I milanesi ammazzano al sabato

Il giallo italiano: Giorgio Scerbanenco, 4

Voto medio di 1978
| 333 contributi totali di cui 323 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Donatella è scomparsa. È bellissima, sembra una svedese, con quei lunghi capelli biondi e quel profilo antico. Ma è debole di mente: per la strada guarda gli uomini, sorride a tutti e, qualunque cosa le dicano, risponde di sì. Perciò suo padre, il ve ...Continua
Grazia
Ha scritto il 01/01/18
"Guai a coloro che offendono un uomo mite"
Lui umile camionista, indefesso lavoratore, milanese nelle viscere. Lei bellissima ma minorata. Lui fa di tutto per proteggerla dalla vita, riservandole il trattamento e la cura dei beni più preziosi. Lui, Armazio Barzaghi. Lei, la figlia Donatella....Continua
  • 18 mi piace
  • 4 commenti
Cymon
Ha scritto il 11/09/17
Quello che colpisce allo stomaco, di Scerbanenco, è la sconvolgente umanità del suo racconto, la sua vicinanza al reale, la sfera intima dove riesce a entrare per dare il punto di vista sulla sua storia. Forse c'è anche del personale, nel mio rapport...Continua
  • 1 mi piace
Fabio77
Ha scritto il 18/07/17
Una Milano lutulenta che ti resta attaccata addosso
Una Milano squallida e sordida. Non c'è alcuna grandiosità, nemmeno nel male più abietto, i criminali sono gentucola rozza che delinque a caso e che conosce una vita meschina e monodimensionale. E quando incrocia la Milano seria, lavoratrice, operaia...Continua
  • 2 mi piace
Alys86
Ha scritto il 11/07/17
Una scrittura che è come masticare piccoli vetri resi appuntiti dall'infrangersi di ogni speranza nel genere umano. Ti lavora dentro, poco a poco, come il delitto di una persona che conosci e che non meritava quella fine. Un sarcasmo fine, forse d'al...Continua
  • 1 mi piace
Rain
Ha scritto il 05/05/17
Una sorpresa
Non avevo mai letto niente di lui..è stata una folgorazione..mi sono innamorata di dica lamberti, del suo personaggio, del modo di scrivere e dei termini inusuali utilizzati (qualcuno potrebbe definirli arcaici ma io li ho trovati poetici). Ho amato...Continua

Angebet
Ha scritto il Mar 01, 2017, 14:25
"Se non fosse stato sabato non l'avrei fatto, tutto questo disastro."
Inviaggio
Ha scritto il Apr 19, 2011, 19:02
Duca guardò con piacere Livia che faceva una vendemmia di brioches nel suo cappuccino, pensò che le donne che non hanno paura di mangiare sono le migliori donne.
Pag. 78
Uffi
Ha scritto il Dec 21, 2008, 19:45
Un vecchio milanese, lavora sempre, ogni giorno, durante tutta la settimana, anche se corta. Se commette qulache cosa che non va, la commette al sabato.
Pag. 169
Uffi
Ha scritto il Dec 21, 2008, 19:40
... oggi i deliquenti non hanno più alcun pudore, alcuna paura, parlano tranquillamente in trattoria, in mezzo alla gente, con gli amici e le loro baldracche, che la mattina dopo andranno ad ammazzare la mamma, e la mattina dopo, infatti, l'ammazzano...Continua
Pag. 134
MartinaViola
Ha scritto il Nov 20, 2008, 13:24
Un vecchio milanese, lavora sempre, ogni giorno, durante tutta la settimana, anche se corta. Se commette qualche cosa che non va, la commette al sabato.
Pag. 172

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi