Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

I nani di Mantova

Di

Editore: Giunti Editore

4.0
(74)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 64 | Formato: Altri

Isbn-10: 8809207416 | Isbn-13: 9788809207417 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Children , Fiction & Literature

Ti piace I nani di Mantova?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Illustrato per l'infanzia.
    Mi spiace per l'Autore, che stimo ed apprezzo, ma questa storia (con la scusante di essere frutto di un lavoro a più mani) è noiosa, e le illustrazioni non mi sono piaciute, preferisco ricordare i tempi in cui si poteva entrare a piacimento nelle cosiddette abitaz ...continua

    Illustrato per l'infanzia.
    Mi spiace per l'Autore, che stimo ed apprezzo, ma questa storia (con la scusante di essere frutto di un lavoro a più mani) è noiosa, e le illustrazioni non mi sono piaciute, preferisco ricordare i tempi in cui si poteva entrare a piacimento nelle cosiddette abitazioni dei nani.

    ha scritto il 

  • 4

    Signori e buona gente, venite ad ascoltare: dei nani le avventure vi andremo a raccontare

    Leggere Gianni Rodari è un piacere anche quando ormai l'età sembra "proibircelo."Il Raccontino, come nella migliore tradizione di Rodari è arricchito da simpatiche filastrocche, narra le vicende di cinque nani che vivono presso la reggia del Duca di Mantova. Stanchi della vita di corte ma sopratt ...continua

    Leggere Gianni Rodari è un piacere anche quando ormai l'età sembra "proibircelo."Il Raccontino, come nella migliore tradizione di Rodari è arricchito da simpatiche filastrocche, narra le vicende di cinque nani che vivono presso la reggia del Duca di Mantova. Stanchi della vita di corte ma soprattutto delle prese in giro del buffone Rigoletto ( volutamente il nome rimanda all'opera di Giuseppe Verdi)e vogliosi di scoprire un metodo per crescere in altezza fuggono da palazzo inseguiti dal capitano delle guardie. Durante la loro "latitanza" i nanetti vengono accolti e protetti dalla gente del quartiere povero del ducato.
    In clandestinità impareranno ognuno un mestiere nel quale la bravura e il talento li renderà "giganti". Quando Capitan Bombarda, grazie a una spiata, circonderà il loro rifugio dovrà battersi con cinque uomini non più con cinque nani e il risultato della tenzone sarà imbarazzante per il militare.
    (Il racconto è impreziosito dalle belle illustrazioni di Daniela De Luca)

    ha scritto il 

  • 5

    grazie alla "compagnia del libro che me l'ha fatto scoprire"!
    In questo racconto-filastrocca si racconta di come , nel palazzo ducale di Mantova ci siano delle stanze segrete in cui abitano i nani. Piccoli di statura e maltrattati invidiano e temono chi è più "grande" di loro. Allora scappan ...continua

    grazie alla "compagnia del libro che me l'ha fatto scoprire"!
    In questo racconto-filastrocca si racconta di come , nel palazzo ducale di Mantova ci siano delle stanze segrete in cui abitano i nani. Piccoli di statura e maltrattati invidiano e temono chi è più "grande" di loro. Allora scappano e vanno a palazzo Tè, nella sala dei giganti a chiedere consiglio.
    Non fanno in tempo a capire il messaggio dei giganti “Amico vuoi sapere perché tu e ituoi compagni siete dei nani? Perché vivete nell’appartamento dei nani” che vengono ulteriormente umiliati. Allora scappano nascondendosi tra il popolo e lì scoprono, finalmente di essere utili e di avere un valore. Fino all’epilogo finale quando “Và capita Bombardo, riporta a tutti quanti, che uniti pure i nani, diventano giganti.”
    Un bellissimo messaggio per i bambini e per gli adulti. Un libro da leggere e rileggere e cantare.
    Ed anche uno spunto per andare a visitare, sul serio, palazzo Tè e palazzo ducale a Mantova.

    ha scritto il 

  • 5

    "... uniti pure i nani diventano giganti!"
    Bravissimo Rodari, solo per questa frase la favola merita una rilettura. E tanto rimpianto per il bello del comunismo che non sappiamo più regalare ai bambini.

    ha scritto il