “morte apparente” e una tumultuosa vita interiore. Di questo sfasamento, così come del tormentato rapporto fra memoria e oblio, testimonianza e silenzio, si nutre la scrittura di Forti che nei suoi momenti di asciutto lirismo non si esaurisce mai in un esercizio - seppur alto - di rievocazione storica o biografica. Anzi, da queste storie di giovinezza e di latitanza, ambientate per lo più fra le montagne dell’Appennino emiliano e durante la guerra partigiana, promana un alone di atemporalità che sta a indicare quanto la memoria, individuale e collettiva, sia intaccata da una rimozione necessaria: i ricordi dei superstiti fluttuano in “un regno intermedio fra memoria e immaginazione”, gli stessi luoghi boschivi rifugio dei latitanti e teatro degli scontri bellici sono metafora dello spazio mentale della guerra e di una spettrale convergenza dei vivi e dei morti.
Ordina per
  • 4

    Storie per riflettere, per capire e soprattutto per non dimenticare.
    Ho letto con piacere questa raccolta di racconti grazie alla segnalazione di un altro utente di anobii.
    Il racconto che ho apprezzato maggiormente è "D.D. I custodi della memoria"

    ha scritto il