Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I miserabili

Di

Editore: Newton & Compton

4.5
(4035)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 960 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Francese , Portoghese , Svedese , Olandese , Turco , Polacco , Ungherese , Ceco

Isbn-10: 8882899942 | Isbn-13: 9788882899943 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Riccardo Reim ; Adattatore: E. De Mattia

Disponibile anche come: Altri , Cofanetto , Paperback , Copertina morbida e spillati , Rilegato in pelle , Copertina rinforzata scuole e biblioteche , CD audio , eBook , Non rilegato , Tascabile economico

Genere: Fiction & Literature , History , Social Science

Ti piace I miserabili?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    riconosco la grandezza di hugo, ma è l'unico autore che mi spinga a saltare piè pari interi capitoli.
    con Notre Dame de Paris ho saltato il capitolo sul portone e i suoi restauri e compagnia bella, qui....beh, mi spiace, ma waterloo, il dialetto parigini dei gamin e compagnia bella non sono riusc ...continua

    riconosco la grandezza di hugo, ma è l'unico autore che mi spinga a saltare piè pari interi capitoli. con Notre Dame de Paris ho saltato il capitolo sul portone e i suoi restauri e compagnia bella, qui....beh, mi spiace, ma waterloo, il dialetto parigini dei gamin e compagnia bella non sono riuscita a r(l)eggerli. molti personaggi sono stereotipati, cosette per dire è la cosa(appunto XD) più inutile del pianeta se non come strumento di ulteriore redenzione da parte di Jean; Javert è la persona più ottusa di cui abbia memoria, chi è cattivo è estremamente cattivo, chi è buono è estremamente buono. Non so, ho voluto impormi una volta tanto una lettura a tutti i costi. Mai più.

    ha scritto il 

  • 5

    Recensire i miserabili è una cosa alquanto impossibile, e forse pure inutile.
    La bellezza di questo libro, la sua grandezza è inconcepibile, i suoi personaggi assurdamente veri. Non sento di compiere alcun torto nel dire che è sicuramente uno dei libri più belli mai scritti, uno di quelli che vi ...continua

    Recensire i miserabili è una cosa alquanto impossibile, e forse pure inutile. La bellezza di questo libro, la sua grandezza è inconcepibile, i suoi personaggi assurdamente veri. Non sento di compiere alcun torto nel dire che è sicuramente uno dei libri più belli mai scritti, uno di quelli che vi avvolgerà completamente. Come ho detto al mio ragazzo è inutile consigliarlo, va letto, non leggerlo è, detto proprio nella maniera meno consona e forse blasfema, come non aver mai mangiato la pizza. Quanta bellezza ti perdi.

    ha scritto il 

  • 3

    Me ha gustado conocer por fin la historia completa de Jean Valjean, Cosette, Marius, Eponine, Javert... Creo que la mayor riqueza de esta obra son sus personajes y la complejidad psicológica de los mismo. No obstante, creo que hay meditaciones políticas y filosóficas del autor que no tengo capaci ...continua

    Me ha gustado conocer por fin la historia completa de Jean Valjean, Cosette, Marius, Eponine, Javert... Creo que la mayor riqueza de esta obra son sus personajes y la complejidad psicológica de los mismo. No obstante, creo que hay meditaciones políticas y filosóficas del autor que no tengo capacidad para comprender bien y que han hecho que la lectura se me hiciera en ocasiones tediosa.

    ha scritto il 

  • 4

    Forse non dovrei giudicarlo con gli occhi di un lettore moderno ma ci sono tante cose che non ho tollerato: i buoni sono troppo buoni, i cattivi troppo cattivi, le coincidenze troppo improbabili, lo "show don't tell" troppo a ramengo, le digressioni troppo lunghe e fuori luogo.
    Ma, nonostante que ...continua

    Forse non dovrei giudicarlo con gli occhi di un lettore moderno ma ci sono tante cose che non ho tollerato: i buoni sono troppo buoni, i cattivi troppo cattivi, le coincidenze troppo improbabili, lo "show don't tell" troppo a ramengo, le digressioni troppo lunghe e fuori luogo. Ma, nonostante questo, molte parti mi hanno catturato, tanto da leggere il finale mentre cammino, rischiando di sbattere contro wualche palo, cosa mai fatta prima.

    ha scritto il 

  • 5

    Il monumento della letteratura francese

    Sono millecinquecento pagine,fitte fitte,di drammi,trattati politici e culturali,storie romantiche,una fotografia cruda ,realistica e spettacolare di un momento,il IXX secolo,come affermò Baudelaire “Non un romanzo,ma un maestoso poema”. In quest’opera Hugo ha uno scopo,che trasuda da ogni pagina ...continua

    Sono millecinquecento pagine,fitte fitte,di drammi,trattati politici e culturali,storie romantiche,una fotografia cruda ,realistica e spettacolare di un momento,il IXX secolo,come affermò Baudelaire “Non un romanzo,ma un maestoso poema”. In quest’opera Hugo ha uno scopo,che trasuda da ogni pagina,un’utopia che cerca di comunicare attraverso l’Hugo poeta,l’Hugo professore,l’Hugo politico,che fonde in uno strumento comunicativo dirompente,e questa è la genesi del Romanzo,un messaggio universale,il succo della rivoluzione della sommossa,un sogno di eguaglianza,una battaglia alla povertà,all’odio,e alla guerra,che egli ci pone nelle maniere più estreme,senza filtri,senza rimorsi. Ne “i Miserabili”si scopre l’Hugo maturo,lo scrittore,già attivo politicamente all’epoca della stesura dell’opera ha un’idea,che l’uomo non nasce miserabile,egli è un prodotto della stessa malata,che lo crea a proprio bisogno e consumo,ma in lui c’è la chiave,il seme dell’amore,della generosità,dell’altruismo,la carità. E’ un messaggio forte,che la rivoluzione francese non si è compiuta finche essa non arriva a toccare tutti,finche non diventa rivoluzione in tutte le vite dei francesi,e degli uomini di tutte le società,che è incompleta perchè non è stata totale,e la chiave sta’ proprio nel miserabile e in esso c’è il veicolo per completarla. Monsignor Benvegnù ,Jean Valjean, Marius Pontmercy,Cosette,Gavroche,i Thenardier,sono solo alcuni dei protagonisti,e da qui si apre un mondo,ogni personaggio è una vita, un romanzo nel romanzo,ognuno di loro rappresenta uno spaccato della società,una sfumatura dell’animo umano,Hugo indaga,ricerca,approfondisce il vissuto dei suoi personaggi per giustificarli,per,attraverso di loro,spiegarci in maniera pertinente che non bisogna vedere il miserabile solo come tale,ma vederlo come il frutto di un di un’esperienza,di un ambiente ostile,nocivo,che ha bisogno di cure,ma è anche capace di prove di eroismo altissime. Non è comunque una lettura semplice,non tanto per la prosa,che risulta moderna e scorrevole,quanto per i momenti in cui il nostro caro “Hugo professore”decide di intrattenerci con interminabili trattati a volte interessanti,a volte mortalmente tediosi,come ad esempio quello della genia delle parole francesi. Il romanzo comunque risulta grandioso,non tanto per la trama di per se stessa,ma per la caratterizzazione dei personaggi,in cui si riesce a scorgere tutte le sfaccettature della società,e per la volontà ferrea e consapevole dell’autore,tramite la sua opera,di cercare di cambiare il mondo,e forse in parte c’è anche riuscito. Un monumento commovente agli aspetti più nobili dell’animo umano.

    ha scritto il 

  • 3

    Me ha gustado conocer por fin la historia completa de Jean Valjean, Cosette, Marius, Eponine, Javert... Creo que la mayor riqueza de esta obra son sus personajes y la complejidad psicológica de los mismo. No obstante, creo que hay meditaciones políticas y filosóficas del autor que no tengo capaci ...continua

    Me ha gustado conocer por fin la historia completa de Jean Valjean, Cosette, Marius, Eponine, Javert... Creo que la mayor riqueza de esta obra son sus personajes y la complejidad psicológica de los mismo. No obstante, creo que hay meditaciones políticas y filosóficas del autor que no tengo capacidad para comprender bien y que han hecho que la lectura se me hiciera en ocasiones tediosa.

    ha scritto il 

  • 5

    «Fino a quando esisterà, per causa delle leggi e dei costumi, una dannazione sociale, che crea artificialmente, in piena civiltà, degli inferni e che complica con una fatalità umana il destino, che è divino; fino a quando i tre problemi del secolo, l'abbrutimento dell'uomo per colpa dell'indigenz ...continua

    «Fino a quando esisterà, per causa delle leggi e dei costumi, una dannazione sociale, che crea artificialmente, in piena civiltà, degli inferni e che complica con una fatalità umana il destino, che è divino; fino a quando i tre problemi del secolo, l'abbrutimento dell'uomo per colpa dell'indigenza, l'avvilimento della donna per colpa della fame e l'atrofia del fanciullo per colpa delle tenebre, non saranno risolti; fino a quando, in certe regioni, sarà possibile l'asfissia sociale; in altre parole, e, sotto un punto di vita ancor più esteso, fino a quando si avranno sulla terra, ignoranza e miseria, i libri del genere di questo potranno non essere inutili.»

    Basta questa citazione, le prime frasi dell'opera in questione: un capolavoro immenso. Ok, Hugo tende troppo a divagare (mi riferisco ai capitoli prettamente storici, per non parlare delle pagine sul possibile utilizzo del "timo", delle fogne romane, parigine... ma ha reso tutto interessante, tutto). Finalmente, dopo anni, sono riuscito a ritrovare un libro capace di trasmettermi quasi le stesse emozioni di un Dostoevskij o Tolstoj.

    ha scritto il 

Ordina per