Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I menù di Benedetta

Di

Editore: Rizzoli

4.0
(140)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817060631 | Isbn-13: 9788817060639 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri

Genere: Cooking, Food & Wine

Ti piace I menù di Benedetta?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    A me Benedetta Parodi piace molto, è donna, mamma, moglie, lavoratrice come noi e capisce che per stare dietro ai fornelli c'è una via di mezzo tra perderci 6 ore e fare i soliti piatti triti e ritriti!


    Non ha paura di ricorrere ai semilavorati già pronti (surgelati, verdure in scatola, pa ...continua

    A me Benedetta Parodi piace molto, è donna, mamma, moglie, lavoratrice come noi e capisce che per stare dietro ai fornelli c'è una via di mezzo tra perderci 6 ore e fare i soliti piatti triti e ritriti!

    Non ha paura di ricorrere ai semilavorati già pronti (surgelati, verdure in scatola, paste pronte ecc) perchè anche noi a casa poi li usiamo per tagliare alcuni passaggi e i risultati sono ottimi!!!

    ecco via via le ricette provate e modificate/giudicate:

    - torta brasiliana (p. 271): buonissima ma modificata con +30g farina, -40g zucchero, - 40g cacao... un po' più leggera!

    - capesante gratinate con crema di carciofi (p.90), non male ma i carciofi coprono un po' il gusto delle capesante.

    - fajitas di pollo (p. 74), modificate, con 2 cipolle e 2 peperoni, aggiunta di tabasco, niente limone e niente cumino.

    - gnocchetti di ricotta con la salvia (p. : buoni davvero, mentre li facevo ero sconsolata visto quanto appiccicavano, avevo paura di lavorare tanto per niente ma poi mi sono ricreduta!!! io ho tritato anche 3-4 foglie di salvia nell'impasto per insaporire di più.

    - palle del giorgione, ovvero gnocchi di trevigiana... li-bi-di-no-si!

    - dita di strega, bellissime, buonissime, profumatissime!!!;

    - tortino di alici, troppo saporito per me... dopo 2 forchettate ho scoperto che le alici mi stancano subito... però era venuto bene;

    - p.275, plum cake al muesli... non avendo lo stampo da plum cake ho usato quello da crostata, come muesli ho usato il Grancereale Muesli Croccante (buonissimo)... la torta è però così così, un po' asciuttina, va bene per essere pucciata nel latte ma non credo che la rifarò;

    -P.82: pollo con salsa allo yogurt:ottimo, lo cucino spesso ma non metto aglio e zenzero; volendo si può lessare il pollo, tagliarlo a bocconcini e mischiarlo alla salsa di yogut greco, curry e sale.

    - cucciolini (p. 130), provati per non buttare un avanzo di panna montata e cioccolato dell'uovo di pasqua... non mi hanno convinta

    ... to be continued... and cooked!!

    p.s.: a me i suoi anedoti familiari fanno sorridere, non mi sembrano stucchevoli, sembra il diario di un'amica!!

    ha scritto il 

  • 5

    Nonostante sia sempre stata scettica su questi ricettari della Parodi, perchè amo i libri di cucina con le foto che accompagnano ogni ricetta, questo della Parodi mi ha subito convinto. Ho già provato diversi piatti e...gnamgnam!!!

    ha scritto il 

  • 3

    Se togliamo di mezzo i brevi e patetici commentini all'inizio di ogni ricetta (pietà...)e il sorriso stucchevole in copertina,tutto sommato non è malaccio.Ci sono ricette easy che funzionano e danno soddisfazione.

    ha scritto il 

  • 5

    Molto utile

    E' il secondo libro della Parodi che compro.
    E' un manuale ben strutturato, contiene ricette semplici e ricette più complicate,sia regionali che internazionali. Mi piace lo stile dell'autrice perchè, ad esempio ha modificato alcune ricette rendendole più accessibili ed inoltre i menù sono m ...continua

    E' il secondo libro della Parodi che compro.
    E' un manuale ben strutturato, contiene ricette semplici e ricette più complicate,sia regionali che internazionali. Mi piace lo stile dell'autrice perchè, ad esempio ha modificato alcune ricette rendendole più accessibili ed inoltre i menù sono molto sfiziosi.
    Ottimo per chi è alle prime armi in cucina e per chi vuole sperimentare tra i fornelli.
    "Non tutti possono diventare grandi artisti, ma un grande artista può celarsi in ognuno di noi"

    ha scritto il 

  • 1

    Sbrigativo e raffazzonato libro di cucina scritto (probabilmente) da una persona che cuoca non è e nemmeno ci prova: espressioni come "Alzi la mano chi resiste al fritto. Io no di sicuro!" mi danno ai nervi. Cosa sei, la mia vicina di casa o una persona a cui io ho dato 16 euro per leggere delle ...continua

    Sbrigativo e raffazzonato libro di cucina scritto (probabilmente) da una persona che cuoca non è e nemmeno ci prova: espressioni come "Alzi la mano chi resiste al fritto. Io no di sicuro!" mi danno ai nervi. Cosa sei, la mia vicina di casa o una persona a cui io ho dato 16 euro per leggere delle ricette?

    Si cerca di ammucchiare un po' di tutto a cazzo di cane, compresa la cucina straniera, e poi si consiglia nella ricetta dei nachos messicani di comprare delle patate surgelate al rosmarino... E che cazzo di nachos sono, nomineddio?!) con risultati dubbi. Buono se si deve invitare gente a cena all'ultimo minuto e si vuole ammucchiare un po' di roba a caso in un piatto, modello zuppa di spago blu di Bridget Jones.

    ha scritto il