Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

I libri di Luca

By Mikkel Birkegaard

(176)

| Paperback | 9788846211101

Like I libri di Luca ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Nel cuore di Copenaghen, c'è una libreria antiquaria con un curioso nome italiano: I libri di Luca. Quando Luca Campelli, il proprietario, muore di morte improvvisa e violenta, il negozio passa al figlio Jon, un promettente avvocato che da anni non a Continue

Nel cuore di Copenaghen, c'è una libreria antiquaria con un curioso nome italiano: I libri di Luca. Quando Luca Campelli, il proprietario, muore di morte improvvisa e violenta, il negozio passa al figlio Jon, un promettente avvocato che da anni non aveva più contatti col padre. nello scantinato della libreria, dopo il funerale, Jon apprende dal vecchio commesso Iversen un segreto: Luca era stato a capo di una società Bibliofila e dei cosiddetti Lectores, persone dotate del potere di influenzare gli altri mediante la lettura. un giorno il negozio subisce un attentato incendiario: la morte di luca è forse legata alla lotta di potere all'interno della società Bibliofila? C'è un traditore tra i Lectores? o qualcuno desideroso di acquisire i loro eccezionali poteri? A Joi il compito di venire a capo del ,istero... Serrato, incalzante, appassionante; I libri di Luca è un thriller in cui scoprire quante sorprese si nascondono tra le pagine di un libro. perché ci sono libri che possono cambiare davvero la vita...

245 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    L'idea di base di questo romanzo è intrigante: le parole scritte, le voci e le emozioni che scaturiscono dalla lettura possono modificare il pensiero e le azioni della gente, anzi, tutto questo avviene sistematicamente da millenni senza che i comuni ...(continue)

    L'idea di base di questo romanzo è intrigante: le parole scritte, le voci e le emozioni che scaturiscono dalla lettura possono modificare il pensiero e le azioni della gente, anzi, tutto questo avviene sistematicamente da millenni senza che i comuni mortali lo sospettino...
    Jon Campelli è un brillante giovane avvocato, impiegato in un prestigioso studio legale danese, figlio di un libraio antiquario che viene trovato morto nella sua libreria, pare per un infarto. Jon non aveva alcun rapporto con suo padre poiché dopo la morte violenta della moglie, Luca Campelli aveva abbandonato il figlio, dandolo in adozione. Quando muore il padre Jon eredita la sua libreria e dapprima riflette su una eventuale vendita, poi inizia ad occuparsene, dopo aver assistito a qualche inquietante episodio. Viene fuori che la libreria è il punto di ritrovo dei "Lectores", una sorta di gruppo "occulto" che crede e usa il potere delle parole per influenzare decisioni politiche, economiche o personali.
    L'autore riesce con una certa bravura a mostrare cosa avviene mentre si legge un libro, quali sono i meccanismi e le emozioni attivate ed eventualmente controllate, ma dopo una parte centrale altamente "cospiratoria" con tanto di lavaggio del cervello del protagonista, si perde la serietà del discorso per approdare ad un finale degno di "Indiana Jones e i predatori dell'Arca perduta" che abbassa un po' il livello del ragionamento portato avanti dall'autore.
    Il libro è tuttavia scorrevole anche se in alcuni tratti prevedibile.

    Is this helpful?

    Arwen said on Jul 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Luca Campelli ha una libreria antiquaria a Copenhagen: I libri di Luca. Quando Luca muore improvvisamente tra i suoi libri, come da tradizione la libreria passa al figlio Jon ,avvocato in carriera, con cui i rapporti si erano interrotti anni prima. M ...(continue)

    Luca Campelli ha una libreria antiquaria a Copenhagen: I libri di Luca. Quando Luca muore improvvisamente tra i suoi libri, come da tradizione la libreria passa al figlio Jon ,avvocato in carriera, con cui i rapporti si erano interrotti anni prima. Ma insieme alla libreria, arriva a Jon una verità insospettata e insieme un compito importante: Luca era il capo della Società Bibliofila costituita dai Lectores, capaci di influenzare gli altro mediante la lettura. Quando la libreria va a fuoco senza motivo, Jon comincia a sospettare che ci sia una pericolosa lotta di potere all’interno della Società e toccherà proprio a lui risolvere quest’enigma mortale. Un thriller che ci prende dentro tutti: noi che scriviamo, che pubblichiamo, ma soprattutto noi che leggiamo, perché nostro è il potere. L’atto della lettura è il vero grande mistero, un’alchimia che si scatena tra chi legge e ciò che viene letto: come a dire, ad ognuno il suo destino, ad ognuno il suo libro!

    Is this helpful?

