I love shopping

Di

Editore: Mondadori

3.8
(2729)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 395 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi tradizionale , Francese , Spagnolo , Catalano , Finlandese , Tedesco , Olandese , Polacco , Svedese

Isbn-10: 8804590742 | Isbn-13: 9788804590743 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Altri , Copertina morbida e spillati , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Rosa

Ti piace I love shopping?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Becky è una giornalista che dalle colonne di una rivista finanziaria londinese consiglia risparmio e investimenti sicuri. E' carina, piena di inventiva, determinata. E ha un'irrefrenabile passione: lo shopping. Irrefrenabile al punto da diventare una sorta di malattia che la spinge a comprare abiti, accessori, cosmetici, ma anche dolci, biancheria e articoli per la casa. Salvo poi poi aprire con terrore l'estratto conto della carta di credito...[i]I love shopping[/i] è un romanzo scintillante, ironico e acuto, fatto di situazioni tanto paradossali quanto riconoscibili nella vita di tutti noi: il bestseller assoluto dai cui è nato l'amatissimo personaggio di Becky Bloomwood che, con le sue esilaranti avventure, ha stregato il mondo!
Ordina per
  • 1

    Chick-lit de che ???

    Mah...signorina Kinsella...sinceramente mi lascia con un certo moto di perplessità...è un po' la stessa reazione che si può avere di fronte al discorso di un lontano parente ubriaco ad un matrimonio, ...continua

    Mah...signorina Kinsella...sinceramente mi lascia con un certo moto di perplessità...è un po' la stessa reazione che si può avere di fronte al discorso di un lontano parente ubriaco ad un matrimonio, che tenta di prender parola e formulare frasi di senso compiuto...imbarazzante.

    ha scritto il 

  • 3

    Leggero, ironico, a tratti esilarante. Un libro da spiaggia, o da leggere la sera dopo una giornata pesante. Si legge tutto d'un fiato, la storia scorre bene e i personaggi sono ben delineati (la pro ...continua

    Leggero, ironico, a tratti esilarante. Un libro da spiaggia, o da leggere la sera dopo una giornata pesante. Si legge tutto d'un fiato, la storia scorre bene e i personaggi sono ben delineati (la protagonista è esilarante)

    ha scritto il 

  • 4

    divertente

    lettura leggera (ovvio che chi lo inizia non deve aspettarsi Guerra e Pace, per dire), ma ben scritta, scorrevole e ironica. non si può non trovare simpatica Rebecca, completamente squinternata, che a ...continua

    lettura leggera (ovvio che chi lo inizia non deve aspettarsi Guerra e Pace, per dire), ma ben scritta, scorrevole e ironica. non si può non trovare simpatica Rebecca, completamente squinternata, che alterna momenti di pura follia ad attimi (ma proprio attimi!) di saggezza.
    Cmq il mio animo genovese ha realmente sofferto leggendo gli scoperti delle diverse carte di credito.

    ha scritto il 

  • 5

    Un cult

    Si è ovviamente una lettura leggera, ma nella vita non si puo sempre leggere i mattoni. A mio avviso è l'inizio di una bellissima e spensierata serie di romanzi che ti fa passare un paio d'ore col sor ...continua

    Si è ovviamente una lettura leggera, ma nella vita non si puo sempre leggere i mattoni. A mio avviso è l'inizio di una bellissima e spensierata serie di romanzi che ti fa passare un paio d'ore col sorriso.

    ha scritto il 

  • 3

    Lettura leggera, davvero molto leggera. Preferisco i libri più recenti di Kinsella; mi aspettavo qualcosa in più. Lo consiglio a chi cerca lettura spensierate e simpatiche.

    ha scritto il 

  • 3

    La Kinsella crea un personaggio ironico, a volte folle e, per certi versi, anche saggio.
    L'idea delle lettere inviate dalle banche a Rebecca è originale, ed è forse una delle parti più ironiche del li ...continua

    La Kinsella crea un personaggio ironico, a volte folle e, per certi versi, anche saggio.
    L'idea delle lettere inviate dalle banche a Rebecca è originale, ed è forse una delle parti più ironiche del libro che, però, alla fine, tende a diventare un po' ripetitivo e perde verve.
    Nel complesso, diverte e fa sorridere, ma nulla più.
    Per lo meno, ha il vantaggio di essere scritto bene.

    ha scritto il 

Ordina per