Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I maestri dell'orzo. La saga degli Steenfort

I Classici del fumetto di Repubblica Serie Oro 45

Di ,

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso

4.3
(192)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 365 | Formato: Copertina morbida e spillati

Isbn-10: A000019429 | Data di pubblicazione: 

Genere: Comics & Graphic Novels , History , Mystery & Thrillers

Ti piace I maestri dell'orzo. La saga degli Steenfort?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Con I maestri dell'orzo Jean Van Hamme e Francis Vallès creano un'opera unica nella storia del fumetto, che - come I Buddenbrook di Thomas Mann o l'Heimat cinematografico di Edgar Reitz - narra la storia di una famiglia attraverso le sue generazioni.
Si comincia nel 1854, quando Franz Texel e Charles Steenfort, due giovani delle Ardenne del Belgio, si mettono a produrre dell'ottima birra. Saranno i primi "maestri dell'orzo". Le loro vicende diventeranno, nel corso della saga, quelle dei loro figli e dei loro nipoti. Tutto questo all'interno di un mondo che cambia a una velocità straordinaria, trasformando in industriale e multinazionale quella che all'inizio era una semplice attività artigianale.
Tra drammi, gioie, colpi di scena, odi, amori e tradimenti, una delle saghe più originali e straordinarie del fumetto contemporaneo, raccolta per la prima volta in Italia in un unico volume.
Ordina per
  • 3

    Dopo averlo voluto a tutti i costi, questo volume si è rivelato davvero una delusione; può darsi che io l'abbia idealizzato un po', serbandone un bel ricordo di quando lo leggevo su Skorpyo (o era ...continua

    Dopo averlo voluto a tutti i costi, questo volume si è rivelato davvero una delusione; può darsi che io l'abbia idealizzato un po', serbandone un bel ricordo di quando lo leggevo su Skorpyo (o era Lanciostory?).

    Purtroppo però, la rilettura dell'intero volume ha davvero distrutto l'immagine positiva che avevo in mente; nonostante la trama sia intrigante si ha l'impressione di una leggera frammentazione -anche comprensibile data la serializzazione su rivista-, ma soprattutto si nota come certi episodi e twist nella storia risultino affrettati e tendenti un po' al sensazionalismo da soap-opera. D'altra parte la caratterizzazione dei personaggi, che in fondo dovrebbe essere fondamentale quando si cerca di parlare delle vicende di un'intera famiglia, risulta povera, con dei protagonisti bidimensionali e piatti, quasi canonici, le cui azioni paiono stranamente prevedibili.

    Non voglio cassare l'intero fumetto, in fondo costituisce una buona lettura – e le informazioni sulla produzione della birra sono interessanti-, ma forse le mie aspettative erano un po' troppo alte e l'amarezza della delusione prevale di fronte ad ogni qualità dirimente.

    ha scritto il 

  • 3

    Storia di una multinazionale

    Saga familiare a fumetti, storie di uomini e donne, figli, nipoti, pronipoti che è uno spunto ed una forte base per raccontare anche la storia del Belgio (e un po’ dell’Europa) in quel periodo ...continua

    Saga familiare a fumetti, storie di uomini e donne, figli, nipoti, pronipoti che è uno spunto ed una forte base per raccontare anche la storia del Belgio (e un po’ dell’Europa) in quel periodo di grandi cambiamenti che va dal 1850 al 1990. Storia di una famiglia di Mastri birrai, convinta del suo mestiere, vincente ad ogni costo. Ci narra come è nata l’idea della birra “commerciale”, come si è sviluppata un’azienda in diversi contesti e attraverso le epoche, tra fortune e sotterfugi.

    Personaggi forti, intrighi, amori, il rispetto per la Storia nella storia e i disegni molto belli di scuola franco-belga, che mi ricordano un poco Manara, ne sono punto forte. Buona la costruzione del racconto e delle vignette, paragonabile ai buoni libri su saghe familiari, aiutata dala presentazione delle vignette, che lascia sempre qualcosa in sospeso. I personaggi forti, disinibiti e senza scrupoli che ne sono protagonisti – come Franz Steenfort e Margret – me la rendono troppo simile ad un Dinasty belga e non sono empatici (anche se Margret è un gran personaggio!). La parte più gradita è quella che vede protagonista principale – o sfondo - Margret, e in essa devo dire che ho adorato anche Noel. Un voto medio/alto anche se mi lascia un certo amaro come opera di per sé, se si è buoni non si va avanti, bisogna avere un bel pelo per portare avanti un’azienda di successo.

    This opera by Mmorgana is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License

    ha scritto il 

  • 5

    Supportato dai disegni non particolarmente eccelsi, ma funzionali, di Francis Vallès, Jean Van Hamme ci narra le vicende di una famiglia di birrai belgi, gli Steenfort, dal 1854 fino al 1997. Ben ...continua

    Supportato dai disegni non particolarmente eccelsi, ma funzionali, di Francis Vallès, Jean Van Hamme ci narra le vicende di una famiglia di birrai belgi, gli Steenfort, dal 1854 fino al 1997. Ben presto scopriremo che i veri problemi del capostipite Charles e dei suoi discendenti, non saranno acqua, luppolo, orzo e lievito ma la recessione, due invasioni straniere, la modernizzazione, le multinazionali. Un bello spaccato di storia continentale. France 2, nel 1996, fece un adattamento televisivo in 6 episodi, ovviamente non essendo un prodotto statunitense qui in italia neanche l'ombra.

    ha scritto il 

  • 4

    Meno bello di quanto mi ricordassi

    L'avevo letto a puntate sui settimanali Eura e mi sono concesso una rilettura estiva con grandi aspettative.

    Devo dire che se l'impianto complessivo rimane di valore assoluto e il disegno bellssimo, ...continua

    L'avevo letto a puntate sui settimanali Eura e mi sono concesso una rilettura estiva con grandi aspettative.

    Devo dire che se l'impianto complessivo rimane di valore assoluto e il disegno bellssimo, invece le singole storie scontentano un po', anzi più di un po', rivelando qui e là delle banalità e degli stereotipi che costano alla recensione almeno una stellina. L'unica storia veramente affascinante è in realtà la seconda, quella di Margrit (che rimane anche in seguito uno dei personaggi migliori e il vero motore della serie, che infatti andata via lei perde molto).

    Questa recensione è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.5 Italy. Per leggere una copia della licenza visita il sito web http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ o spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street, Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.

    ha scritto il 

  • 4

    può essere interessante la storia secolare di una famiglia di birrai? ebbene sì, cavolo. l'evoluzione della famiglia steenfort e della loro fabbrica di birra in un paio di centinaia di anni si ...continua

    può essere interessante la storia secolare di una famiglia di birrai? ebbene sì, cavolo. l'evoluzione della famiglia steenfort e della loro fabbrica di birra in un paio di centinaia di anni si rivela incredibile e terribilmente avvincente. una telenovelas che si dipana nel corso degli anni attraverso incredibili peripezie, guerre, escelte, tradimenti, intrighi e complotti. forte e vero.

    ha scritto il