    Paola Rinaldi @pippipaoli said on Apr 25, 2014 | Add your feedback

  • 7 people find this helpful

    Dire brutto mi dispiace, ma la storia non mi ha particolarmente entusiasmato, anzi...
    Quando muore Luca Campelli, proprietario di una libreria antiquaria, il negozio passa al figlio avvocato che si troverà, suo mal ...(continue)

    Dire brutto mi dispiace, ma la storia non mi ha particolarmente entusiasmato, anzi...
    Quando muore Luca Campelli, proprietario di una libreria antiquaria, il negozio passa al figlio avvocato che si troverà, suo malgrado, invischiato in un complotto, e qui non mi è chiaro che genere di complotto.
    Poteri telepatici che si attivano durante la lettura dei libri, organizzazioni segrete, ovviamente i buoni e i cattivi, quelli che voglio dominare e quelli che riporteranno l'equilibrio.
    Diciamo che mi sono lasciata ingannare dalla scritta "caso letterario del decennio" e da alcune frasi lette sulla copertina... "Immagina che i libri possano cambiare il nostro destino".
    Per quel che mi riguarda mi ha deluso, prometteva molto, ma molto di più, invece la storia si perde.

    Is this helpful?

    Annissa said on Apr 16, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    I primi capitoli mi avevano entusiasmato, caspita, un libro che parla di libri e poi...se siete amanti del paranormale è per voi. L ho finito perché volevo capire dove andasse a parare e non l ho capito

    Is this helpful?

    Nelly Pepe said on Apr 16, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    I LIBRI DI LUCA

    Mikkel Birkegaard nasce in Danimarca nel 1968. Esperto di tecnologie informatiche è anche un appassionato bibliofilo grazie all’influenza di una madre bibliotecaria. “ I libri di Luca” è il suo romanzo d’esordio e riscuote subito un grande successo n ...(continue)

    Mikkel Birkegaard nasce in Danimarca nel 1968. Esperto di tecnologie informatiche è anche un appassionato bibliofilo grazie all’influenza di una madre bibliotecaria. “ I libri di Luca” è il suo romanzo d’esordio e riscuote subito un grande successo non solo a livello nazionale ma anche internazionale.
    L’argomento trattato è certamente ricco di fascino: a Copenaghen, Luca Campelli, proprietario di origini italiane della libreria antiquaria “I libri di Luca”, muore in circostanze misteriose. Il figlio Jon, avvocato di talento, che Luca aveva dato in adozione dopo la morte della moglie, eredita suo malgrado la libreria. Attraverso Iversen, vecchio amico e collega del padre, Jon viene a conoscenza di una società segreta, la Società dei Bibliofili, di cui il padre era a capo. La Società dei Bibliofili è formata dai trasmettitori (i cosiddetti Lectores) , capaci di influenzare in profondità gli animi e la ragione di chi li ascolta leggere a voce alta e dai recettori, capaci di ricevere e potenziare i poteri dei Lectores stessi, usando la via telepatica. Katherina, che ha sempre lavorato nella libreria di Luca ed è stata sotto la sua protezione è una ragazza dislessica, ma un’ottima recettrice. Le sue capacità ed il suo amore sosterranno Jon nella difficile fase che sta attraversando. La Storia della Società bibliofila è costellata di ombre e di antichi dissapori che portano ad una divisione che è ancorata al passato ma attualmente sempre presente. Jon scopre che i suoi genitori potrebbero essere stati uccisi da una “ Organizzazione Ombra” che vuole sfruttare i talenti dei Lectores e dei recettori per ottenere potenza, ricchezza e dominio, influenzando la menti della politica mondiale. E un’altra scoperta fondamentale la fa rivelandosi il trasmettitore più potente che possa esistere e perciò ambìto dalla stessa malvagia organizzazione che riuscirà a rapirlo e, dopo averlo sottoposto ad un vero e proprio lavaggio del cervello cercherà di sottoporlo a delle prove volte allo sfruttamento dei suoi inimmaginabili poteri, nella cornice più potente del mondo quale può essere la grande Biblioteca di Alessandria o meglio il luogo su cui essa sorgeva.
    L’ottima base di partenza di questo libro, nata da un’idea sicuramente originale e dotata di grande attrattiva, si scioglie come neve al sole nel disarmonico intrecciarsi di Fantasy-Thriller-Giallo, nei dialoghi scontati, nella costruzione superficiale dei personaggi, nella realizzazione di una trama che di per sé, nonostante diversi colpi di scena, non riesce ad avvincere o a sorprendere. La nota positiva è data, invece, da una certa capacità descrittiva in grado di far percepire l’atmosfera dell’antica e fascinosa libreria danese, con il profumo dei suoi libri, il leggero fruscìo delle pagine, l’odore del cuoio, i preziosi tomi custoditi nelle vetrine illuminate per evidenziare queste vere opere d’arte, la moquette rossa e i tanti volumi lungo le pareti, ai quali si accede protetti da una lignea balaustra che spezzandosi , sotto il peso del corpo del suo proprietario, sarà elemento visibile del primo, drammatico atto di una sceneggiatura che forse, potrebbe adattarsi, sotto la guida di un bravo regista, ad una trasposizione cinematografica più suggestiva. Ma anche qui ho i miei dubbi…..

    Is this helpful?

    Maristella said on Jan 25, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    L'ho trovato noioso,lento e anche un po' inconcludente.
    Sembra più un giallo che altro.

    Is this helpful?

    Fefi said on Nov 7, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book